Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Una solitudine troppo rumorosa

Di

Editore: Einaudi (Nuovi coralli; 441)

4.3
(3821)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 118 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Chi tradizionale , Inglese , Francese , Galego , Spagnolo , Tedesco , Polacco , Catalano

Isbn-10: 8806123084 | Isbn-13: 9788806123086 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Curatore: Sergio Corduas

Disponibile anche come: Copertina rigida , eBook

Genere: Fiction & Literature , Philosophy , Religion & Spirituality

Ti piace Una solitudine troppo rumorosa?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
A Praga, in un magazzino interrato, un uomo lavora da anni a una pressa meccanica trasformando carta da macero in parallelepipedi armoniosi e sigillati, morti e vivi a un tempo, perché in ciascuno di essi pulsa un libro che l'uomo vi ha imprigionato, aperto su una frase, un pensiero: sono frammenti di Erasmo e Laozi, di Hòlderlin e Kant, del Talmud, di Nietzsche, di Goethe. Professionista della distruzione dei libri, l'uomo li crea incessantemente sotto forma diversa, e dal suo mondo infero promuove un suo speciale sistema di messaggi.
La vita di Hanta, dotto della «non conoscenza», saggio «contro la sua volontà», è tutta in questo distillare scaglie di arte, di cultura e insieme di memoria: mira «non a salvare metaforicamente cultura e storia come a prima vista può sembrare, ma a salvare se stesso e noi. Anzi io penso che l'unica cosa per la quale il verbo salvare sia opportuno è la possibilità stessa di fare: arte, cultura e vita che sia». Cosi scrive Sergio Corduas nella nota che accompagna il volume e precede l'intervista in cui Hrabal espone alcune riflessioni su un'opera che ritiene essere la sua migliore. In questo libro del sottosuolo, insieme realistico e simbolico, forse il più poetico e crudele che Hrabal abbia scritto, dominano due temi, l'amore e la morte. L'amore avulso da ogni emotività, vissuto come contemplazione e godimento «al centro del Paradiso terrestre»; la morte come dissoluzione, ma anche come riflusso, regressus ad originem, per arrivare «là dove per ora nessuno mi attende, là dove il presente è inesistente, il passato minaccioso e il futuro cosi ben, ah cosi ben conosciuto».

Di Bohumil Hrabal (Brno 1914) Einaudi ha pubblicato: Inserzione per una casa in cui non voglio più abitare, da cui il regista Jrzi Menzel ha tratto il film Allodole sul filo, vincitore nel 1990 del Festival cinematografico di Berlino, e il romanzo autobiografico Le nozze in casa. Con il romanzo che qui presentiamo Hrabal ha vinto nel 1987 il Premio Elba per la narrativa.

Ordina per
  • 4

    Da trentacinque anni lavoro alla carta vecchia ed è la mia love story.

    Una vita spesa lavorando in solitudine alla pressa meccanica della carta ha portato l'umile Hanta ad essere istruito contro la sua volontà: dopo aver maneggiato per anni cartacce, libri, manifesti in ...continua

    Una vita spesa lavorando in solitudine alla pressa meccanica della carta ha portato l'umile Hanta ad essere istruito contro la sua volontà: dopo aver maneggiato per anni cartacce, libri, manifesti in uno scantinato umido a Praga, Hanta ha sviluppato una sensibilità e una capacità di ragionamento unica che lo porta a trovarsi in estrema difficoltà ogni volta che ha tra le mani dei testi destinati al macero.

    Riesce ad andare avanti aiutato dall'alcool e dalle parole di grandi scrittori e filosofi. Salva questi capolavori a modo suo, prepararando pacchi di carta pressata che sono in realtà delle piccole opere d'arte, espressione del suo genio. Contengono infatti libri aperti su pagine significative, decorati di balzelli, pensieri e riflessioni filosofiche riguardanti il ciclo della vita e la società che lo circonda.

    Ma la costruzione di una gigantesca pressa idraulica e l'avvento dei nuovi giovani operatori, simbolo del distratto progresso che si avvicina, sbriciolerà le sue certezze conducendolo a un punto cruciale della sua vita.

    Uno dei libri più riusciti di Bohumil Hrabal che riesce a creare una forte solidarietà tra il protagonista e il lettore, facendolo riflettere sul peso del sapere, sulle pagine importanti della propria vita e sul tempo che inevitabilmente le scioglie come inchiostro tra acido e solventi.

    Tra prosa e poesia. Indelebile.

    ha scritto il 

  • 5

    Perfetta unione di mosche e Buddha, pressati insieme e compattati in un bel blocco liscio liscio, che se ci avvicini l'orecchio senti ancora il ronzio delle mosche e il silenzio di Buddha. O viceversa ...continua

    Perfetta unione di mosche e Buddha, pressati insieme e compattati in un bel blocco liscio liscio, che se ci avvicini l'orecchio senti ancora il ronzio delle mosche e il silenzio di Buddha. O viceversa, che poi è lo stesso.

    ha scritto il 

  • 0

    「我有幸孤身獨處,雖然我從來不孤獨,我只是獨自一人而已,獨自生活在稠密的思想之中,因為我有點狂妄,我是無限和永恆中的狂妄份子,而無限和永恆也許就是喜歡我這樣的人。」
    「我看見耶穌在不停地登山,而老子卻與世無爭地環顧四境,以歸真返璞勾勒出他的永恆之道。我看見耶穌如何通過祈禱使現實出現奇蹟,而老子則循著大道摸索自然法則,以達到博學的不知。」

    只有深處底層的人們才瞭解底層人們的生活,只有嘗盡孤獨滋味的隱 ...continua

    「我有幸孤身獨處,雖然我從來不孤獨,我只是獨自一人而已,獨自生活在稠密的思想之中,因為我有點狂妄,我是無限和永恆中的狂妄份子,而無限和永恆也許就是喜歡我這樣的人。」
    「我看見耶穌在不停地登山,而老子卻與世無爭地環顧四境,以歸真返璞勾勒出他的永恆之道。我看見耶穌如何通過祈禱使現實出現奇蹟,而老子則循著大道摸索自然法則,以達到博學的不知。」

    只有深處底層的人們才瞭解底層人們的生活,只有嘗盡孤獨滋味的隱者才瞭解孤獨但是不孤單,都是因為有書籍讓人得到了救贖,閱讀讓人的心靈得到解放,一旦愛上閱讀將從此離不開它,至死不渝。

    ha scritto il 

  • 1

    Un'erudita punizione letteraria

    Decisamente un libro per pochi, eruditi, dotti.

    Perciò prendo atto, non un libro per me. Con le sue citazioni coltissime e la sua scrittura estremamente pesante posso dire di averlo detestato. Non ved ...continua

    Decisamente un libro per pochi, eruditi, dotti.

    Perciò prendo atto, non un libro per me. Con le sue citazioni coltissime e la sua scrittura estremamente pesante posso dire di averlo detestato. Non vedevo l’ora di finirlo, finalmente, e di passare oltre. Solo 100 pagine circa e una pesantezza difficile la descrivere.

    Eppure la storia è davvero intrigante e certi passi quelli in cui il protagonista parla del suo amore per i libri, per la cultura, per la letteratura mi hanno davvero toccata.

    Ma, sono sincera, si è trattato di poche righe, per il resto la lettura di questo libro è stata una vera punizione.

    ha scritto il 

  • 0

    傍晚在二樓閑晃,無意間發現了赫拉巴爾的《過於喧囂的孤獨》,拾起再讀,即刻被首章的美麗文字所攫獲,將「咀嚼」文字的美麗描述得栩栩動人。心中滿是震盪。

    『…...因為我讀書的時候,實際上不是讀,而是把美麗的詞句含在嘴裡,嘬糖果似地嘬著,品烈酒似地一小口一小口地呷著,直到那詞句像酒精一樣融解在我的身體裡,不僅滲透我的大腦和心靈,而且在我的血管中奔騰,衝擊到我每根血管的末梢。...』(過於喧囂的孤獨,p. ...continua

    傍晚在二樓閑晃,無意間發現了赫拉巴爾的《過於喧囂的孤獨》,拾起再讀,即刻被首章的美麗文字所攫獲,將「咀嚼」文字的美麗描述得栩栩動人。心中滿是震盪。

    『…...因為我讀書的時候,實際上不是讀,而是把美麗的詞句含在嘴裡,嘬糖果似地嘬著,品烈酒似地一小口一小口地呷著,直到那詞句像酒精一樣融解在我的身體裡,不僅滲透我的大腦和心靈,而且在我的血管中奔騰,衝擊到我每根血管的末梢。...』(過於喧囂的孤獨,p.16)

    赫拉巴爾在《過於喧囂的孤獨》裡寫著:「當我的目光落在一本有價值的書上,當我一行行閱讀這些印刷的文字時,這書留下的也唯有非物質的思考而已...」(p.17)。

    『我於是看到了韓波說得多麼正確:精神鬥爭之可怕決不亞於任何一場戰爭,......』(p.41) 『黑格爾的話曾使我吃驚,黑格爾教導我說:世界上唯一可怕的事情是江華,是板結、垂死的形態,...』(p.41)

    『因此,依我看這世界上的一切事物,都是在向前邁進之後又都向後回歸,......』(p.71)

    ha scritto il 

  • 4

    1. 單是書名就是很有意思的一本書. 就通篇脈絡來看, 題名過於喧囂的孤獨, 孤獨很明確是故事的主人翁漢嘉,
    過於喧囂則有來自外在環境, 也有來自主人翁本身.
    外在的喧囂在於漢嘉所處的地下室, 骯髒雜亂, 吵雜的壓書機聲, 耗子橫行互搶地盤吱叫, 無數的綠頭藍頭蒼蠅急奔振翅聲, 更多的是漢嘉的老闆嘶罵, 熙嚷的街坊.
    喧囂的也是主人翁漢嘉內在的聲音, 在壓書的35年生活, 也汲取了各家精華, 哲學 ...continua

    1. 單是書名就是很有意思的一本書. 就通篇脈絡來看, 題名過於喧囂的孤獨, 孤獨很明確是故事的主人翁漢嘉,
    過於喧囂則有來自外在環境, 也有來自主人翁本身.
    外在的喧囂在於漢嘉所處的地下室, 骯髒雜亂, 吵雜的壓書機聲, 耗子橫行互搶地盤吱叫, 無數的綠頭藍頭蒼蠅急奔振翅聲, 更多的是漢嘉的老闆嘶罵, 熙嚷的街坊.
    喧囂的也是主人翁漢嘉內在的聲音, 在壓書的35年生活, 也汲取了各家精華, 哲學, 古往今來哲人, 耶穌, 老子, 歷史英雄, 政治家, 劇作家, 種種的思想在漢嘉腦海中翻滾, 交互攻訐辯論, 又相安共處.

    2. 就本書的內容而言, 主人翁雖然身處下下階層, 蓬頭垢面, 完全不在乎世事一般, 對於好的事物, 哲人思想, 經典書籍, 美的人, 是和一般人一樣, 有著同樣的喜愛, 也樂於浸身其中.
    反差的是, 儘管漢嘉滿身汙垢髒臭, 卻對於大便以及踩到大便, 有非常深的嫌惡. 或許漢嘉認為, 最最無用的東西, 是最令人厭惡的吧. 相對於其他眾生的存在, 或美醜, 芬芳噁臭都是值得的存在; 消化後的排洩, 則是惱人無用. 也許漢嘉本人, 對於現在的工作, 也有一樣的尷尬想法, 自己認為壓書的工作是一份榮譽, 而他人卻當他是怠惰而多餘.

    3.能與書中的良知哲人們共生, 是漢嘉的餘生所望. 即使如此, 漢嘉終未實行與書共存亡的念頭, 只單留在夢中. 漢嘉對於瀏覽書中的世界的興致, 遠高過實行見識這個世界, 其實也是缺乏勇氣, 而生更多無奈. 作繭自縛了.

    4. 全書優雅, 通篇以第一人稱撰寫, 行文流暢, 又能把各家思想融合引用在行文之中. 有些片段讀來更像首詩. 可以感受到作者不慍不火的把畢生心血結晶放在故事之中, 是一本有深度思想的短篇小說.

    ha scritto il 

  • 5

    Magico

    Bohumil Hrabal è stato un mostro in quest'opera! La sua fantasia è stata di un'altra galassia, ci sono stati punti in cui si richiedeva una conoscenza in più di storia o d'arte, addirittura anche di m ...continua

    Bohumil Hrabal è stato un mostro in quest'opera! La sua fantasia è stata di un'altra galassia, ci sono stati punti in cui si richiedeva una conoscenza in più di storia o d'arte, addirittura anche di musica classica. Bohumil Hrabal fu eccezionale, nel suo capolavoro ha esposto in modo astratto la dipendenza che un'uomo può avere del suo lavoro, lui come tanti altri amanti della carta aveva con il suo magazzino, "l'universo solamente suo". Bohumil Hrabal ha scritto in poco meno di 100 pagine un Romanzo davvero attraente e molto ma molto colto. Il punto più commovente di quest'opera è la dimostrazione che la cultura si assorbe anche lavorando nei posti idealmente infiniti...

    ha scritto il 

  • 4

    In un lurido sotterraneo di Praga, Hanta lavora per trentacinque anni con una pressa meccanica per macinare e ridurre in poltiglia tonnellate di carta straccia: allo stesso modo, Hrabal descrive quest ...continua

    In un lurido sotterraneo di Praga, Hanta lavora per trentacinque anni con una pressa meccanica per macinare e ridurre in poltiglia tonnellate di carta straccia: allo stesso modo, Hrabal descrive questo sforzo impietoso servendosi di periodi via via sempre più contorti, rendendo il lettore partecipe della progressiva strettoia cui va incontro la vita del suo protagonista.

    D’altro canto, la lunghezza dei paragrafi e i punti che non conducono mai a capo, se non al capitolo successivo, non fanno che immergerci nel turbinare di fogli che avvolge Hanta, gli scarti che lui ha il compito di sottrarre ai topi e alle mosche perché vengano smaltiti: il lettore non può fare a meno di vestire i suoi panni e guardare con i suoi occhi il tesoro celato in mezzo a tanta immondizia.

    Stralci della migliore letteratura capitano infatti sotto l’occhio di Hanta, il quale, lungi dal farsi sedurre dal fascino dell’enciclopedismo, si cura soltanto del frammento e di volta in volta rumina dentro di sé la bellezza di quelle poche parole, facendosi pressa umana, tramutando in passione il proprio lavoro e trasformando la spazzatura in opera d’arte, incastonando sulle facce dei cubi di carta le stampe che altre mani hanno strappato, le pagine che altri hanno accartocciato.

    Attraverso la vicenda paradossale del suo protagonista (e un elogio del frammento letterario che avrebbe senz’altro deliziato Roland Barthes), Bohumil Hrabal ci mostra come la cultura sia riemersa dai rottami della guerra solo per andare incontro alla sciagura del progresso tecnico disumanizzante e del consumismo: un bombardamento di segni che è vitale non subire in maniera passiva, senza sporcarsi le mani, per non condannarci a vivere una solitudine troppo rumorosa.

    Per saperne di più: http://grulloparlante.wordpress.com/

    ha scritto il 

  • 0

    Circonferenze malinconiche

    "…mi dico, da questo momento, amico, devi essere solo in tutto, devi costringerti da solo ad andare fra la gente, devi divertirti da solo, devi far teatro da solo, finché non abbandonerai te stesso da ...continua

    "…mi dico, da questo momento, amico, devi essere solo in tutto, devi costringerti da solo ad andare fra la gente, devi divertirti da solo, devi far teatro da solo, finché non abbandonerai te stesso da solo, perché da ora circolano solo circonferenze malinconiche…"

    I personaggi di Hrabal sono spesso piccoli uomini dalle vite minimali, grandi loro malgrado, grandi nella poesia che ci mettono a osservare la vita attorno a sé, che sia una zingara, un topo, un treno, la neve, il cielo.

    Sono uomini abissalmente soli il cui pensiero crea mondi densi e ricchi di persone e cose (qui i libri, gli scrittori e i pittori), immagini, ricordi e parole, solitudini rumorose appunto, per cui soli non sono mai.

    Il senso di questa solitudine così piena e ricca si percepisce così bene da restarne incantati, commossi e anche un po’ invidiosi.

    Un piccolo libro magico con un piccolo uomo dai pensieri grandissimi.

    ha scritto il 

Ordina per