Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Un'esperienza personale

By Kenzaburo Oe

(141)

| Paperback | 9788879728003

Like Un'esperienza personale ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

Tori-bird è chiamato così perché sembra sempre in fuga da tutto, da tutti e da ogni responsabilità, fino a quando il destino lo pone di fronte a un caso drammatico: un figlio nato con una grave malformazione cerebrale. Tori-bird, inizialmente incapac Continue

Tori-bird è chiamato così perché sembra sempre in fuga da tutto, da tutti e da ogni responsabilità, fino a quando il destino lo pone di fronte a un caso drammatico: un figlio nato con una grave malformazione cerebrale. Tori-bird, inizialmente incapace di reagire, si augura che il bambino muoia al più presto, ma via via comprende che questo altro non sarebbe che l'ennesimo modo per sfuggire alla realtà e si convince che di fatto ciò che lo trattiene sull'orlo del baratro è proprio il pensiero della lotta solitaria del suo bambino sfortunato. Dal contenuto autobiografico (l'autore ha un figlio gravemente handicappato), il romanzo è anche una metafora del Giappone del dopo guerra e un'analisi della condizione umana nel secolo di Hiroshima.

35 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Durissimo ma molto bello

    Un uomo dalla vita superficiale, incapace di assumersi delle responsabilità, si trova improvvisamente a dover fronteggiare una situazione difficile, la nascita di un figlio gravemente menomato. La prima reazione è la fuga, il rifiuto del bambino e ...(continue)

    Un uomo dalla vita superficiale, incapace di assumersi delle responsabilità, si trova improvvisamente a dover fronteggiare una situazione difficile, la nascita di un figlio gravemente menomato. La prima reazione è la fuga, il rifiuto del bambino e la speranza della sua morte, poi, a poco a poco, si fa strada la consapevolezza del suo perenne fuggire e prende coscienza di sé, attraverso un percorso quasi catartico.
    E’ tagliente come un bisturi la scrittura di Ōe, cruda, priva di qualsiasi indulgenza, piena di similitudini così duramente concrete da far provare disagio nel leggerle. Uno scrittore abilissimo nel descrivere i recessi più oscuri e meno nobili dell’animo umano.
    Capisco coloro che, pur riconoscendo la sua grandezza, hanno deciso di non leggere altri testi di questo autore. Io invece proseguirò, anche se mi sono resa conto che non è facile trovare le sue opere.

    Is this helpful?

    Lella59 said on Jul 11, 2014 | 2 feedbacks

  • 2 people find this helpful

    Non fa per me... a quanto pare l'unico esponente della letteratura giapponese che funziona per la mia testa è Murakami. O quasi.

    Is this helpful?

    Robi [Lux] ~ scambio ebook said on Jun 2, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    *** This comment contains spoilers! ***

    Disturbante. (TUTTE LE MIE RECENSIONI http://lemieletturecommentate.blogspot.it/)

    Questo è un racconto che probabilmente, se non lo avessi affrontato con il gruppo di lettura su Twitter, avrei abbandonato dopo i primi capitoli.
    Mi è piaciuto? No.
    Questo non significa che il libro non sia valido dal punto di vista letterario, sicur ...(continue)

    Questo è un racconto che probabilmente, se non lo avessi affrontato con il gruppo di lettura su Twitter, avrei abbandonato dopo i primi capitoli.
    Mi è piaciuto? No.
    Questo non significa che il libro non sia valido dal punto di vista letterario, sicuramente l’autore ha la grande capacità di trasmettere le emozioni e le apatie provate dal personaggio principale, la scrittura è fluida e con pochissimi punti morti.
    L’argomento non è dei più leggeri.
    L’arrivo di un figlio “anormale”mette in crisi un padre che forse non era preparato nemmeno a riceverne uno sano di figli, e che a dire il vero non si presentava adeguato nemmeno per una vita matrimoniale o lavorativa.
    Il protagonista è fondamentalmente un egoista immaturo che insegue il miraggio dell’Africa intesa come libertà dalla sua vita insoddisfacente e costrittiva.
    L’arrivo di un figlio con una malformazione cerebrale fa scendere agl’inferi il padre (Tori-bird) che si troverà a fare i conti con tutte le parti più disgustose della sua personalità.
    Tori-bird farà un’incursione nel marciume più nero che lo porterà poi ad una risalita alla superficie come uomo nuovo, più maturo e consapevole.
    A non piacermi non è stato certo il messaggio che alla fine si riceve dal libro, bensì il dovermi trovare faccia a faccia con le miserie del protagonista, che in certi passaggi mi hanno nauseata, indignata, offesa. Ho trovato orrendo il modo in cui la moglie viene lasciata fuori da qualsiasi decisione, tenuta all’oscuro perfino della malformazione del figlio; ho trovato orrende le perversioni sessuali di Tori-bird che oscillano tra il sadismo e il masochismo; ho trovato orribile la decisione iniziale del padre di far morire di consunzione il piccolo senza nemmeno tentare di operarlo.
    Ma ciò che mi ha disturbato non è solo relativo a Tori-bird.
    Ho trovato osceno il modo dei medici di approcciarsi al genitore definendo il bambino “la cosa”, così come non ho potuto soffrire l’indifferenza vera o apparente (insita forse nel modo di fare giapponese?) degli altri familiari o degli amici e colleghi del protagonista.
    E’ stata una lettura spiacevole, infarcita sapientemente di pensieri e atteggiamenti miserabili che fanno male, forse perchè troppo realistici.
    Un libro scritto in modo asciutto, crudo ma a tratti poetico.
    Un’argomento spinoso affrontato in modo non banale.
    Tuttavia, pur riconoscendo i giusti meriti all’autore, posso affermare serenamente che Kenzaburo non fa per me.

