Uno psicologo nei lager

Di

Editore: Ares

4.3
(672)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 176 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Chi semplificata , Chi tradizionale , Spagnolo , Tedesco , Portoghese

Isbn-10: 8881550466 | Isbn-13: 9788881550463 | Data di pubblicazione:  | Edizione 8

Traduttore: Sipos N. Schmitz

Disponibile anche come: Copertina morbida e spillati , Altri

Genere: Storia , Filosofia , Aiuto

Ti piace Uno psicologo nei lager?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Solo i "consumatori" della cultura - scrisse Gabriel Marcel nella prefazione all'edizione francese - potrebbero scambiare questo libro per un'ulteriore e ormai tardiva testimonianza sui campi di concentramento.
C'è molto di più: avendo vissuto personalmente l'estrema abiezione dei Lager, l'autore insegna che se vivere è sofferenza, sopravvivere è trovare il senso di questa sofferenza. E' questa l'esperienza che lo condusse alla scoperta della logoterapia, il trattamento psicoterapeutico che l'ha reso famoso in tutto il mondo. Frankl, cedente e ottimista, che a sedici anni interessò Freud, il quale ne pubblicò un saggio sul Giornale internazionale di psicanalisi, con olfatto sano annusa il senso della vita anche là dove lo si nega, e invita a vincere nell'oggi insieme con il relativismo ideologico assolutista, che è stato il "male del secolo XX", ogni cieco determinismo scientifico-naturale, difendendo la libertà umana in una splendida fenomenologia dell'amore. Di una felicità narrativa quasi insospettabile, in uno psichiatra, il libro è stato tradotto in tutto il mondo (oltre 10 milioni di copie vendute) ed è stato dichiarato per quattro volto libro dell'anno dalle università degli Stati Uniti.
Ordina per
  • 4

    此書的前半部是在闡述作者於集中營的親身經歷和一些觀察,後半部則是說明「(存在主義)意義治療法」的基本概念,以及與當時幾個主流心理治療學派的比較。

    在集中營裡,對生命絕望的人,其存活的機率非常低,由於心理影響生理(更精確地說,是兩者會交互影響),因此,當一個人沒了求生意志,他的免疫系統就會開始瓦解。而在集中營惡劣的環境與吃重的勞動下,身體遲早會吃不消;另外,當他們在外觀上呈現出虛弱的狀態,且逐漸應付 ...continua

    此書的前半部是在闡述作者於集中營的親身經歷和一些觀察,後半部則是說明「(存在主義)意義治療法」的基本概念,以及與當時幾個主流心理治療學派的比較。

    在集中營裡,對生命絕望的人,其存活的機率非常低,由於心理影響生理(更精確地說,是兩者會交互影響),因此,當一個人沒了求生意志,他的免疫系統就會開始瓦解。而在集中營惡劣的環境與吃重的勞動下,身體遲早會吃不消;另外,當他們在外觀上呈現出虛弱的狀態,且逐漸應付不來那些勞動時,還會被管理員盯上,便又多了被虐待致死的可能。

    而在艱苦地渡過了這場「洗禮」後,弗蘭克更加確信一個人自身獨特的「存在意義」,能帶給他們克服絕大多數困境的動力,正如尼采所言:「懂得為何而活的人,幾乎『任何』痛苦都可以忍受。」
    以作者為例,他當時所保持的「存在意義」是:他想重新完成那入營時被毀掉的待出版書籍(原稿),以及他對妻子的愛。前者給了他活下去的目的,而後者則帶給了他巨大的精神能量。

    此外,他也相信:追求「意義」是人所具有的內在驅力之一,而不單是佛洛依德學派所強調的「快樂原則」,或是阿德勒之「求權力的意志」。而當人們那股「追求意志」的動力受挫時(這是難免且「健康」的)所產生之「存在的挫折」,需要的不是精神藥物或一般的「精神分析」治療,而需要再去加以探尋,其方法之一就是「意義治療法」。「意義治療與精神分析最主要的差異在於前者認為:作為一個人,最重要的關懷是實現意義與價值,而不僅僅是為了滿足驅策力及本能,或只是為平衡協調本我、自我、超我間的衝突;或只是為了去適應社會與環境而已。」而弗蘭克「意義治療學」(logotherapy)裡的概念,也影響了後來的存在主義和人本主義心理學。

