Una donna indimenticabile

Di

Editore: Leggereditore

3.6
(289)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 374 | Formato: Copertina rigida

Isbn-10: 8865081597 | Isbn-13: 9788865081594 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Silvia Zucca

Disponibile anche come: eBook

Genere: Narrativa & Letteratura , Mistero & Gialli , Rosa

Ti piace Una donna indimenticabile?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Serie Unforgettable Lady 1
Grace Hall è una bellezza della società, circondata da glamour, privilegio e ricchezza, ma la sua fortuna l' ha resa un bersaglio scintillante. Una per una, le donne più influenti di Manhattan vengono assassinate, e Grace è nella lista nera del killer. Al fine di proteggere se stessa, cerca la miglior guardia del corpo e ottiene così molto più di quel che si aspetta.
John Smith è uno specialista di sicurezza dal cuore duro che è tanto specializzato nel suo lavoro quanto mortale. Spostarsi nel lussuoso attico di Grace è l' ultima cosa che vuole, ma dire di no a lei è qualcosa che non riesce a fare. Mentre stabilisce le regole per il suo nuovo cliente, si accendono scintille tra di loro, come fa un desiderio incendiario. Con Grace tra le sue braccia, John si ritrova ad abbassare le proprie difese per soddisfare i termini di un nuovo incarico intimo e indimenticabile.

Con lo scaldarsi delle notti, e con l’ avvicinarsi dell’ astuto killer, Grace e Smith si trovano di fronte a una scelta cruciale: seguire le regole o seguire i loro cuori.

Ordina per
  • 2

    Un libro molto leggero e senza pretese, ma anche parecchio scontato e comune. Non si vede niente di nuovo, non ci sono colpi di scena ed è tutto centrato sulla coppia protagonista, i loro sentimenti.. ...continua

    Un libro molto leggero e senza pretese, ma anche parecchio scontato e comune. Non si vede niente di nuovo, non ci sono colpi di scena ed è tutto centrato sulla coppia protagonista, i loro sentimenti... la parte 'mistery' è a malapena trattata (e parecchio scontata), quindi mi stupisco che sia classificato anche come 'romantic suspance'(Forse la Moning ha alzato il mio standard, non so...). Per carità, si fa leggere ed è molto scorrevole, ma non lo consiglierei se non per una lettura a tempo perso. La Ward non da il meglio di sè in questo libro, però va anche detto che è precedente alla saga della confraternita, quindi ci imbattiamo in una Ward più 'acerba'.

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    3

    Sinceramente aspettavo di meglio. E' il primo libro che leggo di quest'autrice, avendone sempre sentito parlare molto bene, ma...insomma la storia poteva essere carina, ma si rivela una bolla di sapon ...continua

    Sinceramente aspettavo di meglio. E' il primo libro che leggo di quest'autrice, avendone sempre sentito parlare molto bene, ma...insomma la storia poteva essere carina, ma si rivela una bolla di sapone. Il libro praticamente gira tutto sul decidere dei due protagonisti se andare a letto insieme o no. Un continuo tira e molla emotivo che alla fine stanca, è banale e poco realistico. Lui, un duro, supermacho, sicuro di sé oltre l'inverosimile e poi passa tutto il tempo a scervellarsi su come resisterle o come portarsela a letto, alternando i due sentimenti una pagina sì e una no. L'assassino, sarebbe bastato pure l'Ispettore gadget per prenderlo: insulso persino ridicolo e scontato. Per la sua presenza nella storia, o meglio per la sua completa assenza, poteva pure non esistere nemmeno. La figura della sorella Callie...ma che centrava con tutto quanto? Ok, per introdurre il libro seguente, ma non ha altro scopo. L'autrice tira la bomba a trequarti di libro di una sorellastra e di una vita segreta del padre di Grace e poi? Non esplora per nulla il lato emozionale della cosa, Grace non si fa domande più di tanto; mi aspettavo di leggere un confronto veritiero con la madre di Grace, capire che cosa nascondeva veramente il rapporto tra i genitori, da dove era venuta fuori questa sorellastra, quando era successo, tutto. Capisco che doveva lasciarsi qualcosa per il prossimo libro, ma questa per la vita della protagonista era un vero elemento destabilizzante e invece è stato poco più che trattato. Il personaggio di Grace è carino anche se un po' contraddittorio: a volte molto forte, ma completamente senza nerbo di fronte la sua vita privata con la famiglia.
    E poi il finale...mi aspettavo molto di più. Credo comunque che leggerò anche altri libri della Ward perchè nel complesso è risultato carino e gradevole, anche se mancante in molte parti e poi lo stile della scrittura mi è piaciuto e voglio dare un'altra possibilità

