Una forma di vita

Voto medio di 659
| 175 contributi totali di cui 157 recensioni , 18 citazioni , 0 immagini , 0 note , 0 video
Tra le migliaia di lettere che riceve ogni giorno, Amélie si imbatte in quella di Melvin Mapple, soldato americano obeso di stanza a Baghdad che nel cibo si rifugia e insieme lo usa come una personale forma di protesta contro il Sistema. Inizia ...Continua
Ha scritto il 15/04/17
L'Uscita d'Emergenza
Scrivere per evadere, scrivere per distaccarsi e trovare la via di fuga da ciò che può essere il nostro peggior nemico; noi stessi. Un elegante modo per guardarci dal fuori, calibrando i nostri limiti e le nostre insicurezze. Una storia ...Continua
  • 1 mi piace
Ha scritto il 04/04/17
"Importante questione letteraria: bisogna conoscere gli scrittori? È innegabile che alcuni scrittori nuocciono gravemente alla loro opera.La lettura consente di scoprire l'altro conservando la profondità che si ha unicamente quando si è soli"Non ...Continua
Ha scritto il 26/03/17
Amélie tu mi sorprendi sempre. Perchè dietro le tue trame surreali si celano argomenti seri e saggezza.
Ha scritto il 19/01/17
La Nothomb riesce comunque a tenermi con gli occhi incollati alle pagine, fino alla fine.Un libro strano, senza una vera trama, ma che si lascia leggere perché si vuole sapere come va a finire... E rimango a bocca aperta... il potere che Amélie ha ...Continua
  • 1 mi piace
  • 2 commenti
Ha scritto il 01/08/16
Un pugno allo stomaco

Ha scritto il Feb 05, 2015, 15:19
Rari sono gli individui la cui compagnia per me è più piacevole di quanto lo sarebbe una loro missiva - ammesso, ovviamente, che possiedano un minimo di talento epistolare. Per la maggior parte della gente una simile affermazione costituisce ...Continua
Ha scritto il Feb 02, 2012, 23:03
Esiste un unico modo per risolvere una difficoltà di scrivere, ed è scrivere. L'idea giusta ed efficace arriva solo nel momento di redigere un testo.
Pag. 90
Ha scritto il Feb 02, 2012, 23:02
Il dramma dei naufraghi dell'esistenza è che, invece di aprirsi agli altri, si ripiegano sulla propria sofferenza e non la lasciano più.
Pag. 89
Ha scritto il Feb 02, 2012, 22:58
E' molto difficile capire quando fermarsi. E' sempre il famoso problema della frontiera: l'altro attraversa la nostra vita, e bisogna accettare che possa uscirne con la stessa facilità con cui c'è entrato. Certo, si può dire a se stessi che non ...Continua
Pag. 85
Ha scritto il Feb 02, 2012, 22:37
Mi ispirava affetto e simpatia, ma con lui si poneva il problema che ho con il 100% degli esseri, umani e no: la frontiera. Si incontra qualcuno, di persona o per iscritto. La prima tappa consiste nel constatare l'esistenza dell'altro: può ...Continua
Pag. 53

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una nota!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi