Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Una giornata

I grandi della narrativa, 13

Di

Editore: Gruppo Editoriale L'Espresso (La biblioteca di Repubblica)

3.9
(114)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 125 | Formato: Paperback

Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Prefazione: Melania G. Mazzucco

Genere: Fiction & Literature

Ti piace Una giornata?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 5

    Le quindici novelle del premio Nobel (1934) coprono un lungo arco di tempo, l’ultima che dà il titolo al libro fu pubblicata postuma. Ci sono tutti i temi cari a Pirandello: l’umorismo, la pietà, il doppio, la follia, il paradosso. In “Vittoria delle formiche” si assiste a pura follia: i proprie ...continua

    Le quindici novelle del premio Nobel (1934) coprono un lungo arco di tempo, l’ultima che dà il titolo al libro fu pubblicata postuma. Ci sono tutti i temi cari a Pirandello: l’umorismo, la pietà, il doppio, la follia, il paradosso. In “Vittoria delle formiche” si assiste a pura follia: i proprietari preferiscono incendiare la propria casa piuttosto che disinfestarla. “Il chiodo” si rifà ad un fatto di cronaca, l’autore crea una storia dell’assurdo che ruota attorno a un chiodo, caduto da un carro. La cosa che sconcerta è la giustificazione che il ragazzo fa dopo il suo gesto. Belle tutte le novelle.

    ha scritto il 

  • 4

    Quindici piccole perle

    Effetti d'un sogno interrotto: **** (8-/10)
    C'è qualcuno che ride: ***** (9+/10)
    Visita: **** (7.5/10)
    Vittoria delle formiche: **** (8+/10)
    Quando s'è capito il giuoco: **** (8/10)
    Padron Dio: **** (7.5/10)
    La prova: **** (7+/10)
    La casa dell'agonia: *** ...continua

    Effetti d'un sogno interrotto: **** (8-/10)
    C'è qualcuno che ride: ***** (9+/10)
    Visita: **** (7.5/10)
    Vittoria delle formiche: **** (8+/10)
    Quando s'è capito il giuoco: **** (8/10)
    Padron Dio: **** (7.5/10)
    La prova: **** (7+/10)
    La casa dell'agonia: ***** (9/10)
    Il buon cuore: **** (8+/10)
    La tartaruga: **** (8+/10)
    Fortuna d'esser cavallo: ***** (9/10)
    Una sfida: **** (8.5/10)
    Il chiodo: ***** (9/10)
    La signora Frola e il signor Ponza, suo genero: ***** (9/10)
    Una giornata: **** (8.5/10)

    ha scritto il 

  • 4

    La maestria del maestro

    I racconti di Pirandello sono ricordati da tutti per la loro proverbiale ironia. In effetti, è proprio la caratteristica che più salta agli occhi a una prima lettura. Ma essa è accompagnata dal gusto del paradosso, dal cinismo, da un disperato fatalismo nonché dal gusto dell'assurdo e del ridicol ...continua

    I racconti di Pirandello sono ricordati da tutti per la loro proverbiale ironia. In effetti, è proprio la caratteristica che più salta agli occhi a una prima lettura. Ma essa è accompagnata dal gusto del paradosso, dal cinismo, da un disperato fatalismo nonché dal gusto dell'assurdo e del ridicolo. Una eccellente prova di un maestro della letteratura mondiale.

    ha scritto il 

  • 3

    3.5/5


    Questo libro mi è arrivato in casa senza che io lo volessi esplicitamente, era nella collezione della Repubblica e l'ho preso un po' per abitudine (dopo una decina di uscite..). Pirandello è uno di quei nomi che non eccitano la mia curiosità, o che ristagnano un po' sulla ling ...continua

    3.5/5

    Questo libro mi è arrivato in casa senza che io lo volessi esplicitamente, era nella collezione della Repubblica e l'ho preso un po' per abitudine (dopo una decina di uscite..). Pirandello è uno di quei nomi che non eccitano la mia curiosità, o che ristagnano un po' sulla lingua con un sapor di timore di non essere all'altezza. Tiepida paurognola.

    L'ho letto così, tanto per provare, essendo agli sgoccioli del mese non posso affrontare letture lunghe per via delle altre letture prefissate che devo affrontare fin dai primi di Maggio. E non amo leggere in contemporanea, anche se ultimamente sto prendendo il vizio. Tutta colpa di Le età di Lulù che non potevo portarmi in giro e Revolutionary Road inizialmente immateriale.

    L'introduzione della Mazzucco - a mio parere anche evitabile, dopo due o tre pagine mi è venuta a noia e ho cominciato i racconti - anticipa un po' i titoli e il polpettone di tematiche pirandelliane della raccolta, mettendo in netta preferenza un misterioso racconto di nome Il chiodo, e mettendo anche a me una certa curiosità. Io non sono pratica di tematiche pirandelliane, conosco le basilari per fama, stranamente non per studio. Ricordo solo di aver letto alle medie Il fu Mattia Pascal sotto costrizione della prof, e di aver cominciato Uno, nessuno e centomila e di averlo abbandonato per chissà quale misterioso motivo. Me ne sto pentendo ancora adesso, mi avevano preso le prime pagine.
    (..ma perché l'avevo fatto?!)

