Uno, nessuno e centomila

I grandi romanzi italiani n. 2

Voto medio di 10845
| 878 contributi totali di cui 678 recensioni , 197 citazioni , 1 immagine , 2 note , 0 video
Ubik
Ha scritto il 28/02/18
Ci provo…
Romanzo breve in forma di monologo caratterizzato da ampie riflessioni filosofiche che ruotano intorno al concetto dell’identità individuale e della singolarità dell’Io. Dal momento iniziale in cui il protagonista coglie un’incrinatura, suggerita da...Continua
MirCla
Ha scritto il 28/02/18
Romanzo ambientato a Richieri, una cittadina inventata dallo scrittore. Si apre in modo particolare. Troviamo il sig. Vitangelo Moscarda che si osserva davanti allo specchio, dopo che la moglie gli fa notare di avere il naso un pochino storto verso d...Continua
Emu
Ha scritto il 04/02/18
Perdersi... alla fine
Un classico della lettura, che sicuramente va letto. Mi è piaciuto molto, e apre a tantissimi spunti e riflessioni, quasi a farci sentire anche noi un po' "fuori di testa" come il protagonista della storia. Tiene anche un buon ritmo, ma il finale non...Continua
Mariano
Ha scritto il 11/01/18
E' difficile fare un commento originale riguardo a un romanzo di tale successo. L'intuizione di Pirandello, in parte legata al Panta rei di Eraclito, è geniale: siamo in continua trasformazione, in costante mutamento, in perenne camuffamento, in eter...Continua
Telperion80
Ha scritto il 10/01/18
Gran bella edizione.
Sul romanzo, nulla da dire che non sia stato detto fino all’estenuazione. La nota positiva è la edizione Einaudi, a cura di Mazzacurati, di cui avevo apprezzato il commento al Mattia Pascal e al Gesualdo: utile, dotto, ma frubilissimo il commento, ri...Continua

Ilaria
Ha scritto il Sep 14, 2017, 20:19
Gli uomini, vedi? hanno bisogno di fabbricare una casa anche ai loro sentimenti. Non basta loro averli dentro, nel cuore, i sentimenti: se li vogliono vedere anche fuori, toccarli; e costruiscono loro una casa.» A me era sempre bastato finora averlo...Continua
Pag. 144
Ilaria
Ha scritto il Sep 14, 2017, 20:18
Perché, se ci pensate bene, questo è il meno che possa seguire dalle tante realtà insospettate che gli altri ci dànno. Superficialmente, noi sogliamo chiamarle false supposizioni, erronei giudizii, gratuite attribuzioni. Ma tutto ciò che di noi si pu...Continua
Pag. 140
Ilaria
Ha scritto il Sep 14, 2017, 20:18
Perché Gengè, signori miei, quello stupidissimo Gengè di mia moglie Dida, covava, senza ch’io ne sapessi nulla, una bruciante simpatia per Anna Rosa. Se l'era messo in testa Dida; Dida che se n'era accorta. Non ne aveva detto mai nulla a Gengè; ma lo...Continua
Pag. 139
Lillyt
Ha scritto il Sep 02, 2017, 14:07
“Di ciò che posso essere io per me, non solo non potete saper nulla voi, ma nulla neppure io stesso.”
Katia
Ha scritto il Nov 06, 2016, 17:00
La solitudine non è mai con voi; è sempre senza di voi, e soltanto possibile con un estraneo attorno: luogo o persona che sia, che del tutto vi ignorino, che del tutto voi ignoriate, così che la vostra volontà e il vostro sentimento restino sospesi e...Continua

Auriga 1966
Ha scritto il Dec 29, 2017, 09:30

Absit
Ha scritto il May 16, 2015, 11:37
N. 99 - GLI OSCAR SETTIMANALI - 1° ed. Gli Oscar marzo 1967 - L3 - Come nuovo.
Pag. 1
Bibliotecadiamatrice
Ha scritto il Mar 07, 2015, 17:51
1484 classici del novecento

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi