Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Una stagione selvaggia

Di

Editore: Einaudi

3.8
(2313)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 208 | Formato: eBook | In altre lingue: (altre lingue) Inglese

Isbn-10: 8858402405 | Isbn-13: 9788858402405 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Costanza Prinetti

Disponibile anche come: Paperback

Genere: Crime , Fiction & Literature , Mystery & Thrillers

Ti piace Una stagione selvaggia?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Hap ha rinunciato da tempo a salvare il mondo: la sua unica preoccupazione è vivere tranquillo, tra chiacchiere oziose e interminabili bevute con l'inseparabile Leonard. Ma il grande sogno degli anni Sessanta gli è rimasto incollato addosso perché non ha mai dimenticato Trudy, la bionda con cui aveva giocato a fare la rivoluzione. Quando Trudy ricompare nella sua vita, chiedendogli di recuperare il bottino di una rapina in banca, accetta l'incarico finendo però a capofitto in una spirale di violenza alla quale potrà sottrarsi soltanto con l'aiuto di Leonard. Quei soldi fanno gola a molti, e c'è chi è disposto a tutto pur di non dover dividere il malloppo... Lansdale accompagna il lettore tra paludi melmose e palazzi fatiscenti, ormai accerchiati dalla nuova America dei centri commerciali e degli immensi parcheggi di cemento. E già dispensa a piene mani quel misto di umorismo sardonico e sottile nostalgia, di idealismo e disillusione che ha fatto di Hap Collins e Leonard Pine una coppia di detective tra le piú affascinanti e amate degli ultimi anni.
Ordina per
  • 3

    Caratteri a confronto

    Una trama esile vivacizzata dal carattere dei personaggi, che — grazie all'alone di indolenza dei protagonisti — parte in sordina e sfocia in un tripudio di (gustosa) violenza; dialoghi semplici ma ca ...continua

    Una trama esile vivacizzata dal carattere dei personaggi, che — grazie all'alone di indolenza dei protagonisti — parte in sordina e sfocia in un tripudio di (gustosa) violenza; dialoghi semplici ma carichi di ironia.

    ha scritto il 

  • 1

    Sopravvalutatissimo

    Mi sono accostato a questo libro convinto che mi sarebbe piaciuto.
    Ma di fronte ad una scrittura scontatissima e ad una storia che cerca disperatamente di non esserlo mi sono rassegnato a costringermi ...continua

    Mi sono accostato a questo libro convinto che mi sarebbe piaciuto.
    Ma di fronte ad una scrittura scontatissima e ad una storia che cerca disperatamente di non esserlo mi sono rassegnato a costringermi a finirlo.

    Cosa unisce negli anni della depressione un bianco fallito ed un discriminatissimo nero omosessuale?
    Una machissima veracità che li porta ad affrontare un'avventura tirata per i capelli alla ricerca di un tesoro prospettato da una ninfomane ex del bianco protagonista.

    Per gli amanti del genere "caccia al tesoro" di bocca buona.

    ha scritto il 

  • 3

    Il mio primo libro di questo autore, mi sono avvicinata un pò scettica per tutta la serie di commenti che avevo sentito/letto sui suoi libri ma... è stata una lettura divertente, un piacevole passatem ...continua

    Il mio primo libro di questo autore, mi sono avvicinata un pò scettica per tutta la serie di commenti che avevo sentito/letto sui suoi libri ma... è stata una lettura divertente, un piacevole passatempo che si è lasciato leggere in un soffio. Sicuramente lo leggerò ancora, magari seguendo la cronologia delle storie che un suo appassionato lettore anobiano mi ha gentilmente fatto avere.

    ha scritto il 

  • 0

    Incipit

    Quel pomeriggio in cui tutto cominciò ero nel grande campo dietro casa con il mio buon amico Leonard Pine. Io avevo in mano il calibro dodici e lui lanciava in aria i piattelli.....

    http://www.incipit ...continua

    Quel pomeriggio in cui tutto cominciò ero nel grande campo dietro casa con il mio buon amico Leonard Pine. Io avevo in mano il calibro dodici e lui lanciava in aria i piattelli.....

    http://www.incipitmania.com/incipit-per-titolo/s/una-stagione-selvaggia-joe-r-lansdale/

    ha scritto il 

  • 4

    Ottimo libro con personaggi splendidi (Hap E Leonard). Parlare di Lansdale non è semplice visto che lo conoscono tutti quindi ci si limita all'ovvio: scrittura pungente e sarcastica, situazioni da cin ...continua

    Ottimo libro con personaggi splendidi (Hap E Leonard). Parlare di Lansdale non è semplice visto che lo conoscono tutti quindi ci si limita all'ovvio: scrittura pungente e sarcastica, situazioni da cinema pulp, tutto funziona alla perfezione. Mi chiedo solo come mai non ne abbiano ancora tratto un film

    ha scritto il 

  • 4

    Finalmente. Storia veloce, buoni e cattivi mischiati bene, dialoghi credibili, pistole, sangue e persino una bella ragazza che fa girare la testa più o meno a tutti, tranne che a Leonard, ovviamente. ...continua

    Finalmente. Storia veloce, buoni e cattivi mischiati bene, dialoghi credibili, pistole, sangue e persino una bella ragazza che fa girare la testa più o meno a tutti, tranne che a Leonard, ovviamente. Scrittura che ricorda il miglior Bukowski, personaggi che sembrano venir fuori dalle pagine di Steinbeck e, non è un insulto, ambientazione degna di Chuck Norris nei panni di Walker (sarà il Texas?). Sullo sfondo, tutto il resto: l’America dei bianchi e dei neri; dei rivoluzionari da salotto e di quelli che ci perdono, letteralmente, la faccia; dei disperati a caccia di soldi. E a me piacciono i libri che raccontano l’altra parte del sogno americano. Ho letto il primo della serie, non vedo l’ora di andare avanti.

    ha scritto il 

Ordina per