Uno, nessuno e centomila

Voto medio di 10742
| 872 contributi totali di cui 673 recensioni , 198 citazioni , 0 immagini , 1 nota , 0 video
Ha scritto il 14/09/17
Recensito sul blog "La Civetta"
http://lacivettablog.altervista.org/uno-nessuno-centomila-luigi-pirandello/
Ha scritto il 05/09/17
Interessante
Ho faticato ad andare avanti con la lettura in quanto i contenuti sono a tratti ripetivi. Nonostante questo ho trovato molto interessanti i concetti ed è un libro che consiglio di leggere a chi è armato di pazienza.
Ha scritto il 30/08/17
Questo breve romanzo attendeva sul mio scaffale da anni! Ne ho sempre rimandato la lettura perché è un libro impegnativo e non trovavo mai il momento adatto. Lo stesso concetto, geniale, si ripete dall'inizio alla fine e questo rallenta la lettura; ...Continua
  • 1 mi piace
Ha scritto il 26/07/17
E' indubbiamente un libro da leggere. L'avessi letto a 17, 18 anni mi sarei ritrovata al 100% nel protagonista, Vitangelo Moscarda, che si rende improvvisamente conto di non essere capito né conosciuto da nessuno, tanto meno da se stesso, fino a ...Continua
Ha scritto il 07/07/17
Un libro che ho sempre desiderato leggere. Un libro che tutti dovrebbero leggere. Destabilizzante, soprattutto nella prima parte, quella meno "narrativa" in cui il protagonista espone le sue scoperte e riflessioni, che poi sviscera e applica nel ...Continua
  • 1 mi piace

Ha scritto il Sep 14, 2017, 20:19
Gli uomini, vedi? hanno bisogno di fabbricare una casa anche ai loro sentimenti. Non basta loro averli dentro, nel cuore, i sentimenti: se li vogliono vedere anche fuori, toccarli; e costruiscono loro una casa.»A me era sempre bastato finora averlo ...Continua
Pag. 144
Ha scritto il Sep 14, 2017, 20:18
Perché, se ci pensate bene, questo è il meno che possa seguire dalle tante realtà insospettate che gli altri ci dànno. Superficialmente, noi sogliamo chiamarle false supposizioni, erronei giudizii, gratuite attribuzioni. Ma tutto ciò che di noi ...Continua
Pag. 140
Ha scritto il Sep 14, 2017, 20:18
Perché Gengè, signori miei, quello stupidissimo Gengè di mia moglie Dida, covava, senza ch’io ne sapessi nulla, una bruciante simpatia per Anna Rosa. Se l'era messo in testa Dida; Dida che se n'era accorta. Non ne aveva detto mai nulla a Gengè; ...Continua
Pag. 139
Ha scritto il Sep 02, 2017, 14:07
“Di ciò che posso essere io per me, non solo non potete saper nulla voi, ma nulla neppure io stesso.”
Ha scritto il Nov 06, 2016, 17:00
La solitudine non è mai con voi; è sempre senza di voi, e soltanto possibile con un estraneo attorno: luogo o persona che sia, che del tutto vi ignorino, che del tutto voi ignoriate, così che la vostra volontà e il vostro sentimento restino ...Continua
  • 1 mi piace

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

Ha scritto il Mar 07, 2015, 17:51
1484 classici del novecento

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi