Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Una mano piena di nuvole

Di

Editore: Garzanti (Narratori moderni)

4.1
(227)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 360 | Formato: Copertina rigida

Isbn-10: 8811681707 | Isbn-13: 9788811681700 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: S. Cherchi

Disponibile anche come: Altri

Genere: Children , Fiction & Literature

Ti piace Una mano piena di nuvole?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Swan ha solo undici anni, ma non ha paura di niente. Non ha paura di dire quello che pensa, non ha paura di azzuffarsi con i suoi fratelli, non ha paura delle bugie. Ma soprattutto non ha paura di fare quello che le è proibito. Anzi, lo adora. Quando una sera d’estate decide di sgusciare fuori di casa, non immagina di certo che nel bosco si nasconda l’incontro che le cambierà per sempre la vita. Lui è Blade, un bambino tutto pelle e ossa, dall’aria timida e smarrita, gli occhi neri e fieri. È il figlio di un addestratore di cavalli, uomo torvo e brutale, temuto da tutto il paese. Per Blade quella ragazzina è l’unica via di salvezza. Ha bisogno di lei per fuggire dalla violenza. Swan decide di aiutarlo e di nasconderlo. Perché, al contrario di tutti gli abitanti del paese, lei non teme il padre di Blade. L’unico posto sicuro è la grande fattoria di famiglia vicino al negozio del nonno, la drogheria che non chiude mai e vende di tutto. Ma non sarà facile. Non solo perché la famiglia è stata appena sconvolta da una tragedia, ma anche perché troppi sono gli occhi attenti e curiosi dei parenti. Ma Swan non vuole lasciare andare la piccola mano di Blade. Ed è determinata a tenere il segreto. Un segreto che sancirà un’amicizia forte e tenera ma estremamente pericolosa. Perché forse, in quell’estate in cui finalmente sono fioriti i papaveri, tutto l’amore del mondo potrebbe non essere sufficiente a fermare l’atroce vendetta di un essere animato dal male.
Ordina per
  • 4

    un libro che cattura

    sì, decisamente cattura.
    ti prende e ti trasporta all'interno della famiglia Moses, ti fa affezionare ai personaggi, ti incuriosisce, ti intenerisce, ti fa indignare, ti commuove e ti diverte. veramente ben scritto. ti sembra di vivere nella famiglia, ne condividi le emozioni, i sentimenti, ...continua

    sì, decisamente cattura.
    ti prende e ti trasporta all'interno della famiglia Moses, ti fa affezionare ai personaggi, ti incuriosisce, ti intenerisce, ti fa indignare, ti commuove e ti diverte. veramente ben scritto. ti sembra di vivere nella famiglia, ne condividi le emozioni, i sentimenti, le pulsioni, e sorridi intenerendoti innanzi ai mille giochi fantasiosi dei bambini. una storia che sembra ordinaria, ma che diventa straordinaria per la ricchezza dell'amore familiare che trasmette.
    ho amato tutti i personaggi, tranne ovviamente il bruto maledetto Ras, che ha fatto la fine che meritava.
    non gli ho dato 5 stelle solo perché non mi è piaciuto molto Samuel ( che però si è in qualche modo riscattato verso la fine), tutto preso dalla sua spiritualità. e ho amato alla follia Toy, il personaggio più sfortunato, il cui destino, secondo me, è stato tracciato in modo troppo ingiusto.
    nel complesso, una gran bella lettura. consigliatissimo.

    ha scritto il 

  • 5

    Avete presente quando iniziate un libro e dopo poche pagine desiderate che finisca il più tardi possibile? Ecco io ho provato esattamente questo. Una volta addentrati nella storia sarà impossibile non rimanerne affascinati. Ho amato tutta la famiglia. Era da tanto che non rimanevo intrappolata co ...continua

    Avete presente quando iniziate un libro e dopo poche pagine desiderate che finisca il più tardi possibile? Ecco io ho provato esattamente questo. Una volta addentrati nella storia sarà impossibile non rimanerne affascinati. Ho amato tutta la famiglia. Era da tanto che non rimanevo intrappolata così in un libro. Lo consiglio a tutti. Libro da non perdere. Spero di cuore che la scrittrice ne faccia un seguito. Mi piacerebbe ritrovare i personaggi da adulti. 