    所謂的「意義」,就是去找尋到屬於我們自身獨特的「使命」,「一個人一旦了解他的地位無可替代,自然容易盡最大的心力,為自己的存在負起最大的責任。」

    而關於心理健康與平衡,則是「奠基於某種程度的緊張:人『已經達成』與『還應該完成』二者間的緊張;或是:人『是什麼』與『應該成為什麼』之間的緊張。」

    「生命中的每一種情境向人提出挑戰,同時提出疑難要他去解決,因此……人不應該去問他的生命意義是什麼?他必須認清,『他』才是被詢問的人……而他只有用自己的生命才能回答此問題;只有藉著『負責』來答覆生命。」

    此外,即使是「短暫性」的事物以及各種痛苦,只要你肯去面對、挑戰與度過,它也會成為一種最確實的「存在」、一種痕跡與里程碑。

    ha scritto il 

  • 0

    Libro topico, unico. Una delle cose più profonde che abbia mai letto. Il libro descrive, in modo pacato, le strategie che l'Uomo può mettere in atto per attraversare i dolori inimmaginabili. Attingend ...continua

    Libro topico, unico. Una delle cose più profonde che abbia mai letto. Il libro descrive, in modo pacato, le strategie che l'Uomo può mettere in atto per attraversare i dolori inimmaginabili. Attingendo al proprio indiscusso sempre esistente intoccabile patrimonio spirituale. Da qui ho deciso di dedicare uno (o più) scaffali della libreria ai Libri Memorabili, le pietre miliari per la mia vita. Viktor Frankl sarà ospitato con onore

    ha scritto il 

  • 4

    Much has been said about the concentration camp, but Victor Frankl's Man's Search for Meaning stands out in his profound account of the horrendous psychological reality of camp life. In this book we s ...continua

    Much has been said about the concentration camp, but Victor Frankl's Man's Search for Meaning stands out in his profound account of the horrendous psychological reality of camp life. In this book we see the full spectrum of human responses (in its full glory or ugliness) when a person is stretched beyond the breaking point. Amazingly, there are individuals who nevertheless manage to rise above it all.

    In Frankl's own words, "the true meaning of life is to be discovered in the world rather than within man or his own psyche. Being human always points, and is directed, to something, or someone, other than oneself - be it a meaning to fulfill or another human being to encounter." To be a survivor, one needs a reason to survive, for "he who has a why to live for can bear with almost any how." That reason must be sought in the form of work to be done, or of love to be loved, or, in the most hopeless case, of suffering to be suffered.

    The only thing I don't like about this book is the postscript - I feel that it's a rather unnecessary addition to what's already a masterpiece.

    ha scritto il 

  • 5

    Viktor Frankl nos relata su experiencia que vivió en las prisiones de Hitler durante la Segunda Guerra Mundial entre mezclados con filosofía y psicología. Todo a partir de una pregunta: "¿Por qué no s ...continua

    Viktor Frankl nos relata su experiencia que vivió en las prisiones de Hitler durante la Segunda Guerra Mundial entre mezclados con filosofía y psicología. Todo a partir de una pregunta: "¿Por qué no se suicida usted?". Esta pregunta surge a raíz de que observó que muchos de los prisioneros preferían suicidarse en las prisiones ante la idea en que cualquier momento podrían morirse, entonces, ¿por qué muchos no quisieron suicidarse? ¿Cuáles eran las ideas que diferenciaban un grupo de otro? Es así, como Viktor Frankl comienza hacernos cuestionar a través de sus planteamientos qué es lo que nos hace querer permanecer con vida o que la tan sólo idea del suicidio no pase por nuestras cabeza. Poco a poco, esta lectura irá metiéndose en nuestros recuerdos y las cosas o personas que amamos para analizarlos e, irónicamente, le daremos un sentido a nuestra vida. Aunque es un libro que toca temas muy profundos como el suicidio, la vida, la muerte, el amor mediante la filosofía y la psicología muchos pensarían que sería difícil de digerir pero resulta todo lo contrario: la manera en que nos introduce Viktor Frankl a su ideología es amena incluso poética. Si todavía no has leído libros profundos y estás interesado en leer libros parecidos a estos, éste podría ser una buena opción para empezar. Para más reseñas como esta, visita: http://senoritaespecial.blogspot.mx/

    ha scritto il 

  • 2

    Che uno possa fare della filosofia su se stesso e su altri poveri disgraziati detenuti in un lager è veramente inconcepibile. A parte la noia mortale della seconda parte è la proposta di una filosofia ...continua

