Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Una vita

By Italo Svevo

(45)

| Mass Market Paperback | 9788854101500

Like Una vita ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

77 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Tragedia della mediocrità

    Alfonso Nitti si sente profondamente inadeguato alla vita ("L'inetto", non per niente, era il titolo scelto in origine da Svevo per questo suo primo romanzo). Avverte un'incolmabile estraneità al tipo di relazioni umane che vede intrecciarsi ad ogni ...(continue)

    Alfonso Nitti si sente profondamente inadeguato alla vita ("L'inetto", non per niente, era il titolo scelto in origine da Svevo per questo suo primo romanzo). Avverte un'incolmabile estraneità al tipo di relazioni umane che vede intrecciarsi ad ogni livello della società, dal luogo di lavoro, alla famiglia, fino addirittura alle relazioni sentimentali. A differenza degli eroi sveviani successivi (Emilio Brentani di "Senilità" e soprattutto Zeno Cosini della "Coscienza di Zeno"), Nitti non riesce a farsi una ragione di questa insanabile frattura tra le sue aspirazioni e il mondo ipocrita che lo circonda e trova solamente nella morte la tragica soluzione di questo contrasto. Ho apprezzato moltissimo la descrizione dell'ambiente di lavoro, l'ufficio corrispondenza per cui lavora Alfonso: purtroppo, a oltre un secolo di distanza, devo constatare che nulla è cambiato e che piaggeria , servilismo verso i superiori, invidia e vendicatività verso i colleghi regnano ancora sovrani negli uffici.

    Is this helpful?

    IlRosso said on Jun 14, 2014 | 1 feedback

  • 1 person finds this helpful

    La seconda parte del libro è meravigliosa. La prima molto introspettiva, e a volte stancante. Finale indimenticabile.
    Una rilettura di un libro scolastico che mi ha positivamente sorpreso.

    Is this helpful?

    Stefano Passiglia said on Feb 14, 2014 | Add your feedback

  • 2 people find this helpful

    Unico dei tre romanzi di Svevo ad essere imperfetto, colpa soprattutto di diverse pagine in cui si dilunga e ripete dinamiche e concetti col risultato di renderlo a tratti poco scorrevole, rimane comunque una lettura importante, appagante e inquietan ...(continue)

    Unico dei tre romanzi di Svevo ad essere imperfetto, colpa soprattutto di diverse pagine in cui si dilunga e ripete dinamiche e concetti col risultato di renderlo a tratti poco scorrevole, rimane comunque una lettura importante, appagante e inquietante come spesso capita con la commedia (umana) che si trasforma in tragedia.

    Is this helpful?

    Bakshi said on Jan 26, 2014 | 1 feedback

  • 1 person finds this helpful

    Scrivendo aveva tutto quel coraggio che nella vita gli mancava e nei suoi studi fatti solo allo scopo di imparare non poteva aver perduto la sincerità. Gli elementi che costituiscono il successo letterario non conosceva e poco curava. Voleva lavorare ...(continue)

    Scrivendo aveva tutto quel coraggio che nella vita gli mancava e nei suoi studi fatti solo allo scopo di imparare non poteva aver perduto la sincerità. Gli elementi che costituiscono il successo letterario non conosceva e poco curava. Voleva lavorare, lavorare bene e il successo sarebbe venuto da sé. Lavorava bene ma lavorava poco. Ricorreva troppo di spesso col pensiero all'opera completa quando le frasi che ne aveva fatte si potevano contare sulle dita. Così, in sogno, vedeva aumentati i pregi di quest'opera che perché non ancora fatta non poteva essere stata danneggiata dalle resistenze della penna. Dopo qualche mese, vedendo che il risultato dei suoi sforzi era compreso tutto in quelle tre o quattro paginette di prefazione ove prometteva di fare e di provare ma ove nulla era fatto o provato, venne preso da un grande scoramento. Quelle pagine rappresentavano il lavoro di mesi perché altro in quel frattempo egli non aveva fatto. Non una sola volta aveva stancato il suo cervello con lo studio e quelle pagine erano il solo progresso che egli aveva fatto verso la sua meta. Era tanto poco che equivaleva ad una rinunzia tacita ad ogni ambizione (p. 104).

    Is this helpful?

    pink_rose_72 said on Dec 27, 2013 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Bellissimo solo il finale mentre il centro del libro si porta avanti molto stancamente. Cronaca della vita e delle paturnie mentali di Alfonso Nitti: il lavoro, la tresca con la figlia del capo, la madre...

    Is this helpful?

    Roberto Rho said on Dec 27, 2013 | Add your feedback

  • 2 people find this helpful

    La vita non è solo dei vincitori e dei vinti, ma anche di chi non sta da nessuna delle due parti, di chi, come Alfonso Nitti si sente a disagio sempre e comunque in tutti i contesti e non riesce mai a prendere una decisione sicura che lo soddisfi. Un ...(continue)

    La vita non è solo dei vincitori e dei vinti, ma anche di chi non sta da nessuna delle due parti, di chi, come Alfonso Nitti si sente a disagio sempre e comunque in tutti i contesti e non riesce mai a prendere una decisione sicura che lo soddisfi. Un inetto, appunto, come lo definiva Svevo. Fa tenerezza a volte vedere come Alfonso difficilmente si adatta alla vita di città, al lavoro noioso alla banca, ai rapporti e alle gelosie tra colleghi. Ma a volte dà sui nervi per il suo modo di rifugiarsi nel sogno e per la sua tendenza ad autocommiserarsi. Però è una lettura che mi è piaciuta solo a tratti e lo stile di Svevo a volte non scorre e si aggroviglia nei ragionamenti di Alfonso. Abbastanza pesante, non lo consiglierei a cuor leggero.

    Is this helpful?

    Sciarpina said on Nov 22, 2013 | Add your feedback

Book Details

Improve_data of this book

Groups with this in collection