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    4

    Consiglio

    Scorrevole e chiaro. I personaggi sono descritti nei minimi dettagli, ti affezioni moltissimo a loro. E' un libro con parti abbastanza forti e crudeli ma allo stesso tempo è tenero sopratutto per la presenza dei personaggi più piccoli e della protagonista Swan. Tocca il cuore. Quattro stelle:) ...continua

    Scorrevole e chiaro. I personaggi sono descritti nei minimi dettagli, ti affezioni moltissimo a loro. E' un libro con parti abbastanza forti e crudeli ma allo stesso tempo è tenero sopratutto per la presenza dei personaggi più piccoli e della protagonista Swan. Tocca il cuore. Quattro stelle:)

    ha scritto il 

  • 5

    Bello, bello , bello! anche se l'ho dovuto leggere a due riprese: la prima volta non riuscivo a sopportare la figura dell'uomo- serpente e della madre di Blade.
    Poi pero' le figure di Toy, di Willadee, di Blade, di Calla e di Swan hanno colmato e annegato il male e mi hanno fatto correre fi ...continua

    Bello, bello , bello! anche se l'ho dovuto leggere a due riprese: la prima volta non riuscivo a sopportare la figura dell'uomo- serpente e della madre di Blade.
    Poi pero' le figure di Toy, di Willadee, di Blade, di Calla e di Swan hanno colmato e annegato il male e mi hanno fatto correre fino all'ultima pagina.
    "Alla gente piacerebbe se le cose andassero avanti sempre uguali a com'erano in passato, ma questo non è possibile, ed è un bene, perchè quando una parte di una cosa comincia a cambiare anche tutte le altre si modificano, e presto inizia tutta un'altra storia."
    Stranamente la figura di Samuel è quella che mi ha colpito meno, l'ho trovata secondaria e un po' troppo presa dalla sua dimensione spirituale tanto da non riuscire ad aiutare i suoi figli.
    E Bernice, beh, ha ottenuto solo il ridicolo che si meritava.

    ha scritto il 

  • 3

    UNA MANO PIENA DI NUVOLE

    L’americana Jenny Wingfield, scrittrice e sceneggiatrice per il cinema e la televisione, ottiene un grande successo con questo suo romanzo d’esordio. Tradotto in numerose lingue e distribuito in venti Paesi, il libro è stato premiato dall’Associazione Nazionale dei Librai Indipendenti d’America e ...continua

