Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Una voce dal lago

Di

Editore: Mondadori

3.7
(65)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 319 | Formato: Altri

Isbn-10: 8804547227 | Isbn-13: 9788804547228 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: E. Costantino

Genere: Fiction & Literature , Romance

Ti piace Una voce dal lago?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
In un pomeriggio di calma perfetta, sul lago viene ritrovato il corpo di unagiovane donna annegata e Mattie, che l'ha conosciuta all'hotel in cui lavora,non ha le parole per descrivere quello che sente. Proprio lei che, a sedicianni, le parole le colleziona, sognando di studiare a New York e diventare unascrittrice. Ma siamo nell'America del 1906. In un ambiente chiuso e razzista,le danno forza solo la sua insegnante, una poetessa anticonformista, e unavoce dal lago. Quella di Grace Brown che, poco prima di morire, le haconsegnato le sue disperate lettere piene di vita e d'amore perché le bruci.Ed è in quelle lettere che Mattie ritrova la sua voce, unita alla forza e alladeterminazione di vivere la propria vita.
Ordina per
  • 3

    3.5/5


    Due storie si dipanano nel romanzo: quella di Mattie, inventata, e quella di Grace Brown, tristemente reale.
    Mattie, diventata dopo la morte della madre il sostegno del resto della famiglia, ha il sogno di andare all’università e lasciare una cittadina che non comprende lei e le sue ...continua

    3.5/5

    Due storie si dipanano nel romanzo: quella di Mattie, inventata, e quella di Grace Brown, tristemente reale. Mattie, diventata dopo la morte della madre il sostegno del resto della famiglia, ha il sogno di andare all’università e lasciare una cittadina che non comprende lei e le sue aspirazioni. Lavorando in uno degli hotel del luogo incontrerà Grace che le lascerà un plico di lettere da distruggere; leggendole, e ripensando al proprio passato recente, Mattie darà nuova voce alla storia di Grace e alla propria. E’ un romanzo avvincente anche se alcuni (molti) elementi servono per sottolineare quanto poco invidiabile sarebbe la vita se Mattie restasse rinunciando all’università (l’immagine di Minnie con i gemelli, Royal che parla solo di granuturco etc…). --- This novel speaks about two stories: the former, the fake one, about Mattie and the latter, tragically true, about Grace Brown. Mattie, being the support of her family after her mother’s death, aims at the university, leaving behind a town that does not understand her and her wills. Working in one of the hotel she will meet Grace who will leave are a pack of letters to destroy; reading them, and recalling her recent past, Mattie will give a new voice both to Grace story and her own. It’s an engaging novel, however some (lots of) elements are only useful to underline how poor Mattie life should be if she gives up her studies (e.g. Minnie with the twins, Royal talking only about corn etc…).

    ha scritto il 

  • 3

    Sono indecisa su cosa pensare di questo libro sinceramente.
    Da una parte lo ritengo una piacevole lettura, scritta in modo lineare lo stile è pulito e fluido tipico delle opere di J Donnelly, dall'altra è forse un pò troppo rivolto ad un pubblico molto giovane per piacermi davvero.
    Come al solit ...continua

    Sono indecisa su cosa pensare di questo libro sinceramente. Da una parte lo ritengo una piacevole lettura, scritta in modo lineare lo stile è pulito e fluido tipico delle opere di J Donnelly, dall'altra è forse un pò troppo rivolto ad un pubblico molto giovane per piacermi davvero. Come al solito mi aspettavo qualcosina in più. L'argomento trattato è molto interessante, le lettere contenute in questo romanzo sono quelle originali di Grace Brown e da ogni parola si capisce la speranza e la fiducia di quest ultima verso il suo assassino, ma sia il suicidio/omicidio, sia la storia di Mattie sono descritte in modo molto semplice, e con un finale troppo aperto per i miei gusti. Non mi è piaciuta neanche la parte finale, in cui l'autrice spiega in poche righe la parte finale della vera storia di Grace Brown il cui omicidio ha fatto scalpore all'epoca. Peccato! Se fosse stato ampliato e impostato per un pubblico più adulto sarebbe stato davvero un gioiello!

    ha scritto il 

  • 5

    "Non sono pistole, Mattie. Sono libri: mille volte più pericolosi!"

