Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Una stagione selvaggia

Di

Editore: Einaudi

3.8
(2324)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 208 | Formato: eBook | In altre lingue: (altre lingue) Inglese

Isbn-10: 8858402405 | Isbn-13: 9788858402405 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Costanza Prinetti

Disponibile anche come: Paperback

Genere: Crime , Fiction & Literature , Mystery & Thrillers

Ti piace Una stagione selvaggia?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Hap ha rinunciato da tempo a salvare il mondo: la sua unica preoccupazione è vivere tranquillo, tra chiacchiere oziose e interminabili bevute con l'inseparabile Leonard. Ma il grande sogno degli anni Sessanta gli è rimasto incollato addosso perché non ha mai dimenticato Trudy, la bionda con cui aveva giocato a fare la rivoluzione. Quando Trudy ricompare nella sua vita, chiedendogli di recuperare il bottino di una rapina in banca, accetta l'incarico finendo però a capofitto in una spirale di violenza alla quale potrà sottrarsi soltanto con l'aiuto di Leonard. Quei soldi fanno gola a molti, e c'è chi è disposto a tutto pur di non dover dividere il malloppo... Lansdale accompagna il lettore tra paludi melmose e palazzi fatiscenti, ormai accerchiati dalla nuova America dei centri commerciali e degli immensi parcheggi di cemento. E già dispensa a piene mani quel misto di umorismo sardonico e sottile nostalgia, di idealismo e disillusione che ha fatto di Hap Collins e Leonard Pine una coppia di detective tra le piú affascinanti e amate degli ultimi anni.
Ordina per
  • 4

    Quel pomeriggio in cui tutto cominciò ero nel grande campo dietro casa con il mio buon amico Leonard Pine. Io avevo in mano il calibro dodici e lui lanciava in aria i piattelli.- Lancia, - dissi. Leon ...continua

    Quel pomeriggio in cui tutto cominciò ero nel grande campo dietro casa con il mio buon amico Leonard Pine. Io avevo in mano il calibro dodici e lui lanciava in aria i piattelli.- Lancia, - dissi. Leonard lanciò, un altro piattello partì verso il cielo, io scattai con il fucile e lo centrai in pieno.- Ragazzi, - disse Leonard, - non ti capita mai di mancarne uno?- Solo se lo faccio apposta.Era un bel po' che preferivo tirare al piattello invece che sparare agli uccelli in carne e ossa. Uccidere non mi piaceva più, ma sparare mi divertiva ancora. Prendere la mira, premere il grilletto, sentire il rinculo e vedere il bersaglio esplodere in mille pezzi dava una soddisfazione speciale.
    - Vai ad aprire un'altra scatola, - disse Leonard. - I piccioni sono tutti morti.- Lancio io, spara tu per un po'.- Ho sparato il doppio di te e ho mancato metà di quelle caccolette.- Non importa. E comunque i miei occhi si stanno stancando.- Stronzate.Leonard si avvicinò, si pulì le manone nere sui calzoni kaki, si avvicinò e prese il calibro dodici. Stava per caricare il fucile e io stavo per caricare il lancia piattelli quando Trudy girò l'angolo della casa.

    Hap Collins e Leonard Pine sono nati con questo libro, primo di una serie di noir ambientati in Texas con protagonisti questa coppia incredibile di detective.
    La stagione selvaggia rappresenta il loro battesimo, dunque, in molti sensi: li troviamo così, nell'incipit della storia, a sparare cartucce contro bersagli.
    Leonard reduce dalla guerra in Vietnam, nero, repubblicano e gay (nessuno è perfetto).
    Hap, reduce da un passato dentro i movimenti degli anni sessanta, la galera per aver rifiutato la chiamata per la leva e un matrimonio. Tanti sogni finiti non troppo bene. Come il matrimonio con Trudy, la ex moglie.
    È lei che, quel freddo giorno di inverno texano, sbuca da dietro l'angolo proponendo a Hap un affare.
    “Mi mise la mano sulla spalla. - Hap, amore mio, che ne diresti di fare duecentomila dollari facili facili? Esentasse”.

