Una confidenza di Maigret

Di

Editore: Oscar Mondadori

3.8
(306)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: | Formato: Tascabile economico | In altre lingue: (altre lingue) Francese , Inglese , Portoghese , Spagnolo , Olandese

Isbn-10: 8804364874 | Isbn-13: 9788804364870 | Data di pubblicazione: 

Disponibile anche come: Altri , Paperback , eBook

Genere: Narrativa & Letteratura , Mistero & Gialli

Ti piace Una confidenza di Maigret?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Ordina per
  • 4

    Un Maigret poliziesco e misterioso.

    Mi sbalordisce la varietà degli intrecci dei circa 100 libri gialli scritti da Maigret.
    Ho letto nell'ultimo mese 4 libri che Simenon ha scrito tra il 1957 e il 59. Hanno lo stesso protagonista ed ent ...continua

    Mi sbalordisce la varietà degli intrecci dei circa 100 libri gialli scritti da Maigret.
    Ho letto nell'ultimo mese 4 libri che Simenon ha scrito tra il 1957 e il 59. Hanno lo stesso protagonista ed entorurage, e, naturalmente, lo stesso stile letterario. Eppure le trame e gli ambienti sono così diversi che ci si meraviglia. Questo addirittura si svolge con un Maigret con le mani legate. Non deve indagare!
    Ottimo come i tre precedenti.

    ha scritto il 

  • 5

    null

    Episodio anomalo nella serie Maigret.
    In questo libro il commissario raccoglie lo sfogo dell'amico dottore e, a sua volta, racconta un caso giudiziario del passato che non lo ha soddisfatto.

    "Vede Pa ...continua

    Episodio anomalo nella serie Maigret.
    In questo libro il commissario raccoglie lo sfogo dell'amico dottore e, a sua volta, racconta un caso giudiziario del passato che non lo ha soddisfatto.

    "Vede Pardon, dopo che è stato commesso un delitto non c'è più niente di semplice. Le azioni di dieci, venti persone, azioni che fino a qualche ora prima sembravano normali, appaiono all'improvviso sotto una luce più o meno equivoca.
    Tutto diventa possibile!
    Nessuna ipotesi, di per sé, può essere considerata assurda. E non esistono metodo infallibili per verificare la buona fede o la memoria dei testimoni.
    Il pubblico decide istintivamente, spinto dall'emozione e da una logica elementare.
    Noi, invece, abbiamo il dovere di dubitare di tutto, di cercare altrove, di non trascurare alcuna congettura. ..."

    ha scritto il 

  • 5

    Pare che Maigret si confida sia in qualche modo anomalo nella vasta produzione di Simenon, in particolare per la struttura narrativa con cui è costruito. Ambientato durante il dopo cena a casa...

    (con ...continua

    Pare che Maigret si confida sia in qualche modo anomalo nella vasta produzione di Simenon, in particolare per la struttura narrativa con cui è costruito. Ambientato durante il dopo cena a casa...

    (continua qua: http://cheremone.wordpress.com/2014/11/13/morendo-la-gente-diventa-sacra/ )

    ha scritto il 

  • 3

    farò il liquore di prunella

    Non che sia la cosa migliore del romanzo, che anzi pone quesiti importanti sulla fretta nel giudicare, sulla giustizia, sui comportamenti; ma, non so perché, da qualche tempo provo una antipatia "es ...continua

    Non che sia la cosa migliore del romanzo, che anzi pone quesiti importanti sulla fretta nel giudicare, sulla giustizia, sui comportamenti; ma, non so perché, da qualche tempo provo una antipatia "essenziale" verso Simenon.

    ha scritto il 

  • 4

    Fare giustizia vuol dire essere certi di aver scoperto la verità?
    C'è un momento in cui l'investigatore deve prendere una decisione carica di conseguenze, perché in fin dei conti sono gli elementi riu ...continua

    Fare giustizia vuol dire essere certi di aver scoperto la verità?
    C'è un momento in cui l'investigatore deve prendere una decisione carica di conseguenze, perché in fin dei conti sono gli elementi riuniti durante la fase dell'inchiesta che determineranno poi l'opinione della giuria ed il giudizio.
    Maigret sa bene che la sua condotta determinerà il destino altrui, sa di non poter serenamente separare i buoni dai cattivi e si rassegna con malinconica gravità ad aggirarsi in quella terra grigia di confine, in cui uomini e donne normali diventano capaci di uccidere.

    ha scritto il 

  • 3

    Maigret estromesso

    Il giudice istruttore si sostituisce al commissario. L'emozione prevale sull'esperienza. Tutti contro un uomo colpevole di aver attraversato steccati sociali e forse dimostrato che le posizioni non se ...continua

    Il giudice istruttore si sostituisce al commissario. L'emozione prevale sull'esperienza. Tutti contro un uomo colpevole di aver attraversato steccati sociali e forse dimostrato che le posizioni non sempre corrispondono ai meriti. il nostro Maigret assiste impotente alla gogna mediatica di un uomo colpevole di essere debole. "La gente non perdona l'assenza di carattere".
    Il dubbio non sfiora il giudice istruttore, non appartiene alla sua cultura, al suo ceto: i servitori delle istituzioni sono retti per forza, i testimoni, anche se anziani e un po' rimbecilliti, vanno creduti per il loro ruolo, se appartenenti ad un gruppo sociale per definizione "irreprensibile". Affiora l'alter ego di Simenon, quello ribelle ed insofferente alla morale borghese. L'autore, nel momento più drammatico, ci grida dalle sue pagine: "sono innocente".

    ha scritto il 

  • 5

    "Si erano sempre capiti al volo, lui e Pardon, benchè si fossero conosciuti molto tardi, quando entrambi avevano già alle spalle buona parte della loro carriera."
    In una serata particolarmente triste ...continua

    "Si erano sempre capiti al volo, lui e Pardon, benchè si fossero conosciuti molto tardi, quando entrambi avevano già alle spalle buona parte della loro carriera."
    In una serata particolarmente triste per il dottore, il commissario ricorda e racconta di un vecchio caso che non l'ha mai convinto fino in fondo, perchè tutto era iniziato nel modo sbagliato da subito e l'opinione pubblica aveva già il suo colpevole.
    E' buio, due Signori seduti vicini, parlano, toni bassi, Maigret e la sua pipa, Pardon con il sigaro, due bicchierini di liquore, la malinconia, i ricordi e i dubbi di entrambi sul mestiere scelto.
    Sembra di "vederli e sentirli".

    ha scritto il 

  • 5

    "...se Comeliau aveva sempre diffidato del commissario e dei suoi metodi dipendeva soltanto dall'abisso che separava i loro punti di vista.
    Forse era più che altro un problema di classe sociale. In un ...continua

    "...se Comeliau aveva sempre diffidato del commissario e dei suoi metodi dipendeva soltanto dall'abisso che separava i loro punti di vista.
    Forse era più che altro un problema di classe sociale. In un mondo che cambiava, il magistrato restava il prodotto di un determinato ambiente."

    In primo piano ancora una volta l'umanità e la capacità empatica di Maigret. Un romanzo magistrale, consigliato anche a chi non ama i "gialli".

    ha scritto il