    E anche se molti detti dei saggi
    Insegnano la sottomissione io non mi sottometto
    Ma con spirito mai appagato
    Lancio una sfida infinita alle stelle
    (Adelaide Crapsey)


    "Ti sbagli zia Josie" pensai, "Non è orgoglio quello che provo. E' un altro peccato."
    Il peccato peggiore di tutti,
    ...continua

    E anche se molti detti dei saggi Insegnano la sottomissione io non mi sottometto Ma con spirito mai appagato Lancio una sfida infinita alle stelle (Adelaide Crapsey)

    "Ti sbagli zia Josie" pensai, "Non è orgoglio quello che provo. E' un altro peccato." Il peccato peggiore di tutti, perché gli altri sono immediati, violenti e impetuosi. Ma questo è un peccato che ti entra dentro e ti divora piano piano. E' l'Ottavo Peccato Capitale. Quello di cui Dio si è dimenticato. La Speranza.

    E pensavo che Emily Dickinson era una donna incredibile. Volteggiava e si nascondeva graziosamente tra le sue parole come una farfalla in un giardino di fiori. Tranquillizzava i suoi lettori, facendo loro credere di descrivere un funerale, o un letto, o delle rose, o il cucito. Conquistava la loro fiducia. Poi ti arrivava da dietro e ti colpiva dritto sulla testa con una tavola di legno. (Jennifer Donnelly) Voto: 9+

    ha scritto il 

  • 5

    Per ragazze? Sì ma perfetto anche per adulte cresciute a pane e romanzi!

    Mi è piaciuto moltissimo anche perché l'ho vissuto intensamente.
    Ho fatto ricerche, ho guardato fotografie dei luoghi citati, ho cercato cibi e coltivazioni e tutti i libri citati.
    Insomma mi ci sono tuffata dentro...
    Tutto sul blog: ...continua

    ">http://www.lacasadialchemilla.com/2011/10/una-voce-dal-…

    Mi è piaciuto moltissimo anche perché l'ho vissuto intensamente. Ho fatto ricerche, ho guardato fotografie dei luoghi citati, ho cercato cibi e coltivazioni e tutti i libri citati. Insomma mi ci sono tuffata dentro... Tutto sul blog: http://www.lacasadialchemilla.com/2011/10/una-voce-dal-lago-jennifer-donnelly.html

    ha scritto il 

  • 5

    http://thebookspaper.blogspot.com/2012/02/una-voce-dal-lago-jennifer-donnelly.html


    L'omicidio di Grace Brown dal quale parte la storia è un fatto realmente accaduto, ciò per me ha reso questo libro ancora più coinvolgente, toccante ed emozionante. I fatti realmente accaduti vanno ad intrec ...continua

    http://thebookspaper.blogspot.com/2012/02/una-voce-dal-lago-jennifer-donnelly.html

    L'omicidio di Grace Brown dal quale parte la storia è un fatto realmente accaduto, ciò per me ha reso questo libro ancora più coinvolgente, toccante ed emozionante. I fatti realmente accaduti vanno ad intrecciarsi con la vicenda di fantasia. Grace, prima di essere ritrovata annegata, incarica Mattie, una ragazza che lavora nell' hotel dove Grace è ospite, di bruciare delle lettere. Per una serie di motivi Mattie non brucia le lettere e così si scopre la storia di Grace, che influirà sulla vita di Mattie. Ci sono bellissime descrizioni e ci si affeziona molto ai personaggi, mi è piaciuto tantissimo.

    ha scritto il 

  • 5

    Una storia da ricordare

    Uno di quei libri che ti emoziona e ti rapisce e ti parla anche quando lo hai chiuso. Una maniera di raccontare semplice e diretta eppure ricca e intelligente, delicata come poche penne sanno esserlo...

    ha scritto il 

  • 3

    L'ho letto sull'onda di consigli entusiastici. Subito mi è piaciuto tanto, ha toccato alcune corde scoperte in me. Poi ci ho riflettuto: forse piace più agli adulti che ai ragazzi. Sicuramente mentre lo leggevo avevo davanti scene de La casa nella prateria. Ha descrizioni stupende, ma Mattie semb ...continua

    L'ho letto sull'onda di consigli entusiastici. Subito mi è piaciuto tanto, ha toccato alcune corde scoperte in me. Poi ci ho riflettuto: forse piace più agli adulti che ai ragazzi. Sicuramente mentre lo leggevo avevo davanti scene de La casa nella prateria. Ha descrizioni stupende, ma Mattie sembra persino troppo in gamba per essere "sim-patica".

    ha scritto il 

Ordina per