    Nella vita non ci sono duecentomila dollari facili, per uno come Hap: la vera storia di quei soldi parte da Howard, l'attuale compagno di Trudy, che in cella ha avuto la soffiata dei soldi di una rapina in banca. Finiti in fondo al Sabine, un fiume di quelle parti, un fiume che Hap conosce bene.
    Trudy convince Hap (che in effetti non è uno che resiste molto al fascino delle donne) che tira dentro l'affare anche l'amico Leonard.
    Che, avendo diciamo un diverso orientamento sessuale, riesce a vedere la cosa da un punto di vista più distaccato. E anche a giudicare Trudy e i suoi veri obiettivi in modo razionale
    “Dal mio punto di vista è solo una puttana con la lingua lunga, e tu un coglione di prima categoria che sa distinguere un'erezione e il vero, dolce amore. Buonanotte.La cosa che preferisco di Leonard è la sua sensibilità. ”

    Hap e Leonard vengono presentati così al resto della band, tutti reduci in varie maniere degli anni sessanta. La stagione selvaggia … Ci sono i sognatori di un mondo migliore, reduci di gruppi che hanno fatto militanza armata contro il sistema, figli di papà.
    Ma anche la ricerca dei soldi, in un affluente del Sabine, in un posto ben particolare noto a Hap, si rivelerà una “stagione selvaggia”.

    Primo perché ci sono da raccogliere quei soldi dal fondo fangoso e freddo delle acque:
    - Non ti lascerò stare là sotto a lungo, con o senza bombole d'ossigeno. Se non torni su in fretta, verrò laggiù a salvarti il culo.- So che è la tua parte preferita, Leonard, ma porta a galla anche il resto insieme a quello.- D'accordo.

    E poi perché i tranelli e i doppi giochi sono sempre in agguato.
    Per salvare la pellaccia, i nostri due investigatori (che ancora non sanno di esserlo) dovranno lottare contro altri cattivi cui quei soldi fanno gola.

    Il finale, amaro ma salutare come una medicina che cura i malanni, Hap si ritrova da solo a riflettere sui suoi passati ideali, sul suo presente e un po' anche sul futuro:
    “Io invece non avevo nemmeno più una stazione da raggiungere nella vita. Era come aveva detto lei, vivevo alla giornata e pensavo che andasse bene così.Ma ancora una volta lei mi aveva mostrato un po' di cuore e di anima e mi resi conto del perché finivo sempre con il seguirla.Al di là di tutto, lei era convinta che le cose potevano migliorare. Che la vita non era solo un gioco. Anch'io le avevo creduto, una volta, e avevo perso, ed ecco perché, mio malgrado, mi era sempre piaciuta averla intorno, non importa come mi sentivo dopo.Mi faceva pensare che gli esseri umani potessero cambiare davvero le cose. Alla fine il suo modo di farlo non era migliore di quello contro cui combatteva, ma c'era dell'idealismo.Con tutto quello che sapevo adesso, non avrei mai più potuto sentirmi come allora. Ero troppo esperto e pratico per tornare a guardare la vita attraverso un paio di occhiali rosa, o per pensare che uno potesse risolvere i problemi del mondo a tavolino.Ma perdere il mio idealismo, smettere di credere nella capacità degli esseri umani di andare oltre i loro istinti primitivi, significava diventare vecchi, amareggiati e inutili per gli altri, perfino per me stesso.L'idealismo era un po' come vedere Venere nel cielo del giorno. Una volta ero in grado di vederla. Ma con il passare del tempo mi serviva meno e volevo scrollarmene di dosso la responsabilità, e avevo perso la capacità di vederla, di crederci”.

    ha scritto il 

  • 3

    Divertente, niente di più.

