Una stagione selvaggia

Di

Editore: Einaudi

3.8
(2408)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 208 | Formato: eBook | In altre lingue: (altre lingue) Inglese

Isbn-10: 8858402405 | Isbn-13: 9788858402405 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Costanza Prinetti

Disponibile anche come: Paperback

Genere: Criminalità , Narrativa & Letteratura , Mistero & Gialli

Ti piace Una stagione selvaggia?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Hap ha rinunciato da tempo a salvare il mondo: la sua unica preoccupazione è vivere tranquillo, tra chiacchiere oziose e interminabili bevute con l'inseparabile Leonard. Ma il grande sogno degli anni Sessanta gli è rimasto incollato addosso perché non ha mai dimenticato Trudy, la bionda con cui aveva giocato a fare la rivoluzione. Quando Trudy ricompare nella sua vita, chiedendogli di recuperare il bottino di una rapina in banca, accetta l'incarico finendo però a capofitto in una spirale di violenza alla quale potrà sottrarsi soltanto con l'aiuto di Leonard. Quei soldi fanno gola a molti, e c'è chi è disposto a tutto pur di non dover dividere il malloppo... Lansdale accompagna il lettore tra paludi melmose e palazzi fatiscenti, ormai accerchiati dalla nuova America dei centri commerciali e degli immensi parcheggi di cemento. E già dispensa a piene mani quel misto di umorismo sardonico e sottile nostalgia, di idealismo e disillusione che ha fatto di Hap Collins e Leonard Pine una coppia di detective tra le piú affascinanti e amate degli ultimi anni.
Ordina per
  • 4

    Una scrittura semplice, eleganti descrizioni in una storia lineare infarcita da uno stile narrativo che riporta indietro nel tempo, tutti questi elementi danno a questo noir la caratterizzazione dei p ...continua

    Una scrittura semplice, eleganti descrizioni in una storia lineare infarcita da uno stile narrativo che riporta indietro nel tempo, tutti questi elementi danno a questo noir la caratterizzazione dei personaggi. I protagonisti, Hap e Leonard, conducono vite tranquille e oziose, all'insegna di scambi di chiacchiere, accompagnati da una buona birra, dal tabacco e vicino al tepore del caminetto. Cercano di superare il loro passato burrascoso, ma l'apparizione dell'ex moglie di Hap, Trudy, distoglie i due dai loro discorsi, perché lei propone il recupero di un bottino di una rapina. E da questa nuova situazione Hap, che accetta l'incarico, trascina l'amico Leonard in una spirale di violenta tensione che metterà a dura prova i due. Il luogo è quello dell'America provinciale che sembra partecipare attivamente alle trasformazioni graduali verso forme naturali degli eventi. Una buona dose d'ironia pervade il racconto e contribuisce non poco alla caratterizzazione delle storie e dei personaggi crudi e non temperati da toni di pietà.

    ha scritto il 

  • 3

    3.5

    E' il primo libro dell'autore che leggo e mi ha fatto una buona impressione.
    Se devo essere sincera, non è proprio il mio genere.
    L'inizio è stato un po' lento e la parte degna di nota, secondo me, è ...continua

    E' il primo libro dell'autore che leggo e mi ha fatto una buona impressione.
    Se devo essere sincera, non è proprio il mio genere.
    L'inizio è stato un po' lento e la parte degna di nota, secondo me, è concentrata nella seconda metà del libro con l'apice verso la fine.
    La narrazione scorre fluida, lo stile di scrittura si presenta molto diretto e piuttosto crudo in alcuni punti. I dialoghi sono semplici, arguti e spiritosi, e la volgarità che li contraddistingue non è mai fastidiosa, si adatta bene al contesto e ai personaggi.
    I protagonisti, Hap e Leonard sono estremamente diversi ma ognuno, a modo suo, riesce ad imporsi e a dominare la scena.
    Personalmente ho trovato Leonard, nero e gay, davvero spassoso!
    Anche se la storia non è niente di particolare, il ritmo della prosa di Lansdale cattura.
    Ho trovato la descrizione di alcune scene, ad esempio l'immersione nelle gelide acque del fiume per recuperare la macchina, talmente ben fatte da coinvolgerti completamente. Infatti, nonostante fossi stesa sul mio letto, sotto la coperta, riuscivo a sentire il freddo gelido penetrarmi nelle ossa e la testa perdere peso. Per un attimo ho pensato di aver abbandonato la mia postazione!
    Che dire, leggerò sicuramente altro dell'autore perché sono super curiosa di vedere come si evolveranno i personaggi e il loro modo di approcciarsi alla vita.

