Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Una lettera dal passato

Di

Editore: Frassinelli

3.6
(43)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 256 | Formato: Paperback

Isbn-10: 8820052482 | Isbn-13: 9788820052485 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Maurizio Bartocci

Disponibile anche come: Altri

Ti piace Una lettera dal passato?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
George e Martha Radcliffe sono considerati la coppia ideale nel sobborgo elegante in cui si sono trasferiti quando la carriera di lui ha spiccato il volo all'improvviso, consentendogli di acquistare una magnifica casa con giardino e assicurare un tenore di vita più che agiato alla famiglia. La loro tranquilla routine viene sconvolta un giorno dall'arrivo di una lettera, spedita ben dieci anni prima, ma mai giunta a destinazione per una fatale coincidenza. Da quel momento l'unione che agli occhi di tutti sembrava perfetta si trasforma in un incubo e la fiducia reciproca inizia a incrinarsi, fino a scavare una voragine tra i due. Torturata dal dubbio e dal sospetto, Martha indaga sulla minacciosa lettera che le mostra una faccia sconosciuta del marito, avventurandosi in ambienti sordidi e contattando personaggi ben lontani da quelli del suo ambiente. Davanti a lei un dilemma impossibile: scegliere tra l'amore cieco e la ricerca della verità a ogni costo. In un crescendo inesorabile di tensione, i silenzi suscitano equivoci, le omissioni generano bugie, i sotterfugi diventano minacce. Il nemico è dentro casa. Una vicenda che potrebbe capitare a tutti noi.
Ordina per
  • 4

    Libro che non conoscevo, comprato per la copertina, che trovo molto bella.. E’ interessante la domanda di fondo del libro “quanto conosciamo le persone che ci sono accanto?”, che va a scavare ...continua

    Libro che non conoscevo, comprato per la copertina, che trovo molto bella.. E’ interessante la domanda di fondo del libro “quanto conosciamo le persone che ci sono accanto?”, che va a scavare nella formalità borghese americana, ma interessante è anche il secondo interrogativo, quanto saremmo disposti a scendere a compromessi con la nostra coscienza in nome dell’amore? Mi è piaciuto anche il lieto fine. Mi piacciono sempre i lieto fine..

    ha scritto il 

  • 4

    Bella storia,già dalle prime pagine riesce a catturare tutta l'attenzione del lettore,poi il ritmo cala un e la lettura diventa un po noiosa ma bastano pochi capitoli e la vicenda si fà di nuovo ...continua

    Bella storia,già dalle prime pagine riesce a catturare tutta l'attenzione del lettore,poi il ritmo cala un e la lettura diventa un po noiosa ma bastano pochi capitoli e la vicenda si fà di nuovo interessante e la curiosità del lettore aumenta pagina dopo pagina. Ehrlich,è inoltre molto bravo nel trasmettere al lettore,l'angoscia la paura e i dubbi della protagonista.

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    4

    Preso al volo dallo scaffale delle novità perché beh, ormai conoscete i miei gusti, è ambientato in quelle villette anni ’50 col prato all’inglese, profumo di pulito, bigodini in testa e ...continua

    Preso al volo dallo scaffale delle novità perché beh, ormai conoscete i miei gusti, è ambientato in quelle villette anni ’50 col prato all’inglese, profumo di pulito, bigodini in testa e arrosto in crosta nel forno.