    Che uno possa fare della filosofia su se stesso e su altri poveri disgraziati detenuti in un lager è veramente inconcepibile. A parte la noia mortale della seconda parte è la proposta di una filosofia di vita che è una non-filosofia…
    Libro da dare al macero.

    ha scritto il 

  • 4

    Leggendolo non mi aveva proprio preso: una testimonianza del lager di valore inferiore alle altre, forse perché composta in fretta e mal tradotta.
    Poi sono arrivato al penultimo capitolo, Un'Analisi E ...continua

    Leggendolo non mi aveva proprio preso: una testimonianza del lager di valore inferiore alle altre, forse perché composta in fretta e mal tradotta.
    Poi sono arrivato al penultimo capitolo, Un'Analisi Esistenziale, che è straordinario: li c'è la filosofia di vita di Frankl, temprata dall'esperienza del lager.
    Da non perdere.

    ha scritto il 

  • 4

    questo libro si stacca dagli altri, parecchi, che ho letto sui lager, tra saggi e narrativa: forse è unico, anche se secondo me tutt'altro che perfetto. è verboso e parla troppo spesso di religione, m ...continua

    questo libro si stacca dagli altri, parecchi, che ho letto sui lager, tra saggi e narrativa: forse è unico, anche se secondo me tutt'altro che perfetto. è verboso e parla troppo spesso di religione, ma è interessante per il punto di vista, quello di uno psicologo che osserva e vive contemporaneamente l'esperienza del campo di concentramento. mi viene da pensare che un interesse professionale come il suo possa essere la chiave per la salvezza della mente - ma questo non c'entra. resta il fatto che trovo affascinante questa doppia posizione dell'autore, che riesce a descrivere sé stesso e gli altri in modo al tempo stesso emotivo e distaccato. alla fine del libro categorizza una parte del "materiale umano" dei lager, e qui mi ha fatto pensare ai sommersi e i salvati. la distinzione di levi mi sembra così più fine e profonda, ma forse è la differenza tra una pseudo scienza e l'etica (ovviamente non so di cosa parlo).

    ha scritto il 

  • 4

    Esperanzador.

    La lectura de Victor Frankl, obligada para todo aquél que quiera saber un poco más sobre resiliencia, es de esas que no te permiten dejar de leer tanto por lo increíble de la posición de Frankl, como ...continua

    La lectura de Victor Frankl, obligada para todo aquél que quiera saber un poco más sobre resiliencia, es de esas que no te permiten dejar de leer tanto por lo increíble de la posición de Frankl, como por los sucesos que, aunque muy conocidos, no dejan de ser sorprendentes por su brutalidad, por su sentido deshumanizante y hasta condenatorio. Me refiero al holocaustro nazi en la segunda guerra mundial, donde miles de judios fueron despojados de su vida como seres humanos y quedaron, como lo reconoce Frankl, "despojados de todo menos de su inminente desnudez"... Al principio, puede que está "desnudez" sea estrictamente física ya que conllevaba usar todos la misma ropa, bañarse, dormir y comer en estado de hacinamiento e, inclusive, ser despojados de todo rastro de individualidad al ser condenados a depilar todo su cuerpo... Posteriormente nos damos cuenta que este estado de desnudez no es sólo físico, sino también emocional y espiritual. Es en estas condiciones de sufrimiento donde el hombre puede descubrir la esencia de sí mismo, aquello por lo que vive y, de alguna u otra forma, encontrar la esperanza que le impide morir.

    ha scritto il 

  • 3

    Un po cupo

    Va bene per la descrizione della condizione umana al limite del sopportabile. Racconto toccante per certi versi, ma anche se fa parte del passato è un bagaglio narrativo di cui preferisco fare a meno. ...continua

    Va bene per la descrizione della condizione umana al limite del sopportabile. Racconto toccante per certi versi, ma anche se fa parte del passato è un bagaglio narrativo di cui preferisco fare a meno. G.@@

    ha scritto il 

Ordina per