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    5

    Godibilissimo

    Come può attirare l'attenzione una storia totalmente non originale come questa? (ex detective allo sbando che vengono spinti a compiere un delitto dalla bella donna di turno, ovviamente l'ex di uno de ...continua

    Come può attirare l'attenzione una storia totalmente non originale come questa? (ex detective allo sbando che vengono spinti a compiere un delitto dalla bella donna di turno, ovviamente l'ex di uno dei due).
    Innanzitutto i personaggi, Hap e Leonard. Meravigliosi, una coppia che si completa l'un l'altro, uno bianco e sfortunato, l'altro nero, impavido e gay. Reduci di guerre differenti, una vita dedicata poi al lavoro e alla bella vita. La donna, Trudy, ex moglie di Hap che si rifà viva dopo tempo e li ingabbia in un "furto" a fin di bene e arricchimento personale. L'ovvio "inghippo" della storia, perchè come noir che si rispetti, qualcosa di storto deve andare (tradimenti e colpi di scena fra i protagonisti del furto). L'immancabile villain, Soldier, il tipico "cattivo" dei fumetti, corrotto fino all'osso nell'animo, duro e spietato. Il finale aperto che lascia adito a un susseguirsi plurimo di altre storie che continuano proprio da qui.

    Come vedete, NULLA di originale, ma niente da fare. Lansdale tiene INCOLLATI al romanzo, una scrittura talmente essenziale da risultare aulica (ammetto di essere un fanboy del Drive-in....), dialoghi strepitosi, umorismo che trasuda in ogni "scatto" , perchè spesso si ha l'impressione di vivere un fotoromanzo, capitolo dopo capitolo....

    Mi sono affacciato solo ora alla saga di Hap e Leonard in quanto voglio godermeli tutti in fila, e penso che farò proprio cosi incominciando proprio in questo momento Mucho Mojo. Voglio sapere la degenza dei due "sopravvissuti" e come hanno utilizzato la parte restante dei soldi non "donata alle balene" come voleva Trudy (cit.).

    I due momenti clou, a parer mio:
    - la prima immersione nel Sabine per cercare la barca (ilarità ai massimi livelli)
    - Soldier quando inchioda una mano di Trudy (momento di tensione massima)

    In una parola, Must.

    ha scritto il 

  • 4

    La prima avventura di Hap e Leonard

    Un bel romanzo noir che introduce i personaggi di Hap Collins e Leonard Pine, pieno di azione, ritmo, riflessioni disincantate sugli anni '60 e personaggi non banali. Anche Trudy è molto di più che la ...continua

    Un bel romanzo noir che introduce i personaggi di Hap Collins e Leonard Pine, pieno di azione, ritmo, riflessioni disincantate sugli anni '60 e personaggi non banali. Anche Trudy è molto di più che la tipica "femme fatale" super-sexy come può sembrare inizialmente (non che ci sia qualcosa di sbagliato nelle femme fatale sexy, sono personaggi stupendi), è una persona idealista e che dimostra vero coraggio

    ha scritto il 

  • 4

    Sono stato rapito ( piacevolmente ) da Hap & Leonard

    Dopo aver letto di Lansdale la trilogia del "Driven-In" e "La Foresta" potevo farmi mancare la conoscenza di questa strana coppia di individui "cerca guai" di Hap & Leonard?
    Si potevo ma mi sarei pers ...continua

    Dopo aver letto di Lansdale la trilogia del "Driven-In" e "La Foresta" potevo farmi mancare la conoscenza di questa strana coppia di individui "cerca guai" di Hap & Leonard?
    Si potevo ma mi sarei perso tanto.
    Perche questi due specie di detective mattacchioni mi hanno tenuto in piacevole compagnia nella lettura e coinvolto nella loro spirale di avventure, tutto merito di Lansdale che mette su una storia scorrevole, coinvolgente, con buoni colpi di scena, a tratti divertente e sopratutto mai banale.
    Quindi ci sono buoni motivi per proseguire la lettura della serie di Hap & Leonard con la consapevolezza che il buon vecchio Lansdale non mi deluderà.