    L’inizio è favoloso, uno dei migliori che abbia mai letto: per una serie di tragicomiche coincidenze, un sacco di posta viene ritrovato e recapitato dieci anni dopo. L’evento suscita curiosità e scalpore, i giornalisti se ne interessano e ci scrivono sopra storie: c’è una proposta di matrimonio arrivata tardi (ma terminata bene perché si finisce sempre con chi si doveva stare e tutto si aggiusta), qualche soldo, qualche addio e una lettera particolare, indirizzata a George Radcliffe. La famiglia Radcliffe è perfetta: la figlia si sta per sposare con un rampollo, il figlio fa carriera nell’esercito, i genitori sono innamoratissimi e ricchissimi. Che strano, prima erano poveri, ma all’improvviso, proprio dieci anni fa, per una misteriosa speculazione in borsa hanno svoltato. È in questo scenario che arriva la lettera, aperta dall'elegante, ignara e un po’ svampita moglie felice: qualcuno ha visto George uccidere un uomo e rubare i soldi della ditta e chiede denaro in cambio di silenzio. Il mondo cambia. Possibile vivere anni con un uomo, crederlo un marito e un padre perfetto e scoprire invece che è un assassino? Martha comincia ad indagare frugando nel passato, nelle ombre di quel compagno inquietante, e il tarlo del dubbio divora tutto: incontra la moglie dell’uomo che ai tempi era stato accusato (proprio dal marito) di omicidio, legge tutti i giornali, scova persino il ricattatore, che ricomincia a chiedere soldi e… beh, finisce male. Che fare, credere all’innocenza, all’amore, o cercare la verità? Perché le persone amate non si conoscono mai abbastanza?

    Libro scorrevole, ben scritto, gonfio e ripieno di suspense suspense suspense ad ogni angolo. Avrei preferito un’altra fine (ora faccio un mega spoiler perciò se avete intenzione di leggerlo non andate avanti), lo avrei reso più noir del noir e avrei voluto che la moglie, spaventata, rosa da depressione e paura, non trovando una soluzione, mentre il marito si trovava nel capanno degli attrezzi del cottage, prendesse un forcone e lo infilzasse!!! Per fortuna la realtà è più morbida. Però sarebbe stata una gran fine!

    Adattissimo per essere letto in treno, ma attenti a non saltare la vostra fermata. E… guardate chi avete accanto: lo conoscete sul serio?

    ha scritto il 

  • 4

    http://www.readingattiffanys.com/2013/04/recensione-una-lettera-dal-passato.html

    Dopo quasi un'intera vita passata insieme e dopo aver condiviso gioie e dolori si pensa sempre di conoscere l'altra ...continua

    http://www.readingattiffanys.com/2013/04/recensione-una-lettera-dal-passato.html

    Dopo quasi un'intera vita passata insieme e dopo aver condiviso gioie e dolori si pensa sempre di conoscere l'altra persona: per George e Martha è sempre stato così, si conoscono in maniera completa e delle volte non devono neppure esprimere a parole i loro pensieri per capirsi. Quando però alla loro porta viene consegnata una lettera di 10 anni prima tutta la loro storia, tutta la loro vita sembrerà all'improvviso lontana anni luce e loro due si scopriranno essere due perfetti estranei. Un romanzo che pone sotto la lente di ingrandimento un matrimonio in cui amore e fiducia sono il fondamento basilare che viene scosso dal dubbio. Martha sa che George non sarebbe mai capace di fare del male a nessuno ma allora come mai non riesce a placare la sua mente e le sue domande? come può essere che dopo tutti questi anni vissuti insieme lei non riesca a guardare il marito senza sospettare di lui? L'autore di grande talento Max Ehrlich analizza così la mente umana quando in essa viene piantato il seme del dubbio che è capace di sconvolgere anche i rapporti più saldi. Ci ritroveremo così a seguire una vicenda intima e personale e durante tutta la narrazione anche noi ci chiederemmo chi ha commesso cosa e fino all'ultimo non saremo in grado di condannare nessuno. Un romanzo intrigante ed affascinante che stimola il lettore pagina dopo pagina nella ricerca della verità: l'autore ha uno stile narrativo accattivante non svela mai troppo e tiene il tanto atteso colpo di scena finale ben celato sino alle ultime pagine. I protagonisti potrebbero essere i nostri genitori o anche noi stessi: le loro paure e le loro speranze sono le nostre e i loro sospetti sono più che legittimi. La ricerca della verità li porterà a compiere un percorso attraverso i meandri della mente e del rapporto di coppia che li aiuterà a capire meglio anche loro stessi. Consiglio questo romanzo a chi vuole una lettura diversa dal solito e a chi cerca una buona compagnia per queste ultime serate invernali.

    ha scritto il 

  • 3

    Scontata e prevedibile.