    Per le citazioni rimando direttamente alla pagina della Twittlettura.
    http://monicaspicciani.blogspot.it/2014/03/twittlettura…

    Is this helpful?

    Monica Spicciani (scambio cartacei-sottolineo a matita) said on Mar 26, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Asquea su crueldad, la ausencia de alma y humanidad en el personaje principal y ese desarraigado egoismo. Pero también deja cierta marca, pero sobre todo sobre todo, hace ver las cuestiones difíciles de la vida desde otro punto de vista.

    Is this helpful?

    Brigid said on Aug 16, 2013 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    premio nobel

    ho cominciato a leggerlo quando mia moglie era in attesa di mio figlio, il libro mi mise disagio e lo abbandonai, lo ho ripreso e , avendo superato il pericolo in cui incorre la moglie del protagonista, l'ho finito in poco tempo. niente a che vedere ...(continue)

    ho cominciato a leggerlo quando mia moglie era in attesa di mio figlio, il libro mi mise disagio e lo abbandonai, lo ho ripreso e , avendo superato il pericolo in cui incorre la moglie del protagonista, l'ho finito in poco tempo. niente a che vedere con altri autori nipponici che ho in biblioteca, trascurabile. anche se la storia è scorrevole. un nobel all'argomento più che allo scrittore.

    Is this helpful?

    Alex Bantam said on May 19, 2013 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    salvezza o morte …

    A volte Tori-bird si augura che il neonato muoia subito. Ma è davvero questo che vuole? Non è forse un altro modo per fuggire dalla realtà, come sempre? Del resto, se qualcosa lo trattiene sull’orlo del baratro, è proprio il pensiero di quell’infe ...(continue)

    A volte Tori-bird si augura che il neonato muoia subito. Ma è davvero questo che vuole? Non è forse un altro modo per fuggire dalla realtà, come sempre? Del resto, se qualcosa lo trattiene sull’orlo del baratro, è proprio il pensiero di quell’infelice, della sua lotta solitaria.
    Ormai lo stesso destino lega padre e figlio: o la salvezza o la morte.

    Il pavido Tori – simile ad un uccello spaventato - sta per avere il suo primo figlio. Certo che questo gli cambierà la vita, chiudendogli le poche porte che ancora si illudeva di avere, si aggira sperduto per la città mentre la moglie partorisce. Ma il mattino dopo una telefonata lo fa accorrere all’ospedale: venga subito, suo figlio non è normale.
    Un figlio malato – il medico che gli chiede con imbarazzo ed insensibilità: “Vuole vedere la cosa?” - un padre debole, un equilibrio fragile e delicato che si svolge in maniera inconsueta, coinvolgendo tristi e forti amanti e medici equivoci.
    Inaugura il filone autobiografico dell’autore, che non teme di raccontare la reazione ad un bambino diverso anche nei sentimenti più oscuri e per questo risulta tanto più umano.

    Infatti questo non è un libro che vuole essere commovente, facendo facilmente leva sui buoni sentimenti stereotipati, anzi è un libro che verte più sulla grettezza ed apparente inaffettività (ma direi più correttamente diversa affettività) e risulta assai fastidioso, perché ci mette di fronte a pensieri che non vorremmo avere, che ci vergogneremmo ad ammettere dove invece la vera forza sta nell’affrontarli, come infine farà Tori-Bird smettendo di scappare da passato e presente.

    Un romanzo difficile, pesante per temi e toni, introspettivo ed insieme prosaico, che descrive eventi tragici e in cui - stranamente – del bimbo e della madre praticamente mai si parla.

    Lo stile di questo premio nobel, molto giapponese, preciso e tagliente, a volte ammorbante, rende leggere un libro anche così “pesante” un’esperienza che vale sempre la pena.

    Consigliato: per capire e capirsi meglio, anche con questo modo così diverso e quasi perverso per affrontare la paternità.

    In eBook

    This opera by Mmorgana is licensed under a Creative Commons Attribuzione-Non commerciale-Non opere derivate 2.5 Italia License

    Is this helpful?

    Mmorgana (lettrice onnivora) said on Feb 26, 2013 | 2 feedbacks

Book Details

Improve_data of this book

Margin notes of this book