    ha scritto il 

  • 3

    Mi sono lasciata trascinare da Ammaniti, che consiglierebbe ad un analfabeta di imparare a leggere solo per poter conoscere Lansdale. Ed in effetti non è male. Mi ha intrippato a sufficienza per prose ...continua

    Mi sono lasciata trascinare da Ammaniti, che consiglierebbe ad un analfabeta di imparare a leggere solo per poter conoscere Lansdale. Ed in effetti non è male. Mi ha intrippato a sufficienza per proseguire con la saga di Hap & Leonard.

    ha scritto il 

  • 4

    L’esordio di Hap e Leonard festeggia il quarto di secolo da quando un non ancora quarantenne Lansdale mandava in libreria questa brillante avventura in cui – come spesso gli succede – risultano assai ...continua

    L’esordio di Hap e Leonard festeggia il quarto di secolo da quando un non ancora quarantenne Lansdale mandava in libreria questa brillante avventura in cui – come spesso gli succede – risultano assai più importanti l’ambientazione e i personaggi rispetto allo svolgimento della storia. Il che ha come inevitabile conseguenza che anche questo libro sia un noir assai più nella forma che nella sostanza, così che il lettore non particolarmente legato al genere è facile che apprezzi maggiormente rispetto al tifoso più o meno incallito: a quest’ultimo potrebbero non piacere i cali di ritmo dovuti alle deviazioni paesaggistiche, storiche o sociali (davvero eccessiva risulta solo la parentesi relativa ai Weathermen) e l’umorismo nero che arriva a sfiorare la caricatura - ma Soldier è un iper-cattivo da fumetti davvero azzeccato. I due protagonisti sono due reduci che si arrabattano per vivere: il primo, bianco, dalla controcultura degli anni Sessanta (con più di un tratto autobiografico intriso di disillusione, verrebbe da dire), il secondo, nero e omosessuale, dal Vietnam. Quando la fascinosa moglie del primo arriva – con un’entrata in scena da Daisy Duke di ‘Hazzard’ - a proporre dei soldi facili (o quasi), la tentazione è troppo forte e i due vanno a invischiarsi con un gruppo di pseudo-rivoluzionari per i quali recuperano un’auto e relativo malloppo dalle fangose acque del Sabine nel bel mezzo di un gelido inverno. La compagnia mal assortita e la tentazione forte sono le scintille da cui scaturiscono i tradimenti che si susseguono fino al sanguinolento finale dal quale i due protagonisti escono vivi per il rotto della cuffia. Il tutto è ambientato in un Texas cupo e assai poco attraente come le figure senza arte né parte (quando va bene) che lo abitano, così da creare una sensazione vaga eppure palpabile che sta tra l’oppressione e l’ineluttabilità, sensazione oltretutto accentuata da un’ambientazione invernale che regala pioggia, fango e freddo a volontà. Come spesso gli accade, lo sguardo fondamentalmente pessimista dell’autore che accomuna luoghi e personaggi contrasta con – ma allo stesso tempo viene riequilibrato da - quel tono in apparenza scanzonato che strappa numerose risate grazie a mirabolanti battute (spesso non il massimo in quanto a finezza) e alle situazioni esasperate, come accade nel racconto dei tuffi in un fiume gelido in cui non ci si vede nulla: la ricetta che unisce i due ingredienti darà risultati migliori negli anni seguenti, ma anche fra queste pagine regala un romanzo (non solo) di genere di notevole godibilità.

    ha scritto il 

  • 2

    Un'americanata. Di quelle con i due protagonisti alla Miami Vice, per intenderci, con l'aggiunta della ex strafiga che arriva e provoca un bel casino.
    Carino e perfetto per le calde e afose giornate e ...continua

    Un'americanata. Di quelle con i due protagonisti alla Miami Vice, per intenderci, con l'aggiunta della ex strafiga che arriva e provoca un bel casino.
    Carino e perfetto per le calde e afose giornate estive, quelle in cui vuoi spegnere il cervello per rilassarti e basta.

    ha scritto il 

Ordina per