Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Una ragazza per la notte

Di

Editore: Rizzoli

3.1
(67)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 266 | Formato: Copertina rigida

Isbn-10: 8817660337 | Isbn-13: 9788817660334 | Data di pubblicazione:  | Edizione 5

Disponibile anche come: Altri

Genere: Fiction & Literature , Mystery & Thrillers

Ti piace Una ragazza per la notte?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 4

    ...La nostra vita collettiva, gli accadeva di pensare, è ridotta a un tale livello di barbarie da non avere uguali nel mondo. Il nostro è un paese dove i giudici vengono fatti saltare con la ...continua

    ...La nostra vita collettiva, gli accadeva di pensare, è ridotta a un tale livello di barbarie da non avere uguali nel mondo. Il nostro è un paese dove i giudici vengono fatti saltare con la dinamite e si torturano i bambini sequestrati. Abbiamo avuto governi che hanno provocato il disastro economico, pur di assicurarsi la sopravvivenza, che hanno fatto dello Stato uno straccio e portato città e regioni al punto in cui la stessa idea di democrazia è diventata un inganno. ... ...Crediamo di esserci abituati piano piano e che tutto questo non ci faccia più effetto. Non è vero, non è così, la barbarie l'abbiamo ricacciata giù, nel profondo di ognuno di noi, l'abbiamo metabolizzata trasformandola in ansia, in aggressività, in paure irragionevoli. o, nel mio caso, in risentimento. Dovrei forse sentirmi in colpa per questo? Scrollò la testa leonina e, insieme, tutti quei fastidiosi pensieri. ...Viviamo in una repubblica gestita da una classe politica non solo disonesta, ma addirittura marcita nell'esercizio del potere. Da quando i ladrocini, sono stati smascherati, gli usurpatori non fingono nemmeno più. Restano avvinghiati al potere senza più nascondere che il mantenimento dei privilegi è il loro unico scopo. Prigionieri d'una logica talmente corrotta che gli ha impedito perfino di vedere l'abisso che li separa da ciò che la gente normale prova, soffre e spera. Non è tutto, le cose sono anche peggio dì così. Il capolavoro è stato di diffondere la corruzione come un’epidemia. Un pugno di profittatori ha favorito la crescita di milioni di complici per garantirsi l'immunità. Si lascia rubare all'usciere qualche ora di straordinario e un po' di cancelleria, perché il ministro possa lucrare la sua tangente su appalti di miliardi. Hanno creato una specie di criminoso paese dei balocchi, spolpandolo vivo. ...«La città in cui viviamo oggi», disse più lentamente, «è molto diversa da quella che ho conosciuto da giovane. È arrivata la droga, sono arrivati gli extracomunitari, i poveri sono diventati razzisti, È finita la speranza, la voglia dì cambiare. Io sono cresciuto all'Ostiense, dalle parti della Piramide. Da ragazzino andavamo a giocare tra le tombe del cimitero degli inglesi. Quando ho letto Le ceneri di Gramsci mi sono messo a piangere, perché sembrava che parlasse di me. Se non fosse morto, oggi chissà che direbbe, Pasolini. Certo nemmeno lui s'immaginava che saremmo arrivati a questo punto.».

    ha scritto il 

  • 3

    In realtà sono 4

    ossia se lo avessi letto senza la fatica dell'impaginazione ad minchiam con la puntegiatura apostrofi e accenti giusti avrebbe preso le sue 4 stelline perché Augias giallista è stato una bella ...continua

    ossia se lo avessi letto senza la fatica dell'impaginazione ad minchiam con la puntegiatura apostrofi e accenti giusti avrebbe preso le sue 4 stelline perché Augias giallista è stato una bella "sorpresa"

    ha scritto il 

  • 3

    meglio il virato seppia...

    Augias è bravo, acuto, già 20 anni fa parlava del connubio antico di escort, coca e politica, ha belle riflessioni e qualche frase che buca la pagina, ma... ma convince di più nei suoi gialli ...continua

    Augias è bravo, acuto, già 20 anni fa parlava del connubio antico di escort, coca e politica, ha belle riflessioni e qualche frase che buca la pagina, ma... ma convince di più nei suoi gialli ambientati quando i telefoni erano bianchi, o gli uomini portavano paglietta e baffi impomatati, le sue cartoline in bianco e nero o virato seppia sono deliziose, la foto a colori invece è troppo forte per lui, la trama ci sarebbe ma manca la tensione, comunque piacevole.

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    0

    è veramente noioso e non mi riesce ad attirare. io non lo consiglierei per niente al mondo!! non sono riuscita neanche a finire di leggerlo!!!

    ha scritto il 

  • 1

    Indecenti gialli di genere, il genere che vorrebbe imitare le atmosfere altrui ma non ci riesce. Assolutamente non all'altezza della mattina di luglio.

    Le descrizioni della mota lutulenta di vizi in ...continua

    Indecenti gialli di genere, il genere che vorrebbe imitare le atmosfere altrui ma non ci riesce. Assolutamente non all'altezza della mattina di luglio.

    Le descrizioni della mota lutulenta di vizi in cui si rotola(va)no i boiardi della prima repubblica oscilla fra lo scandalizzato il compiaciuto e l'invidioso. Lo stile spesso è da "io aborro quegli osceni spettacoli di spogliarelli alle 3,15 del mattino su TeleMontecotronescalo con quella creola tettona che ha un neo a forma di asso di fiori sulla natica destra" Per uno che aborre...

    ha scritto il 

Ordina per