    George e Martha Radcliffe sono considerati la coppia ideale nel sobborgo elegante in cui si sono trasferiti quando la carriera di lui ha spiccato il volo all'improvviso, ...continua

    Scontata e prevedibile.

    George e Martha Radcliffe sono considerati la coppia ideale nel sobborgo elegante in cui si sono trasferiti quando la carriera di lui ha spiccato il volo all'improvviso, consentendogli di acquistare una magnifica casa con giardino e assicurare un tenore di vita più che agiato alla famiglia.La loro unione è stata coronata da due splendidi figli, e sono ancora profondamente innamorati l'uno dell'altra dopo venticinque anni di matrimonio. La loro tranquilla routine viene sconvolta un giorno dall'arrivo di una lettera minatoria, spedita ben dieci anni prima, ma mai giunta a destinazione per una fatale coincidenza. Da quel momento l'unione che agli occhi di tutti sembrava perfetta si trasforma in un incubo di dubbi e sospetti e la fiducia reciproca inizia a incrinarsi, fino a scavare una voragine tra i due. E una inquietante domanda li mette alla prova: fino a che punto conosciamo veramente le persone che amiamo di più? Torturata dal dubbio e dal sospetto, Martha indaga sulla minacciosa lettera che le mostra una faccia sconosciuta del marito, avventurandosi in ambienti sordidi e contattando personaggi ben lontani da quelli del suo ambiente. Martha deve sapere se l’accusa presente in quella lettera è vera, se suo marito non solo ha rubato 100.000 dollari ma ha ucciso un uomo e fatto condannare all’ergastolo un altro. Per questo, lascia il suo mondo idilliaco e viene a contatto con realtà terribili, quelle dei quartieri poveri e degradati di New York dove gli esseri umani sopravvivono con i sussidi statali nella disperazione e nella malattia

    ha scritto il 

  • 2

    Tra il rosa e il nero

    Retro' nel gusto e nella trama, anche psicologica. Di certo avvincente ... Si vuole arrivare in fondo, ma poi resta un po' poco...perche' non e' certo il gusto che lascia la vera arte letteraria, o ...continua

    Retro' nel gusto e nella trama, anche psicologica. Di certo avvincente ... Si vuole arrivare in fondo, ma poi resta un po' poco...perche' non e' certo il gusto che lascia la vera arte letteraria, o l'emozione di stile o di pensiero

    ha scritto il 

  • 3

    ragionevoli dubbi

    Si può avere fiducia anche quando le congetture o gli eventi appaiono contraddittori? Il dubbio può scardinare qualunque affetto, conoscenza umana e verità? Un libro che scorre veloce e per chi ...continua

    Si può avere fiducia anche quando le congetture o gli eventi appaiono contraddittori? Il dubbio può scardinare qualunque affetto, conoscenza umana e verità? Un libro che scorre veloce e per chi ha letto Storia di un matrimonio può contenere una storia in parte già letta.

    ha scritto il 

  • 3

    Il titolo di questo libro mi aveva conquistata ed anche la trama. Peccato che la lettura non mi abbia entusiasmata, la storia mi è sembrata abbastanza scontata e prevedibile. Lo studio psicologico ...continua

    Il titolo di questo libro mi aveva conquistata ed anche la trama. Peccato che la lettura non mi abbia entusiasmata, la storia mi è sembrata abbastanza scontata e prevedibile. Lo studio psicologico dei personaggi senza grande profondità. Sarà perchè io mi ritengo di bocca buona amando Simenon e la sua abilità nel tratteggiare i personaggi e scoprirne tutte le più intime sfumature fino a scorticargli l'anima che non sono riuscita ad apprezzare i protagonisti di questo romanzo. E poi, una edizione pessima, piena di refusi che a tratti mi ha fatto passar la voglia di continuare la lettura. Davvero peccato!

    ha scritto il 

Ordina per