Una banda di idioti

Di

Editore: Marcos y Marcos (Gli alianti; 54)

4.0
(2785)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 431 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Spagnolo , Francese , Tedesco , Svedese , Catalano , Danese , Portoghese , Galego , Ceco

Isbn-10: 8871682211 | Isbn-13: 9788871682211 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Luciana Bianciardi ; Prefazione: Stefano Benni

Disponibile anche come: Copertina rigida

Genere: Narrativa & Letteratura , Umorismo , Filosofia

Ti piace Una banda di idioti?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
La "Banda" è ambientato nella città natale di Toole, New Orleans, e raccontala storia di Ignatius O'Reilly, un personaggio definito da Walker Parcy "senza alcun precedente nella storia della letteratura mondiale". Ignatius, grasso e indolente giovane uomo di talento, laureato in filosofia medievale, se la prende con tutto e con tutti. Accusa il mondo intero di buttare nella spazzatura una vita fatta di TV, musica inascoltabile e fesserie varie.Senonché trascorre lui stesso gran parte della giornata in questo modo. Si ritiene un genio, ma non riesce a produrre nulla di convincente, se non pasticci. La madre lo salva in svariate situazioni, finché un giorno viene arrestato in stato di ubriachezza, e lei cerca di ricoverarlo...
Ordina per
  • 5

    Spassoso e Geniale!

    Quando ho iniziato a leggerlo non riuscivo più a fermarmi, divertentissimo. Mette tristezza pensare che l'autore non abbia ricevuto riconoscimento del suo lavoro in vita.

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    3

    libro molto particolare, non si sa bene a chi affezionarsi perchè sono tutti personaggi negativi, chi per un verso chi per un altro. Personaggi estremi, come li potremmo vedere per le nostre strade ma ...continua

    libro molto particolare, non si sa bene a chi affezionarsi perchè sono tutti personaggi negativi, chi per un verso chi per un altro. Personaggi estremi, come li potremmo vedere per le nostre strade ma sottilmente esacerbati per renderli ancora più urticanti, in un carosello di figure che compaiono e scompaiono per poi ritornare, in situazioni paradossali ma che potrebbero essere reali, se non fosse che il gioco delle parti le rende grottesche.
    Sicuramente non un testo da scorrere con leggerezza, ma non per questo pesante da un punto di vista stilistico

    ha scritto il 

  • 5

    Che pallle in alcuni paragrafi...

    ma vale la pena leggere qualche pagina che non ti garba per il resto? Decisamente.
    La storia è un pretesto, tutti i personaggi sono "ininfluenti", tutto viene fagocitato da Ignatius, un personaggio i ...continua

    ma vale la pena leggere qualche pagina che non ti garba per il resto? Decisamente.
    La storia è un pretesto, tutti i personaggi sono "ininfluenti", tutto viene fagocitato da Ignatius, un personaggio irriverente, politicamente scorretto, ironico, molto spesso anche lui vittima di idiozia. Se tutti gli idioti fossero come lui vivremmo forse in un mondo migliore. Perchè Ignatius non è soltanto obeso e scansafatiche... ma regala vere pillole di filosofia.
    Mi ha divertito molto, moltissimo. Quanto sarebbe stato figo avere ancora John Kennedy Toole tra noi.

    ha scritto il 

  • 0

    in wishlist da quasi 20 anni, avrei fatto meglio a lasciarlo lì ....

    Ho sempre girato attorno a questo libro, e alla sua rocambolesca pubblicazione e al suo roboante successo postmortem ripromettendomi di leggerlo prima o poi. Si sa, i percorsi di lettura non sono mai ...continua

    Ho sempre girato attorno a questo libro, e alla sua rocambolesca pubblicazione e al suo roboante successo postmortem ripromettendomi di leggerlo prima o poi. Si sa, i percorsi di lettura non sono mai lineari, l'ho comperato e regalato senza leggerlo un paio di volte (mai sottovalutare i segni del destino!) e poi complice il kindle e il torneo US Open del Gruppo Letteratura Americana mi son detta: Diamogli una chance, è arrivato il suo momento, evvai, leggo il capolavoro misconosciuto.
    E invece no, non ce l'ho fatta a leggerlo. Ho dovuto rileggere le prime 5 pagine due volte: continuavo a dimenticare cosa stessi leggendo, e questo magari non sarà un segno del destino ma la vecchiaia che ci frega la memoria. Sia quel che sia, addio ignatius, non riesci proprio a interessarmi, tu e la pallosissima banda di idioti.

    ha scritto il 

Ordina per