Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Un'arancia a orologeria

By Anthony Burgess

(86)

| Mass Market Paperback

Like Un'arancia a orologeria ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

Il fortunato film di Stanley Kubrick è tratto da questo pirotecnico romanzo del prolifico scrittore inglese, che coltiva felicemente il gusto del paradossale e del grottesco.Con stupefacente abilità mimetica, Burgess fa parlare in puro slang un eroe Continue

Il fortunato film di Stanley Kubrick è tratto da questo pirotecnico romanzo del prolifico scrittore inglese, che coltiva felicemente il gusto del paradossale e del grottesco.Con stupefacente abilità mimetica, Burgess fa parlare in puro slang un eroe dei nostri tempi: Alex, iroso teppista sempre pronto a gicar di coltello, capo di una ganga di "duri" e di smargiassi con i quali ripete ogni sera, sui marciapiedi dei sobborghi, il gioco della violenza: rapine, scassi, stupri, assalti alle tabaccherie, scontri con altre bande; finché Alex, che di tutti si infischia tranne che di Ludwig van (Beethowen), viene tradito dai suoi amici durante una delle tante imprese.
Le terapie della rieducazione, NON MENO VIOLENTE, ridurranno Alex ad un' arancia meccanica, in balia delle sue antiche vittime, in una girandola di situazioni esilaranti.
Un' acre allegoria delle nevrosi da metropoli, insomma, che Burgess racconta con estro febbrile e divertito, senza risparmiare le trovate di un travolgente umorismo.

586 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    E chi se lo aspettava

    Mea culpa, non sapevo che il capolavoro di Kubrick fosse tratto da un libro e ho subito riparato il danno.
    Che dire, io l'ho trovato geniale, mai avevo letto un libro con un gergo tutto proprio.
    Alex non è altro che l'incarnazione del nostro incoscio ...(continue)

    Mea culpa, non sapevo che il capolavoro di Kubrick fosse tratto da un libro e ho subito riparato il danno.
    Che dire, io l'ho trovato geniale, mai avevo letto un libro con un gergo tutto proprio.
    Alex non è altro che l'incarnazione del nostro incoscio, una persona crudele e al tempo stesso indifesa.
    Arancia Meccanica vuole ricordare quanto sia importante la libertà di esprimersi. Vuole ricordare che la natura umana, seppur malvagia, non deve essere soppressa e plagiata, ma per il bene della comunità seguita e accompagnata.
    L'uomo mantiene la sua anima primitiva e talvolta cresce e si modella con il solo confrontarsi con la vita. Le torture che vengono rivolte ad Alex dimostrano che plagiare un individuo nel modo che la società ritiene più giusto, non trasforma il criminale in una persona innocua, ma in una che reprime il proprio instinto, e Alex, nel finale alternativo che non si trova nel film, cresce e acquisisce una morale individualmente pur mantenendo la personalità che lo contraddistingue.
    Questo per lo meno è il mio punto di vista.

    Is this helpful?

    Isabella Vala said on Jul 22, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    *** This comment contains spoilers! ***

    Strano caso, meglio il film che il libro!

    Lo lessi molti anni fa, perciò non ricordo in particolare in che edizione. Solo ricordo bene che il finale era diverso dal film, aveva un taglio "edificante", ovvero la terapia "Ludovico" aveva funzionato. Al termine del romanzo l'editore informava i ...(continue)

    Lo lessi molti anni fa, perciò non ricordo in particolare in che edizione. Solo ricordo bene che il finale era diverso dal film, aveva un taglio "edificante", ovvero la terapia "Ludovico" aveva funzionato. Al termine del romanzo l'editore informava i lettori che l'autore era stato obbligato a farlo per evitare la censura e che il finale vero era quello che si vedeva nella trasposizione cinematografica ad opera di Kubrick, dove il protagonista all'ultimo istante, a seguito di uno shock, riprende tutta la sua cattiveria stratificata a causa delle influenze negative del proprio ambiente sociale.
    Per il resto non è un libro bellissimo, forse originale tuttalpiù...

    Is this helpful?

    Mirkob1975 said on Jul 18, 2014 | 2 feedbacks

  • 1 person finds this helpful

    Allora che si fa, eh?
    O fratelli miei, locchiate questa storia del buon soma Alex e dei suoi fratellini. Tutta una storia cinebrivido di ultravilenza, vaevieni con qualche mammola e del buon sugo rosso che cola.
    O sì, fratelli miei: è tutto molto cin ...(continue)

    Allora che si fa, eh?
    O fratelli miei, locchiate questa storia del buon soma Alex e dei suoi fratellini. Tutta una storia cinebrivido di ultravilenza, vaevieni con qualche mammola e del buon sugo rosso che cola.
    O sì, fratelli miei: è tutto molto cinebrivido!

    Is this helpful?

    Myeo said on Jul 9, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    quell'ultimo capitolo...

    ... che non c'è nel film, è troppo buonista? nel film non se ne sente la mancanza. forse Burgess vuole dare un lieto, si fa per dire, fine al libro, che comunque, è unpo dei miei libri preferiti in assoluto. Ogni tanto, diciamo ogni 5/10 anni, me lo ...(continue)

    ... che non c'è nel film, è troppo buonista? nel film non se ne sente la mancanza. forse Burgess vuole dare un lieto, si fa per dire, fine al libro, che comunque, è unpo dei miei libri preferiti in assoluto. Ogni tanto, diciamo ogni 5/10 anni, me lo rileggo (ho comprato anche la versione originale Penguin, ma sto ancora all'introduzione), e lo trovo sempre bellissimo!
    Ieri pensavo se, a parte lo slang che mi ha sempre colpito, sarebbe stato un libro epocale, e se lo sarebbe stato anche senza il film: chissà?

    Is this helpful?

    Stefano Protomartire Leroy said on Jun 25, 2014 | 1 feedback

  • 1 person finds this helpful

    Libro complesso fa molto pensare sul concetto di libertà individuale e sui metodi di controllo che la società usa nei confronti di tutti per stabilire un ordine al suo interno. E', inoltre, una critica feroce nei confronti della società occidentale e ...(continue)

    Libro complesso fa molto pensare sul concetto di libertà individuale e sui metodi di controllo che la società usa nei confronti di tutti per stabilire un ordine al suo interno. E', inoltre, una critica feroce nei confronti della società occidentale ed il concetto di famiglia descritto da Burgess risulta essere un vuoto contenitore senz'anima, una fabbrica di risibile ipocrisia.

    Is this helpful?

    Daria49 said on Jun 8, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Chi non si farebbe una tazza di latte lattepiù al Korova?

    Non è un libro per tutti, questo sia chiaro, però è un libro che tutti dovrebbero leggere. Profetico! Basta sfogliare un qualsiasi giornale in un qualsiasi giorno per rendersene conto.

    Is this helpful?

    alex said on May 11, 2014 | Add your feedback

Book Details

Improve_data of this book