    Spero che non sia una smascherazione della mia scarsa intelligenza se dico che dopo questa raccolta non ho ancora un'idea chiara del quadro generale dei discorsi di Pirandello, solo qualche parvenza in più. L'impressione generale è stato un annuire con la testa e passare avanti senza tanti sconvolgimenti né, lo so, dovrei pentirmene, riflessioni su riflessioni al riguardo, se non quelle minime per cercare di comprendere il significato del racconto in linee massime. Però certe eccezioni mi hanno fatto una bella impressione, tipo Visita per il bello stile e le belle immagini, Il buon cuore per il sentimento di fondo (difficilmente intuibile), Fortuna d'essere un cavallo per..la fortuna d'esser un cavallo, Il chiodo per la piccola scia dolorosa che si lascia appresso e l'ultimo, ma non per importanza, anzi, il mio preferito: Una giornata, che a me sembra un po' l'essenza di quello che mi pare il Pirandello principale come pensiero. Gli altri, I'm sorry, stanno già passando nel ricordo sfocato in modo vergognosamente veloce.

    PS: io però voglio leggere Uno, nessuno e centomila.

    ha scritto il 

  • 3

    Una raccolta di brevi racconti, che si leggono tutti d'un fiato.


    Racconti che, seppur concisi, spesso portano il lettore a riflettere sui temi più vari, dalla malattia alla follia, dalla solitudine alla vecchiaia, lasciando l'amaro in bocca o, alcune volte, rubando un sorriso, come nella ...continua

    Una raccolta di brevi racconti, che si leggono tutti d'un fiato.

    Racconti che, seppur concisi, spesso portano il lettore a riflettere sui temi più vari, dalla malattia alla follia, dalla solitudine alla vecchiaia, lasciando l'amaro in bocca o, alcune volte, rubando un sorriso, come nella strampalata storia dell'altrettanto strampalata Signora Ferola e di suo genero, il Signor Ponza.

    Pirandello ambienta, nelle location più disparate, racconti di vita quotidiana e li insaporisce di particolarità ed imprevisti, sempre mantenendo una narrativa sintetica ed essenziale, che risulta attuale oggi come lo è stata per il secolo scorso.

    ha scritto il 

  • 4

    “Una giornata” è una raccolta di 15 racconti brevi , facenti parte delle “Novelle per un anno”, che raccontano in modo magistrale il grottesco nel quotidiano. In ognuno dei racconti vi sono storie di tutti i giorni, con protagonisti uomini come tutti gli altri. O animali che potrebbero benissimo ...continua

    “Una giornata” è una raccolta di 15 racconti brevi , facenti parte delle “Novelle per un anno”, che raccontano in modo magistrale il grottesco nel quotidiano. In ognuno dei racconti vi sono storie di tutti i giorni, con protagonisti uomini come tutti gli altri. O animali che potrebbero benissimo essere uomini, come in “Fortuna d’esser cavallo”. Le situazioni raccontate prendono spunto dalla vita quotidiana: un gatto che sta sul balcone per acchiappare le rondini e con la coda sposta pericolosamente un vaso di fiori posto sul balcone è il protagonista de “La casa dell’agonia”; un uomo, Memmo Viola, studioso di scienze e filosofia, che viene sfidato a duello per lavare l’onta provocata a sua moglie da alcuni facinorosi è il protagonista di “Quando si è capito il gioco”. Dallo spunto realistico si verificano però situazioni grottesche, che evidenziano l’insensatezza della realtà. Tutti i protagonisti sono accomunati, nella visione pessimistica pirandelliana del mondo, dalla sconfitta nella ricerca di dare un senso all’esistenza e dalla conseguente chiusura nel proprio disagio interiore. Come accade al protagonista di “Una giornata”, uno dei racconti che ho preferito, insieme all’altro, “La signora Frola e il signor Ponza, suo genero”, in assoluto il mio preferito, un racconto che esprime magnificamente la concezione dell’uomo di Pirandello: l’incomunicabilità, l’inconoscibilità del reale e del vero.

    ha scritto il 

  • 0

    Raccolta di novelle: Effetti di un sogno interrotto; C'è qualcuno che ride; Visita; Vittoria delle formiche; Quando s'è capito il giuoco; Padron Dio; La prova; La casa dell'agonia; Il buon cuore; La tartaruga; Fortuna d'esser cavallo; Una sfida; Il chiodo; La signora Frola e il signor Ponza, suo ...continua

    Raccolta di novelle: Effetti di un sogno interrotto; C'è qualcuno che ride; Visita; Vittoria delle formiche; Quando s'è capito il giuoco; Padron Dio; La prova; La casa dell'agonia; Il buon cuore; La tartaruga; Fortuna d'esser cavallo; Una sfida; Il chiodo; La signora Frola e il signor Ponza, suo genero, Una giornata.

    ha scritto il 

  • 3

    Per essere il secondo libro di Pirandello che leggo dopo Uno nessuno e centomila e senza aver approfondito le dimensioni di sogno-realtà e di alienazione che il siciliano privilegiava, questa raccolta di racconti non è così malaccio. Dà qualche punto di riflessione, fa divertire, è abbastanza var ...continua

    Per essere il secondo libro di Pirandello che leggo dopo Uno nessuno e centomila e senza aver approfondito le dimensioni di sogno-realtà e di alienazione che il siciliano privilegiava, questa raccolta di racconti non è così malaccio. Dà qualche punto di riflessione, fa divertire, è abbastanza variegato nei soggetti e nelle situazioni. Detto questo più di tre stelle non è possibile dare. Godibile, punto.

    ha scritto il