Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Under the Dome

By Stephen King

(159)

| Hardcover | 9781439148501

Like Under the Dome ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

On an entirely normal, beautiful fall day in Chester’s Mills, Maine, the town is inexplicably and suddenly sealed off from the rest of the world by an invisible force field. Planes crash into it and fall from the sky in flaming wreckage, a gardener’s Continue

On an entirely normal, beautiful fall day in Chester’s Mills, Maine, the town is inexplicably and suddenly sealed off from the rest of the world by an invisible force field. Planes crash into it and fall from the sky in flaming wreckage, a gardener’s hand is severed as “the dome” comes down on it, people running errands in the neighboring town are divided from their families, and cars explode on impact. No one can fathom what this barrier is, where it came from, and when—or if—it will go away.

Dale Barbara, Iraq vet and now a short-order cook, finds himself teamed with a few intrepid citizens—town newspaper owner Julia Shumway, a physician’s assistant at the hospital, a select-woman, and three brave kids. Against them stands Big Jim Rennie, a politician who will stop at nothing—even murder—to hold the reins of power, and his son, who is keeping a horrible secret in a dark pantry. But their main adversary is the Dome itself. Because time isn’t just short. It’s running out.

714 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Uno di quei libri da cui riesci a staccarti, a malincuore, solo quando sei arrivata all’ultima pagina. Perché il bello, come ho già detto fino troppo spesso dello “zio” Stephen, non è tanto “cosa” scrive, ma “come” lo scrive. Una trama fanta-surreal- ...(continue)

    Uno di quei libri da cui riesci a staccarti, a malincuore, solo quando sei arrivata all’ultima pagina. Perché il bello, come ho già detto fino troppo spesso dello “zio” Stephen, non è tanto “cosa” scrive, ma “come” lo scrive. Una trama fanta-surreal-scientifica che potrebbe far acqua da tutte le parti viene sviluppata talmente bene da diventare uno dei più bei “viaggi” che io abbia mai fatto con un romanzo del Re. Tantissimi personaggi, ognuno con la sua storia, ognuno perfettamente caratterizzato e delineato, atmosfere irreali ma talmente vivide da poterle quasi “sentire”, questo scrittore ha un dono straordinario, sa scrivere storie che si “toccano” e si vivono…poi se c’è qualche pecca, cosa importa? Era tanto che non mi appassionavo così nella lettura. Sono rimasta davvero soddisfatta.

    Is this helpful?

    Vale73 said on Oct 20, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Questo libro è composto di 1038 pagine. Ne sarebbero bastate 38.
    Imbarazzante.

    Is this helpful?

    Yoya said on Oct 15, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Una piccola cittadina viene improvvisamente isolata dal resto del mondo da quella che sembra essere una cupola trasparente fatta di materiali indistruttibili. Da questo spunto parte un romanzo che va a toccare moltissime delle vite coinvolte in quest ...(continue)

    Una piccola cittadina viene improvvisamente isolata dal resto del mondo da quella che sembra essere una cupola trasparente fatta di materiali indistruttibili. Da questo spunto parte un romanzo che va a toccare moltissime delle vite coinvolte in questo strano incidente. King riesce a trattare svariati temi grazie alla moltitudine di personaggi descritti. Il vero punto di forza del libro sono, comunque, gli antagonisti: cattivi fino al midollo, alcuni da biasimare, altri solo da condannare. Interessante il punto di vista dell'autore sulla capacità di resistere, su cosa un uomo arrivi a fare pur di sopravvivere. Si ritrova il King che preferisco: quello che si prende i suoi tempi, che ti fa fermare a pensare, quello che ti porta a credere che nessuno dei protagonisti potrà mai sopravvivere e continua a sorprenderti, regalandoti la speranza.

    Is this helpful?

    Gabrimu said on Oct 11, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    討厭史蒂芬金動不動就出現預告等下會有壞事的寫法
    看得很痛苦
    一直想闔起書來做別的事
    例如:
    日後,她會不斷思索,要是自己當時對XXX說出 好,我們走吧 的話,將可以拯救多少條人命

    YYY朝休息室走去, 忘了要先拿ZZZ的病歷表 這個疏忽將會讓他後悔莫及

    Is this helpful?

    Hera said on Oct 10, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Rien ne va plus

    Speravo in un King vecchia maniera, quello, per intenderci, di It e L’ombra dello Scorpione. Purtroppo, malgrado lo spunto narrativo pazzesco (basterebbe metà del talento di King per tirarne fuori qualcosa di buono) siamo ben lungi dai ...(continue)

    Speravo in un King vecchia maniera, quello, per intenderci, di It e L’ombra dello Scorpione. Purtroppo, malgrado lo spunto narrativo pazzesco (basterebbe metà del talento di King per tirarne fuori qualcosa di buono) siamo ben lungi dai fasti dei primi successi.
    A una scrittura poderosa come la sua si perdonano generosamente i trucchi da feuilleton e l’intrepido riciclo del canovaccio romanzesco più vecchio del mondo (ci troviamo in presenza di una lotta mortale tra diabolici cattivi e bravi, onesti, americani, difensori della patria, della libertà di stampa, e che fanno la raccolta differenziata).
    Cosa è andato storto? Innanzitutto la natura della cupola e la trovata finale per toglierla di mezzo. Essendo il perno centrale del romanzo, la questione andava risolta con un minimo più di credibilità.
    Secondo: King sembra avere la pretesa di fare del suo mattonazzo una grande metafora dei totalitarismi. Si lancia in un paragone assillante tra l’amministrazione comunale di Chester’s Mill e la Germania nazista, sottolineando a pagine alterne la somiglianza tra polizia locale e gioventù hitleriana. Insomma, si crede Camus che scrive La Peste, e ovviamente non è il caso.
    Infine, il ritmo è, non dico fiacco, ma lungi dal tenere col fiato sospeso. Distribuire un’azione di sole 5 giornate su oltre mille pagine è un’impresa al limite dell’impossibile, e infatti le interazioni tra i personaggi e la loro evoluzione risultano forzate e inverosimili.
    Il romanzo si legge comunque con piacere, ma manca la scintilla che dovrebbe tenerti attaccato alle pagine. Peccato.

    Is this helpful?

    Isabelle said on Oct 4, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Steven, amico mio, ti confesso una cosa: quando costruisci di questi romanzoni immensi, un po' mi cadi sul finale. Però ti perdono. Perché mi fai sognare, rabbrividire, ridere e piangere per tutto il resto del tempo, quindi cosa sarà mai una piccola ...(continue)

    Steven, amico mio, ti confesso una cosa: quando costruisci di questi romanzoni immensi, un po' mi cadi sul finale. Però ti perdono. Perché mi fai sognare, rabbrividire, ridere e piangere per tutto il resto del tempo, quindi cosa sarà mai una piccola caduta sulle ultime pagine? Ti perdono perché, più della trama, quello che adoro dei tuoi romanzi è la capacità che hai di scavare nell'animo umano, di delineare personaggi incredibilmente vivi, con tutti i loro pregi e difetti. E anche qui non ti sei smentito. Bravo, Steven, continua così!

    Is this helpful?

    lupurk said on Sep 30, 2014 | Add your feedback

Book Details

Improve_data of this book