Una vita violenta

I grandi romanzi italiani n. 6

Voto medio di 1766
| 156 contributi totali di cui 144 recensioni , 10 citazioni , 0 immagini , 2 note , 0 video
Ha scritto il 17/05/17
Pasolini e gli spazi estimi di Foucault
La lettura di questo romanzo mi ha riportato alla mente l’insegnamento di Foucault sugli spazi estimi, che sono lontani, periferici, e non facilitanti, rispetto agli spazi comuni, centrali, utili alla crescita. Quegli spazi che hanno la ...Continua
Ha scritto il 17/03/17
Pasolì, sei un mito!
Altro bellissimo romanzo di Pasolini che potrebbe essere il proseguimento de"I ragazzi di vita". E in effetti Tommasino, il protagonista, appartiene a uno di quelli, sempre con la stessa miseria, i modi e l'aria strafottente da romano "boccaccesco". ...Continua
Ha scritto il 07/03/17
Ingredienti: un “ragazzo di vita” nato ai bordi di periferia, una città poco eterna ma molto sporca ed affamata, un periodo storico ricco di lotte e cambiamenti, una lingua viva, grezza, diretta e tagliente. Consigliato: a chi trova diamanti ...Continua
  • 1 mi piace
Ha scritto il 21/02/17
Superata la fatica delle prime ottanta pagine, perché prima bisogna entrare nel linguaggio di Pasolini (impresa abbastanza ardua), ci si trova a vivere insieme ai disperati delle borgate di Roma. Una Roma degli anni ’50, completamente diversa ...Continua
  • 7 mi piace
  • 4 commenti
Ha scritto il 12/11/16
Straordinario l'uso del linguaggio, vividissima la rappresentazione delle borgate, commovente il ritratto di Tommaso, nelle sue passioni semplici, violente, quasi primitive, istintive e artefatte insieme; l'ho odiato e gli ho voluto bene, a ...Continua
  • 2 mi piace

Ha scritto il Jan 27, 2016, 16:35
Ma poi, come diventò notte, si sentì peggio, sempre di più:gli prese un intaso di sangue, tossì, tossì, senza più rifiatare, e addio Tommasino
Pag. 371
Ha scritto il Jan 14, 2013, 21:17
C'avevano fatto le lastre pe' vede s'eravamo malati... Capirai, se vedeva tutto trasparente: c'era morto pure er vermine solitario, da la fame!
Pag. 258
Ha scritto il Jan 06, 2013, 16:18
Da certe vecchie bicocche veniva giù verso la fermata una truppa di ragazzetti, andandosene chissà dove.Coi grugni sporchi sotto i ciuffi, si tenevano abbracciati, parlando tutti smaniosi, senza guardare in faccia nessuno. Alcuni parlavano, ...Continua
Pag. 211
Ha scritto il Jan 06, 2013, 16:17
"Da certe vecchie bicocche veniva giù verso la fermata una truppa di ragazzetti, andandosene chissà dove. Coi grugni sporchi sotto i ciuffi, si tenevano abbracciati, parlando tutti smaniosi, senza guardare in faccia nessuno. Alcuni parlavano, ...Continua
Pag. 211
Ha scritto il Jan 06, 2013, 16:17
"Beh, le cose non andarono proprio tanto tanto lisce come ormai pensava Tommaso: si sa, come sempre su questa terra, paro a mano e disparo ar culo. Ma poi, alla fine, tutto andò a gonfie vele."
Pag. 161

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

Ha scritto il Apr 21, 2016, 13:46
853.914 PAS 16740 Letteratura Italiana
Ha scritto il Apr 21, 2016, 13:43
853.914 PAS 4799 Letteratura Italiana

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi