Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Una fortuna pericolosa

Di

3.8
(2532)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: | Formato: Tascabile economico | In altre lingue: (altre lingue) Inglese

Isbn-10: A000045246 | Data di pubblicazione: 

Disponibile anche come: Altri , Copertina rigida , Paperback , eBook

Genere: Fiction & Literature , History , Mystery & Thrillers

Ti piace Una fortuna pericolosa?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Questa scheda è DOPPIA.

Non aggiungerla alla tua libreria o se già l'hai aggiunta, deselezionala e usa invece quella che trovi al seguente url:

http://www.anobii.com/books/01bf7259b8937d6b43/

Ordina per
  • 3

    Non il migliore Follett, anzi. Però, a sua discolpa, devo dire che leggerlo subito dopo aver divorato "I giorni dell'eternità" non ha aiutato il confronto. Comunque sempre scorrevole, almeno su questo Follett non mi ha mai delusa.

    ha scritto il 

  • 1

    Un ignobile pasticcio: trama prevedibile (un campionario di luoghi comuni), dialoghi improbabili, personaggi da soap opera. E per di più noioso!!! Non ci si aspetta certo che un libro da "aereo" sia un capolavoro, ma almeno che sia un po' appassionante.

    ha scritto il 

  • 4

    Trovo incredibile che si tratti dello stesso autore de "Il Codice rebecca" che invece ho trovato pessimo. La storia e l'intreccio dei personaggi che girano intorno alla Pilaster Bank mi ha appassionato fin dalle prime pagine. Forse un po' sbrigativo il finale. Assolutamente consigliato.

    ha scritto il 

  • 4

    Un giallo ben fatto

    Una pecca molto grossa per me è stata la lunghezza della storia, un romanzo di 500 pagine che almeno all'inizio ho fatto fatica a portare avanti. I primi capitoli sono dedicati per lo più a rivelare l'intricato legame tra i personaggi. Risulta un giallo ben costruito dove l'ambientazione (siamo a ...continua

    Una pecca molto grossa per me è stata la lunghezza della storia, un romanzo di 500 pagine che almeno all'inizio ho fatto fatica a portare avanti. I primi capitoli sono dedicati per lo più a rivelare l'intricato legame tra i personaggi. Risulta un giallo ben costruito dove l'ambientazione (siamo alla fine del 1800) è molto curata. Descrizioni precise su usi e costumi della società di quel tempo rivelano una ricerca e una preparazione da parte dell'autore. A fine lettura emerge in maniera forte come Ken Folett si sia dedicato con maggior cura alla costruzione dettagliata delle figure più importanti nel romanzo, tanto da farne emergere tutti i tratti più caratterizzanti come se fossero reali. Ritengo che le prime 200 pagine contenessero descrizioni di situazioni un po' superflue, se non per evidenziare gli aspetti peculiari del carattere dei personaggi. La lettura ha cominciato a coinvolgermi dopo le 300 pagine risultando più interessante per lo svolgimento della trama. Ho assegnato 4 stelline per la trama e i personaggi ben costruiti.

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    5

    Riletto a 11 anni di distanza, quello che era stato uno dei miei romanzi preferiti di Follett perde un po’ di appeal. Non perché sapessi già come sarebbe andata a finire, ricordavo la trama solo a grandi linee e quindi comunque ogni pagina era una riscoperta, ma perché i personaggi sono fin tropp ...continua

    Riletto a 11 anni di distanza, quello che era stato uno dei miei romanzi preferiti di Follett perde un po’ di appeal. Non perché sapessi già come sarebbe andata a finire, ricordavo la trama solo a grandi linee e quindi comunque ogni pagina era una riscoperta, ma perché i personaggi sono fin troppo manichei. Da un lato i buoni e perfetti Hugh, Maisie e Solly, dall’altra il seduttore senza scrupoli Micky Miranda, la cieca ambizione della zia Augusta e la completa stupidità del cugino Edward, nonché l’avidità di Nora, moglie del protagonista Hugh. Certo, leggere un libro dove ci sono banchieri che mettono davanti al proprio gli interessi e i diritti dei correntisti in un periodo come questo, di crisi economica e scandali finanziari a ripetizione, è di per sé abbastanza straniante. Gli lascio comunque un cinque come voto, perché come lettura è sempre piacevole e scorrevole, con un susseguirsi si situazioni che non lasciano il tempo di annoiarsi, ma a questa lettura più adulta perde il + che gli avevo dato 11 anni fa.

    ha scritto il 

  • 5

    Una fortuna pericolosa

    Il mio libro preferito. Il migliore che io abbia mai letto, ci sono intrighi, colpi di scena, momenti di suspence e un autore diretto che non usa mezzi termini ma che ti fa gustare il libro, per il piacere di sapere e leggere tutto di tutti, sempre perfetto nelle spiegazioni, descrizioni, rifless ...continua

    Il mio libro preferito. Il migliore che io abbia mai letto, ci sono intrighi, colpi di scena, momenti di suspence e un autore diretto che non usa mezzi termini ma che ti fa gustare il libro, per il piacere di sapere e leggere tutto di tutti, sempre perfetto nelle spiegazioni, descrizioni, riflessioni e dialoghi; riesce ad andare dritto su scene intime ed è capace di cogliere l'essenza dei personaggi. Leggendo questo ventennio di storia della finanza inglese, ci si invaghisce dei luoghi, dei personaggi e delle torbide passioni che li circondano. Alla fine, ti resta un solo dispiacere: il fatto che il libro sia terminato! Trovo sia un libro sempre attuale, dove il denaro e la voglia di potere fanno muovere ogni cosa, e questo è il filo conduttore del libro.

    ha scritto il 

  • 4

    Caratterizzazione dei personaggi formidabile... ho odiato Augusta con tutta me stessa e sperato fino alla fine nella rivincita di Hugh. Follett non delude assolutamente mai!

    ha scritto il 

Ordina per