    L’americana Jenny Wingfield, scrittrice e sceneggiatrice per il cinema e la televisione, ottiene un grande successo con questo suo romanzo d’esordio. Tradotto in numerose lingue e distribuito in venti Paesi, il libro è stato premiato dall’Associazione Nazionale dei Librai Indipendenti d’America e ha scalato le classifiche del Paese soprattutto grazie al passaparola.
    Figlia di un pastore metodista, come la protagonista del suo racconto, la Wingfield ha trascorso la sua infanzia spostandosi con la famiglia in varie zone della Louisiana a seguito del padre predicatore. Attualmente vive in Texas in compagnia di svariati animali, cani, gatti e cavalli, che ha accolto e adottato.
    Il libro, edito in Italia da Garzanti nel 2012, ha il titolo originale di The Homecoming of Samuel Lake” ( Il ritorno a casa di Samuel Lake), il padre della protagonista Swan e dei suoi fratelli.
    Siamo in Arizona, alla fine degli anni 50. La famiglia Moses vive in una grande fattoria dove nonno John e nonna Calla, ancora addolorati per la perdita del loro figlio prediletto a causa di un incidente, hanno una drogheria e un bar che tengono costantemente aperti. Sono aiutati dal figlio Toy sposato con la frivola Bernice. Toy, che ha perso una gamba e deve servirsi di un arto artificiale, è un uomo dal carattere controverso e dai trascorsi non chiari ma capace di grande generosità ( ma questo lo sapremo alla fine del libro). La loro unica figlia è sposata con il predicatore Samuel Lake e madre di tre bambini: Noble, Bienville e Swan.
    Swan è una ragazzina intelligente, dal forte carattere, costretta talvolta a reprimere le sue passioni e i suoi moti di libertà a causa delle severe regole religiose imposte dal padre a lei e ai suoi fratelli.
    La famiglia, riunitasi nella fattoria dei nonni materni per cause di forza maggiore (Samuel è rimasto senza lavoro perché non gli è stata affidata nessuna chiesa da seguire e gestire), vive una grande tragedia. Nonostante i gravi fatti accaduti, i bambini continuano la loro esistenza spensierata immersi nell’estate americana, correndo tra i boschi e facendo il bagno nelle polle d’acqua ai margini della proprietà dei nonni, finchè Swan farà un incontro che cambierà la sua esistenza e quella di tutta la famiglia: il piccolo Blade, un ragazzino magro e allampanato, soggetto alla violenza di un padre crudele e rabbioso, un addestratore di cavalli della zona, spietato e brutale tanto nei confronti degli esseri umani quanto nei confronti degli animali.
    Salvare Blade da una vita di abusi e sopraffazioni sarà per Swan una priorità, anche a costo di mettere a repentaglio la propria vita.
    Lo stile del libro è semplice, lineare, a volte un po’ lento e ripetitivo, capace di saltare bruscamente da momenti di tensione a momenti di spensieratezza e di dolcezza nella descrizione di queste infanzie immerse nell’assolata campagna dell’Arizona.
    Moltissimi i commenti positivi se non entusiastici riguardanti questo romanzo. Personalmente non ho potuto schierarmi dalla parte degli elogi soprattutto perché i personaggi sembrano vivere situazioni drammatiche con grande superficialità e danno l’impressione di non avvertire il peso e la gravità di certi avvenimenti che paiono cadere nel “dimenticatoio” a poche ore o a pochi giorni dai fatti.
    Il ritratto di alcuni protagonisti è abbastanza completo, per altri, forse più interessanti, è poco esauriente e generico. Alcuni personaggi poi, si perdono per strada e non è dato immaginare le conseguenze degli eventi sulle loro vite. La carenza di forte emotività da parte degli attori implicati nella vicenda ha contagiato anche il mio modo di “sentire” questa storia che seppur interessante e “forte” non ha saputo far vibrare le corde dei sentimenti e dell’empatia.
    La rappresentazione di certe dinamiche familiari è stato l’unico aspetto interessante, anche questo non abbastanza approfondito e analizzato nelle cause e negli effetti. Peccato perché, visti gli importanti temi trattati, poteva essere un libro straordinario ma il prodotto finale è assolutamente mediocre e sbilanciato. Ma questo è solo e sempre il mio parere, una voce fuori dal coro di tutti quelli che hanno amato talmente i personaggi della storia da lasciarsi trascinare in una girandola di emozioni che io, al contrario della maggioranza dei lettori, ho visto evaporare troppo presto.

    ha scritto il 

  • 4

    Che rivelazione questo libro! Non lo conoscevo, l'ho trovato spulciando qui su anobii...mi sarei persa moltissimo se non lo avessi letto. Una storia davvero dolce, capace di toccare il cuore anche ad una cinica come me.

    ha scritto il 

  • 4

    Inserito fra i migliori libri dell'anno dall'associazione dei librai indipendenti americani.. un libro in cui si mostra un coraggio talmente intenso da far sperare al lettore che le cose cambino e che l’amore possa essere veramente la salvezza.

    ha scritto il 

  • 3

    Carino

    Storia carina, invoglia la lettura soprattutto perchè si scorrono le pagine chiedendosi "succederà qualcosa di eclatante?" e ovviamente succede alla fine.
    Personalmente mi ha dato un po' fastidio il continuo riferimento alla religione.

    ha scritto il 

  • 4

    Un libro che parla dell'amore in tutte le sue sfaccettature, tenero, materno, dolce, ma anche ossessivo, malato, egoista, che si trasforma in un attimo in odio, sentimenti contrastanti che ti portano fino alla fine facendoti sorridere ora, e facendoti provare un rabbia immensa subito dopo.
    ...continua

    Un libro che parla dell'amore in tutte le sue sfaccettature, tenero, materno, dolce, ma anche ossessivo, malato, egoista, che si trasforma in un attimo in odio, sentimenti contrastanti che ti portano fino alla fine facendoti sorridere ora, e facendoti provare un rabbia immensa subito dopo.
    Mi è piaciuto soprattutto questo altalenarsi di situazioni che ha tenuto sempre viva l'attenzione.

    ha scritto il 

Ordina per