    Un autore di cui mi si è sempre detto un gran bene. Ero curioso e ho approfittato del mio nuovo Kobo per testarlo con una lettura veloce. Il libro è divertente e si legge con piacere ma onestamente no ...continua

    Un autore di cui mi si è sempre detto un gran bene. Ero curioso e ho approfittato del mio nuovo Kobo per testarlo con una lettura veloce. Il libro è divertente e si legge con piacere ma onestamente non è un capolavoro e non ha la pretesa di esserlo. Buono per l'estate, una lettura di svago.

    ha scritto il 

  • 3

    Caratteri a confronto

    Una trama esile vivacizzata dal carattere dei personaggi, che — grazie all'alone di indolenza dei protagonisti — parte in sordina e sfocia in un tripudio di (gustosa) violenza; dialoghi semplici ma ca ...continua

    Una trama esile vivacizzata dal carattere dei personaggi, che — grazie all'alone di indolenza dei protagonisti — parte in sordina e sfocia in un tripudio di (gustosa) violenza; dialoghi semplici ma carichi di ironia.

    ha scritto il 

  • 1

    Sopravvalutatissimo

    Mi sono accostato a questo libro convinto che mi sarebbe piaciuto.
    Ma di fronte ad una scrittura scontatissima e ad una storia che cerca disperatamente di non esserlo mi sono rassegnato a costringermi ...continua

    Mi sono accostato a questo libro convinto che mi sarebbe piaciuto.
    Ma di fronte ad una scrittura scontatissima e ad una storia che cerca disperatamente di non esserlo mi sono rassegnato a costringermi a finirlo.

    Cosa unisce negli anni della depressione un bianco fallito ed un discriminatissimo nero omosessuale?
    Una machissima veracità che li porta ad affrontare un'avventura tirata per i capelli alla ricerca di un tesoro prospettato da una ninfomane ex del bianco protagonista.

    Per gli amanti del genere "caccia al tesoro" di bocca buona.

    ha scritto il 

  • 3

    Il mio primo libro di questo autore, mi sono avvicinata un pò scettica per tutta la serie di commenti che avevo sentito/letto sui suoi libri ma... è stata una lettura divertente, un piacevole passatem ...continua

    Il mio primo libro di questo autore, mi sono avvicinata un pò scettica per tutta la serie di commenti che avevo sentito/letto sui suoi libri ma... è stata una lettura divertente, un piacevole passatempo che si è lasciato leggere in un soffio. Sicuramente lo leggerò ancora, magari seguendo la cronologia delle storie che un suo appassionato lettore anobiano mi ha gentilmente fatto avere.

    ha scritto il 

  • 0

    Incipit

    Quel pomeriggio in cui tutto cominciò ero nel grande campo dietro casa con il mio buon amico Leonard Pine. Io avevo in mano il calibro dodici e lui lanciava in aria i piattelli.....

    http://www.incipit ...continua

    Quel pomeriggio in cui tutto cominciò ero nel grande campo dietro casa con il mio buon amico Leonard Pine. Io avevo in mano il calibro dodici e lui lanciava in aria i piattelli.....

    http://www.incipitmania.com/incipit-per-titolo/s/una-stagione-selvaggia-joe-r-lansdale/

    ha scritto il 

  • 4

    Ottimo libro con personaggi splendidi (Hap E Leonard). Parlare di Lansdale non è semplice visto che lo conoscono tutti quindi ci si limita all'ovvio: scrittura pungente e sarcastica, situazioni da cin ...continua

    Ottimo libro con personaggi splendidi (Hap E Leonard). Parlare di Lansdale non è semplice visto che lo conoscono tutti quindi ci si limita all'ovvio: scrittura pungente e sarcastica, situazioni da cinema pulp, tutto funziona alla perfezione. Mi chiedo solo come mai non ne abbiano ancora tratto un film

    ha scritto il 

Ordina per