Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Una stagione selvaggia

Di

Editore: Einaudi

3.8
(2278)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 208 | Formato: eBook | In altre lingue: (altre lingue) Inglese

Isbn-10: 8858402405 | Isbn-13: 9788858402405 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Costanza Prinetti

Disponibile anche come: Paperback

Genere: Crime , Fiction & Literature , Mystery & Thrillers

Ti piace Una stagione selvaggia?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Hap ha rinunciato da tempo a salvare il mondo: la sua unica preoccupazione è vivere tranquillo, tra chiacchiere oziose e interminabili bevute con l'inseparabile Leonard. Ma il grande sogno degli anni Sessanta gli è rimasto incollato addosso perché non ha mai dimenticato Trudy, la bionda con cui aveva giocato a fare la rivoluzione. Quando Trudy ricompare nella sua vita, chiedendogli di recuperare il bottino di una rapina in banca, accetta l'incarico finendo però a capofitto in una spirale di violenza alla quale potrà sottrarsi soltanto con l'aiuto di Leonard. Quei soldi fanno gola a molti, e c'è chi è disposto a tutto pur di non dover dividere il malloppo... Lansdale accompagna il lettore tra paludi melmose e palazzi fatiscenti, ormai accerchiati dalla nuova America dei centri commerciali e degli immensi parcheggi di cemento. E già dispensa a piene mani quel misto di umorismo sardonico e sottile nostalgia, di idealismo e disillusione che ha fatto di Hap Collins e Leonard Pine una coppia di detective tra le piú affascinanti e amate degli ultimi anni.
Ordina per
  • 3

    Il mio primo libro di questo autore, mi sono avvicinata un pò scettica per tutta la serie di commenti che avevo sentito/letto sui suoi libri ma... è stata una lettura divertente, un piacevole passatempo che si è lasciato leggere in un soffio. Sicuramente lo leggerò ancora, magari seguendo la cron ...continua

    Il mio primo libro di questo autore, mi sono avvicinata un pò scettica per tutta la serie di commenti che avevo sentito/letto sui suoi libri ma... è stata una lettura divertente, un piacevole passatempo che si è lasciato leggere in un soffio. Sicuramente lo leggerò ancora, magari seguendo la cronologia delle storie che un suo appassionato lettore anobiano mi ha gentilmente fatto avere.

    ha scritto il 

  • 0

    Incipit

    Quel pomeriggio in cui tutto cominciò ero nel grande campo dietro casa con il mio buon amico Leonard Pine. Io avevo in mano il calibro dodici e lui lanciava in aria i piattelli.....

    http://www.incipitmania.com/incipit-per-titolo/s/una-stagione-selvaggia-joe-r-lansdale/

    ha scritto il 

  • 4

    Ottimo libro con personaggi splendidi (Hap E Leonard). Parlare di Lansdale non è semplice visto che lo conoscono tutti quindi ci si limita all'ovvio: scrittura pungente e sarcastica, situazioni da cinema pulp, tutto funziona alla perfezione. Mi chiedo solo come mai non ne abbiano ancora tratto un ...continua

    Ottimo libro con personaggi splendidi (Hap E Leonard). Parlare di Lansdale non è semplice visto che lo conoscono tutti quindi ci si limita all'ovvio: scrittura pungente e sarcastica, situazioni da cinema pulp, tutto funziona alla perfezione. Mi chiedo solo come mai non ne abbiano ancora tratto un film

    ha scritto il 

  • 2

    La mia ragazza mi ha dato un calcio in culo e io, da vero gentiluomo, ho ricambiato, e allora lei ha chiamato la polizia. Per fortuna che la mia pianta di pomodoro sa come comportarsi in queste situazioni, ha avuto brutte esperienze lei, in passato l'hanno scambiata per un'altra e gliene hanno fa ...continua

    La mia ragazza mi ha dato un calcio in culo e io, da vero gentiluomo, ho ricambiato, e allora lei ha chiamato la polizia. Per fortuna che la mia pianta di pomodoro sa come comportarsi in queste situazioni, ha avuto brutte esperienze lei, in passato l'hanno scambiata per un'altra e gliene hanno fatte passare di tutti i colori. Ma l'esperienza è servita, ha convinto gli agenti che non era niente, solo un malinteso, e quelli se ne sono andati. Si merita proprio un bel regalo, ma che le faccio? Non lo so, poi ultimamente è malinconica, passa intere giornate a fissare il vuoto, forse potrei regalarle qualcosa per riempire quel vuoto. Il problema è che sto ancora rotto qualsiasi cosa prendo la prenderei rotta, ma va bene, è il pensiero che conta. Le regalo un cubo, chi se ne frega se ne rimedio uno troncato. Cerco su Amazon, vediamo che c'è.

    ha scritto il 

  • 4

    Finalmente. Storia veloce, buoni e cattivi mischiati bene, dialoghi credibili, pistole, sangue e persino una bella ragazza che fa girare la testa più o meno a tutti, tranne che a Leonard, ovviamente. Scrittura che ricorda il miglior Bukowski, personaggi che sembrano venir fuori dalle pagine di St ...continua

    Finalmente. Storia veloce, buoni e cattivi mischiati bene, dialoghi credibili, pistole, sangue e persino una bella ragazza che fa girare la testa più o meno a tutti, tranne che a Leonard, ovviamente. Scrittura che ricorda il miglior Bukowski, personaggi che sembrano venir fuori dalle pagine di Steinbeck e, non è un insulto, ambientazione degna di Chuck Norris nei panni di Walker (sarà il Texas?). Sullo sfondo, tutto il resto: l’America dei bianchi e dei neri; dei rivoluzionari da salotto e di quelli che ci perdono, letteralmente, la faccia; dei disperati a caccia di soldi. E a me piacciono i libri che raccontano l’altra parte del sogno americano. Ho letto il primo della serie, non vedo l’ora di andare avanti.

    ha scritto il 

  • 4

    Il primo romanzo della saga di Hap e Leonard; i due protagonisti non sono qui al meglio delle loro potenzialità, sicuramente molto al di sotto rispetto a quanto offrono nei romanzi successivi.
    Qui sono ancora troppo 'buoni e mansueti' per i miei gusti..
    Lansdale va in crescendo quindi ...continua

    Il primo romanzo della saga di Hap e Leonard; i due protagonisti non sono qui al meglio delle loro potenzialità, sicuramente molto al di sotto rispetto a quanto offrono nei romanzi successivi.
    Qui sono ancora troppo 'buoni e mansueti' per i miei gusti..
    Lansdale va in crescendo quindi non fermatevi al primo.

    ha scritto il 

Ordina per