Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Una frase, un rigo appena

Racconti brevi e brevissimi

Di

Editore: Einaudi (Tascabili, 187)

3.4
(51)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 92 | Formato: Altri

Isbn-10: 8806134833 | Isbn-13: 9788806134839 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Contributi: Paolo Mauri

Genere: Fiction & Literature

Ti piace Una frase, un rigo appena?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Il quotidiano La Repubblica, insieme con la trasmissione televisiva Babele ela Einaudi, nel maggio 1993 hanno organizzato un concorso aperto a tutticoloro interessati ad inviare un racconto di non più di quindici righe, anchetratto da libri di altri autori. La giuria composta da Corrado Augias,Maurizio Bettini, Vittorio Bo, Paolo Mauri e Sebastiano Vassalli haselezionato i migliori racconti, che sono qui raccolti. Tra gli altri, DanieleDel Giudice ha proprosto testi di Borges e Casares; Valerio Magrelli:Hawthorne; Francesco Biamonti: Camus; Claudio Magris: Defoe... Le scelte,illustri o anonime, formano una antologia.
Ordina per
  • 5

    nato da un'idea del giornale "la Repubblica", racconti fulminanti di poche righe misti:autori conosciuti e lettori "sconosciuti"...questi ultimi un figurone!Da avercelo vicino al letto, da rileggere a caso ogni tanto

    ha scritto il 

  • 2

    ste sono proprio le cose di einaudi che non sopporto cioè non puoi pubblicare Franzen e Albertino devi deciderti ho capito che da quando è arrivato il nano non si capisce più un cazzo ma perdio non l'ho capito proprio il senso di pubblicare questo libro che dal titolo sembrerebbe una cosa interes ...continua

    ste sono proprio le cose di einaudi che non sopporto cioè non puoi pubblicare Franzen e Albertino devi deciderti ho capito che da quando è arrivato il nano non si capisce più un cazzo ma perdio non l'ho capito proprio il senso di pubblicare questo libro che dal titolo sembrerebbe una cosa interessante e poi proprio non lo è sembra il grande fratello che dalle premesse poteva quasi essere un esperimento interessante qualcosa che potesse dare uno spunto di riflessione un paradigma della convivenza forzata che è la società contemporanea e invece visto che c'è di mezzo il nano arieccolo si tratta di sempre de scopa' e quindi l'esperimento fallisce anzi nemmeno parte scusate anzi se ci ho pensato questo libro stessa cosa perché a questo punto non premiare le barzellette più carine o le freddure più simpatiche o fare direttamente un dizionario delle citazioni invece di andare a intralciare la mia ricerca tra le gloriose coste azzurro sbiadito che adesso nemmeno sono più tali perché ormai sto diventando grande e le gioie sempre di meno sempre di m

    ha scritto il