Una ragazza da Tiffany

Voto medio di 425
| 78 contributi totali di cui 75 recensioni , 3 citazioni , 0 immagini , 0 note , 0 video
Nel 1892, a Manhattan, un'elaborata insegna in bronzo fa bella mostra di sé. Tiffany Glass & Decorating Company declama la scritta che campeggia sopra una solida porta di vetro molato. Oltre quella porta, si schiude un grande salone con enormi ...Continua
Ha scritto il 29/10/17
*Una ragazza da Tiffany* di Susan Vreeland, è un lungo e scorrevole romanzo imperniato su Clara Driscoll, donna realmente vissuta a cavallo fra Ottocento e Novecento, principale collaboratrice di Tiffany jr, che impiegava i denari della ...Continua
Ha scritto il 23/08/17
In una parola: imbarazzante.
La forma del testo è inversamente proporzionale al suo contenuto. Tanto l’edizione è curata, titolo e argomento accattivanti, copertina deliziosa, carta e carattere perfetto…tanto il contenuto pare un lunghissimo tema delle medie di una ...Continua
Ha scritto il 13/07/17
Come fa spesso, Vreeland – appoggiandosi a documenti, diari ecc. – trasforma in romanzo una storia vera. Questa volta parla di Clara Driscoll l’artista creatrice, fra il resto, di molti tra i paralumi in vetro di Tiffany e dirigente del ...Continua
  • 2 mi piace
Ha scritto il 14/03/17
Clara Driscoll è una giovane donna vissuta a New York tra la fine del 1800 e i primi del '900. Ha lavorato alle dipendenze di Louis Comfort Tiffany, figlio del fondatore del prestigioso marchio Tiffany & Co., a sua volta artista ed importante ...Continua
  • 4 mi piace
Ha scritto il 23/08/16
molto interessante la storia della creatrice delle lampade Tiffany... una figura femminile di emancipazione e tenacia!!
  • 1 mi piace

Ha scritto il Mar 09, 2017, 07:50
Dio ci toglie le persone care, ma allo stesso tempo ci consola attraverso le parole e i gesti di chi ci vuol bene. C’è una sorta di equanimità spirituale in questo: la morte accende in noi un debito di gratitudine verso le persone che ci sono ...Continua
Pag. 119
Ha scritto il Nov 21, 2012, 19:04
"Volete dire che guardare un'opera d'arte ci rende migliori?"... "Sì, se siamo aperti, disponibili.. Perchè l'arte è un nutrimento per l'anima. Può renderci più sensibili e compassionevoli"
Pag. 243
Ha scritto il Feb 24, 2011, 16:54
Mi tornarono in mente le piccole rughe che aveva intorno alle labbra, le smorfie che faceva quando si rasava, le scuse che mormorava nel sonno se gli davo di gomito per farlo smettere di russare. Forse più che Francis amavo l'intimità di quei ...Continua
Pag. 61

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una nota!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi