Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Una splendida mattina d'estate

Di

Editore: Feltrinelli

3.8
(68)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 190 | Formato: Altri

Isbn-10: 8807811405 | Isbn-13: 9788807811401 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: C. Libero

Genere: Mystery & Thrillers

Ti piace Una splendida mattina d'estate?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Victor Dermott, commediografo di successo, si è ritirato a scrivere in unranch isolato ai margini del deserto del Nevada, in compagnia della moglie,del figlioletto, di un domestico vietnamita e di un cane da guardia. Ma in unasplendida mattina d'estate, alle prime luci dell'alba, si sveglia disoprassalto, in un bagno di sudore. Crede di aver avuto un incubo, ma l'incubodeve ancora arrivare. Nessuna traccia del domestico, il cane è sparito, iltelefono tagliato, le automobili fuori uso. E presto il ranch si popolerà difigure sinistre e grottesche: una giovane ereditiera rapita da un leggendariogangster tornato in attività dopo anni di pensione, un ex galeottoitaloamericano immalinconito da una mamma malata, una coppia di gemelli,fratello e sorella, incestuosi, selvaggi e insofferenti di ogni disciplinapersino criminale. Questi i protagonisti di uno spietato gioco al massacro,scandito da mille imprevisti, con poliziotti e agenti dell'Fbi a far dacomparse predestinate a giungere sempre un istante troppo tardi. Un suspensedei primi anni sessanta, che vede il crepuscolo della vecchia generazione digangster, soppiantata dalla nuova delinquenza senza regole dei giovani"ribelli" in motocicletta e giubbotto di cuoio.
Ordina per
  • 4

    Da Charles Baudelaire

    "Anima mia, ricordi la cosa che vedemmo quella <splendida mattina d'estate> alla svolta di un sentiero, una carogna infame adagiata su un giaciglio di sassi, con le gambe all'aria come una donna impudica, bruciando e sudando i suoi veleni, come una fontana dai ritmici singhiozzi, sento cola ...continua

    "Anima mia, ricordi la cosa che vedemmo quella <splendida mattina d'estate> alla svolta di un sentiero, una carogna infame adagiata su un giaciglio di sassi, con le gambe all'aria come una donna impudica, bruciando e sudando i suoi veleni, come una fontana dai ritmici singhiozzi, sento colare il sangue con un lungo mormorare, ma mi tasto il corpo invano in cerca di una ferita, io sono il vampiro del mio cuore, uno di quei grandi derelitti condannati al riso eterno, incapaci di sorridere...sono forse morto...devo essere morto..."

    ha scritto il 

  • 4

    Uno dei più datati di sempre, con quelle tinte fortissime e quei personaggi che inevitabilmente, prima o poi, riveleranno il Loro Altro Volto, ma freganiente, goduto tantissimo e paragrafo finale SORPRENDENTEMENTE NON CLASSICO. Ma se leggo la parola "maschera" ancora una volta mi uccido.

    ha scritto il 

  • 4

    Oh, What a beautiful morning

    Ho il sospetto che Quentin Tarantino lo abbia letto.

    Colonna sonora: Oh, what a beautiful morning (Album: Ray Sings, Basie Swings)
    http://www.youtube.com/watch?v=fI8jGtvGmIQ

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    0

    Uno scrittore si ritira con moglie e figlio piccolo in un posto isolato. Se fossi uno scrittore non lo farei: pare che non si scriva mai nulla di buono e che succedano sempre disastri senza limiti.


    Ebbene, qui c'è uno scrittore di successo, commedie che hanno sfondato a Broadway, che vuole ...continua

    Uno scrittore si ritira con moglie e figlio piccolo in un posto isolato. Se fossi uno scrittore non lo farei: pare che non si scriva mai nulla di buono e che succedano sempre disastri senza limiti.

    Ebbene, qui c'è uno scrittore di successo, commedie che hanno sfondato a Broadway, che vuole un po' di calma per elaborare la nuova idea. Niente di meglio che un ranch isolato con tutte le comodità. E così incomincia la storia, davvero in una splendida mattina d’estate. Peccato che poi volga al brutto.
    Lo scrittore, la moglie e il piccolino si trovano nel mezzo del rapimento della figlia di un milionario, una che parishilton (non si tratta più di un nome e cognome, si tratta di una tipologia...) al confronto è sobria e simpatica, da parte di un ex gangster, il cui consulente fiscale si è suicidato dopo aver perso tutto al gioco (ovviamente il suo e quello del gangster).
    Il tenore di vita dell'ex gangster non è più sostenibile e bisogna inventarsi qualcosa per recuperare del denaro. Molto denaro.

    Il gangster ha un piano che dimostra una certa intelligenza: si potrebbe definire un rapimento quasi onesto. Nessuna giustificazione: un rapimento non è una bella cosa, ma se come riscatto si richiede un infinitesimo del patrimonio, se la rapita non la si può sopportare e comunque non le viene torto un capello, se ci impone di non fare del male a nessuno sembra quasi il piano perfetto.

    Dove sta il problema? Ce ne sono un paio: da una parte la manodopera e dall’altra una scelta curiosa.
    Insomma, come manodopera due gemelli, maschio e femmina, con un rapporto incestuoso e forti problemi di relazione con la gente.
    La scelta curiosa è di mandare lo scrittore famoso a chiedere il riscatto. Non sarebbe meglio mandare un qualcuno di un po’ più anonimo?

    Questi due errorini sono il famoso battito d'ali di una farfalla. Da qui discendono catastrofi. Mi fermo qui, tutto sommato non ho rivelato molto. Le prime pagine sono belle, nel descrivere il risveglio della famigliola l’autore riesce a trasmettere tensione.
    Poi, è un succedersi di eventi da cui è difficile staccarsi.

    Va proprio bene come lettura estiva...

    ha scritto il 

  • 0

    In quarta di copertina si legge che l'autore ha come muse ispiratrici Hammett , Chandler e gli altri grandi autori del hard boiled, sarà!
    Penso che, purtroppo, l'ispirazione ben poco abbia fatto per la penna di questo autore che, a parer mio, altro non ha fatto che anticipare molte delle s ...continua

    In quarta di copertina si legge che l'autore ha come muse ispiratrici Hammett , Chandler e gli altri grandi autori del hard boiled, sarà!
    Penso che, purtroppo, l'ispirazione ben poco abbia fatto per la penna di questo autore che, a parer mio, altro non ha fatto che anticipare molte delle storie prevedibili e scontate che oggi leggiamo e vediamo in tv. Tutto qui, 7 euro, almeno per l'edizione Feltrinelli, che potevano essere impiegati diversamente...

    ha scritto il 

  • 4

    One Bright Summer Morning

    Donne inquietanti e perverse che seducono e portano guai; eroi immancabilmente perdenti, che si piegano di fronte alle difficoltà della vita. Ben di rado lo scioglimento delle vicende è felice ; ma quando lo è appare più che altro come un omaggio al perbenismo della società americana. Sono questi ...continua

    Donne inquietanti e perverse che seducono e portano guai; eroi immancabilmente perdenti, che si piegano di fronte alle difficoltà della vita. Ben di rado lo scioglimento delle vicende è felice ; ma quando lo è appare più che altro come un omaggio al perbenismo della società americana. Sono questi i temi di James Hadley Chase.
    I suoi libri , quasi un' ottantina, gli diedero la fama e il benessere e gli aprirono le porte di Hollywood . Eppure oggi Chase è in gran parte dimenticato , nonostante il revival noir e la moda dei recuperi ( Jim Thomphson, David Goodis ). Forse per l' equivoco che segnò la sua vita di scrittore: l' americano purosangue che ci immaginiamo dietro gli intrecci violenti e crudeli dei suoi libri era, di fatto, un inglese, anzi un londinese, René Brabazon Raymond ( 1906-1985 )Non mise piede in America: solo nel 1965 , da turista, ormai ricco e famoso. Molto artigianato nel suo scrivere, metodo e pazienza come muse ispiratrici e il rifiuto totale di qualsiasi immedesimazione romantica nei suoi libri. Da giovane commesso di libreria, accanito lettore di Hammett, Steinbeck , Cain, scrisse il primo romanzo nel 1939, "Niente orchidee per Miss Blandish". Un successo immediato. Fu accusato di plagio ; si disse che No orchids era ricalcato su "Sanctuary " di Faulkner. Una cosa gli va riconosciuta . L' ala del genio non l' aveva mai sfiorato ma non è mai stato un epigono, come molti credono. Parlano le date." Il grande sonno" di Chandler , è del 1939, e "Sipario Nero" di Woolrich del 1941.Non uno che copia insomma. Chase amava nascondersi dietro un mucchio di altri pseudonomi: ma il suo stile rimase sempre lo stesso: rapido, fitto di dialoghi; e identici i personaggi, nel loro spessore psicologico elementare . Un cerebrale camuffato da primitivo. Per questo James Hadley Chase è ancor oggi un piccolo enigma: in mezzo al tutto tondo degli scrittori americani, un' ombra sfocata che aspetta di rivelare il suo segreto.

    ha scritto il 

  • 5

    Bellissimo.
    Grazie a Feltrinelli per averlo ripubblicato (assieme a Eva) dopo 17 anni.
    Non perdetevi Niente orchidee per Miss Blandish ed. Polillo.
    Ne aspettiamo ansiosamente altri..

    ha scritto il