Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Una donna segnata

Di

Editore: Guanda (Narratori della fenice)

3.7
(249)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 295 | Formato: Paperback

Isbn-10: 8882464636 | Isbn-13: 9788882464639 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Carmen Giorgetti Cima

Disponibile anche come: Altri

Genere: Fiction & Literature , Mystery & Thrillers

Ti piace Una donna segnata?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
A Maardam, la cittadina della Svezia dove vive il commissario Van Veeterenav viene uno strano omicidio: un tranquillo e stimato imprenditore viene ucciso sulla soglia di casa. L'esame del cadavere rivela che, oltre ai colpi mortali, l'assassino ha infierito sulla vittima sparandogli all'inguine. Il commissario Van Veeteren non fa in tempo ad avviare le indagini che un secondo omicidio viene compiuto con le stesse, identiche modalità. Inoltre, le prime investigazioni fanno emergere che entrambi, pochi giorni prima della morte, avevano ricevuto strane telefonate.
Ordina per
  • 0

    Mi sa che e' l' unico di Nesser a cui ho dato tre stelle.
    L' ho trovato un tantio noioso e con pochi "colpi di schena", tutto lineare, tutto un po' prevedibile.
    Adesso pero' capisco da dove e' arrivata Ulrike.

    ha scritto il 

  • 3

    Giallo nordico dal ritmo non incalzante, con una buona storia e buoni personaggi; mi ha lasciato un po' interdetto la scrittura, con uno snervante utilizzo di un fuori luogo"all right" piazzato ogni tre per due....per questo una stellina in meno. All right ;-(

    ha scritto il 

  • 5

    Quando conosciamo l'assassino dall'inizio e vediamo i nostri eroi brancolare nel buio, vorremmo indirizzare l'indagine. Partecipiamo.
    H.N. conduce il gioco con suspense e humour.

    ha scritto il 

  • 0

    al centro la caccia, paziente, inevitabile, frustrante, necessaria, cupa e, alla fine, vana, come la vita.
    Ottimo svago. Nella galassia del giallo che si espande spesso insensatamente, come l'universo, Nesser è una sicurezza [audiolibro]

    ha scritto il 

  • 3

    Van Veeteren è un uomo abbastanza triste, preferisco tutto sommato il personaggio successivo di Nesser, Gunnar Barbarotti, che si discosta di più dal cliché dell'ispettore incupito.
    Però credo che valga la pena di leggerlo, questo romanzo, solo che rispetto a quanto è capitato a me va dista ...continua

    Van Veeteren è un uomo abbastanza triste, preferisco tutto sommato il personaggio successivo di Nesser, Gunnar Barbarotti, che si discosta di più dal cliché dell'ispettore incupito.
    Però credo che valga la pena di leggerlo, questo romanzo, solo che rispetto a quanto è capitato a me va distanziato di più da letture simili, da altri gialli nordici, specie da quelli - e ce ne sono tanti - che parlano di donne abusate.

    ha scritto il 

  • 0

    i libri con protagonista barbarotti sono 'commerciali', troppo lunghi e spesso inverosimili. Tanto che le belle storie di van veteren sembrano scritte da un altro autore.

    A mio parere leggete la saga di van veteren, ma potete evitarvi barbarotti.

    ha scritto il 

  • 5

    La seconda inchiesta del commissario Van Veeteren è veramente un bel libro, scritto bene e strutturato meglio. Parallelamante corrono le azioni dell'assassino e le indagini del distretto di Maasnad. Costruito con una crescente tensione, il romanzo scorre via pagina dopo pagina con un ritmo incess ...continua

    La seconda inchiesta del commissario Van Veeteren è veramente un bel libro, scritto bene e strutturato meglio. Parallelamante corrono le azioni dell'assassino e le indagini del distretto di Maasnad. Costruito con una crescente tensione, il romanzo scorre via pagina dopo pagina con un ritmo incessante. Un romanzo per nulla banale, che tocca tematiche importanti con il giusto equilibrio. Macchiavelli diceva che il fine giustifica i mezzi. Dopo aver letto "Una donna segnata", voi, che ne pensate?

    www.gialloecucina.wordpress.com

    ha scritto il 

  • 3

    uno scrittore svedese che ambienta i suoi romanzi in Olanda. una storia tutto sommato risaputa. atmosfere lente e una concezione del lavoro di polizia come scavo noioso, ordinario e privo di azione. presupposti scoraggianti? in realtá in una sua maniera macchinosa e placida il romanzo funziona, g ...continua

    uno scrittore svedese che ambienta i suoi romanzi in Olanda. una storia tutto sommato risaputa. atmosfere lente e una concezione del lavoro di polizia come scavo noioso, ordinario e privo di azione. presupposti scoraggianti? in realtá in una sua maniera macchinosa e placida il romanzo funziona, grazie sopratutto a un lavoro molto accurato su ambiente e personaggi. e peccato se proprio il principale (il commissario) risulta un pó sbiadito.

    ha scritto il