    ha scritto il 

  • 4

    Forse mi é piaciuto anche più del precedente. Comunque,anche se la trama non é particolarmente originale e segue lo stesso format, risulta essere molto piacevole, romantico e avvincente. Naturalmente ...continua

    Forse mi é piaciuto anche più del precedente. Comunque,anche se la trama non é particolarmente originale e segue lo stesso format, risulta essere molto piacevole, romantico e avvincente. Naturalmente la caratterizzazione dei personaggi é sempre fantastica. E, come in ogni romanzo che mi appassiona, mi sono innamorata dei protagonisti.

    ha scritto il 

  • 3

    Senza infamia né lode.
    La parte che lascia più a desiderare è il finale...l'assassino è più che prevedibile e non si capisce perché nessuno ci abbia pensavo visto che da quel che dice aveva contatti c ...continua

    Senza infamia né lode.
    La parte che lascia più a desiderare è il finale...l'assassino è più che prevedibile e non si capisce perché nessuno ci abbia pensavo visto che da quel che dice aveva contatti con tutte le donne uccise.
    Per quanto riguarda la storia d'amore, non ho capito cosa ha portato John ha decidere di tornare e voler vivere con Grace, visto che tutte le motivazioni che lo spingevano a star da solo e a non voler un rapporto stabile, continuano a persistere, mah.

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    2

    Deludente, mai dato un giudizio così basso alla Ward!!

    Una grossa delusione, ecco cos'è stato questo libro. Prima di tutto i personaggi:
    lei la contessa descritta come impeccabile, quasi frigida si dimostra a tratti sfrontata sin troppo sfacciata forzatur ...continua

    Una grossa delusione, ecco cos'è stato questo libro. Prima di tutto i personaggi:
    lei la contessa descritta come impeccabile, quasi frigida si dimostra a tratti sfrontata sin troppo sfacciata forzatura ad un carattere mite e riservato che stona decisamente con quanto viene descritto dalla scrittrice, non si comprendono alcune scelte o la reazione ad alcune situazioni in cui si viene a trovare Grace non ultima quella di riaccogliere tra le braccia John che l'aveva lasciata per affidarla al suo collega e in ultimo riesce a salvarla, io sarei stata profondamente e tremendamente arrabbiata con lui, anche dopo il rocambolesco salvataggio, avrebbe dovuto 'pedalare' di brutto per convincermi e non sarebbe bastato un semplice 'ti amo' e che cavolo! Non esiste
    Lui: lui è il re del "non posso resistere devo andare a letto con lei ... no, anzi, no! Non devo farlo!!" Tutto il libro è un'altalena continua tra non resisto e non devo farlo. Che scaltole!!!
    Decisamente poco credibile.
    L'assassino: si capisce subito, caspita Ward, potevi far di meglio! Vabbè che il giallo non è il tuo forte, ma un po' d'impegno ... e quando arriva il salvatore della Grace (John) non c'è più storia per lui, povero, non ha avuto neanche una chance di gloria (non che tifassi per lui, ma mi sarei aspettata un salvataggio un po' più cruento, con un po' più d'azione, un po' più di suspance, macché!)
    La sorella: inserita nel libro solo per poterne scrivere un altro. Poi il suo inserimento lascia il tempo che trova, nessun approfondimento, nessun confronto con la madre, niente di niente.
    Insomma ... poteva essere tanto di più, ma non è stato.
    Che delusione.

    ha scritto il