Uno strano silenzio

Siamo soli nell'universo?

Voto medio di 66
| 10 contributi totali di cui 10 recensioni , 0 citazioni , 0 immagini , 0 note , 0 video
63° volume della collana de " La biblioteca delle Scienze" pubblicato il 2 Luglio 2012 in allegato alla rivista Le Scienze numero 527.

La domanda è semplice, profonda ed esistenziale: siamo soli nell'universo? Improbabile, secondo molti scienzi

La domanda è semplice, profonda ed esistenziale: siamo soli nell'universo? Improbabile, secondo molti scienziati. Bene, ma allora dove sono gli alieni? Perché ancora non abbiamo stabilito un contatto con forme di vita intelligente? Una risposta estesa e articolata arriva da Uno strano silenzio, il libro di Paul Davies in edicola con "Le Scienze" di luglio. L'autore è un fisico britannico in forze sia all'Arizona State University sia al programma di radioastronomia Search for ExtraTerrestrial Intelligence (SETI), con base in California. Dal 1960 il SETI è "in ascolto del cielo" grazie a potenti radiotelescopi, con l'obiettivo, o meglio la speranza, di rilevare almeno un segnale inviato da civiltà aliene desiderose di mettersi in contatto con noi.Finora, però, il nulla. Dopo cinquant'anni di ascolto il SETI, fondato dall'astronomo Francis Drake, al quale Davies dedica il libro, non ha ancora sentito qualcosa degno di interesse. Dobbiamo forse rassegnarci a un'assoluta solitudine cosmica?

L'autore non la pensa affatto così, e rilancia: è il modo in cui cerchiamo a essere sbagliato, non l'oggetto della ricerca in sé. La vita che ci aspetta là fuori potrebbe non essere giunta a un livello tecnologico che permetta non tanto viaggi spaziali ma come minimo l'invio di un segnale radio. Ma potrebbe benissimo essere arrivata a un punto in cui la sua attività è in grado di modificare l'ambiente del pianeta che la ospita. Proprio come la specie umana sta facendo sulla Terra con il riscaldamento globale. Allora perché, si chiede Davies, non cercare anche segnali di questo tipo sul numero sempre crescente di pianeti extrasolari che finiscono nelle banche dati degli astronomi? E ancora: non dobbiamo pensare che l'unico mezzo di comunicazione sia un segnale elettromagnetico. Una civiltà avanzata potrebbe inviare sonde automatiche, per esempio, o addirittura biologiche. Ecco dunque la necessità di considerare un'eventuale tecnologia aliena nella sua interezza e complessità. Ma scrutare il cielo non basta. Un nuovo approccio passa anche per la ricerca sulla Terra di organismi viventi che in qualche modo permettano agli scienziati di affermare con certezza che la vita sul nostro pianeta è comparsa più di una volta. Una scoperta del genere - degli alieni terrestri insomma, come potrebbero essere i controversi batteri all'arsenico trovati nel Mono Lake, in California - darebbe la quasi certezza, secondo Davies, che la vita è comparsa anche su altri pianeti simili alla Terra in altri sistemi solari.

Seguendo questo filo rosso di bilancio, revisione e nuove prospettive del programma SETI, che ormai dopo la fine dei finanziamenti del governo statunitense e della NASA va avanti solo grazie alle donazioni dei privati, il libro spazia in ambiti di ricerca contigui - astronomia, biologia, astrobiologia e viaggi nello spazio - con un'impronta di ottimismo che tuttavia non sconfina mai in un fideismo mistico. Tutto in attesa di un gran finale le cui regole sono già state scritte.Davies, infatti, è anche responsabile del Post-Detection Taskgroup, il comitato del SETI deputato a decidere che fare in caso di contatto con gli alieni. C'è un protocollo da seguire nel caso in cui gli alieni si facciano vivi, ma c'è da scommettere che il primo contatto non seguirà la via tracciata con cautela e precisione, ma esonderà in un'euforia incontrollabile. Sempre che lì fuori ci sia qualcuno. ...Continua

Ha scritto il 02/06/14
dove sono tutti quanti?
Consigliato. Non esaurisce certo le infinite sfaccettature di questo interessante tema, ma dà un primo orizzonte del problema. Scritto da uno dei capi storici del progetto SETI.
Ha scritto il 13/01/14
Un esercizio interessante, La traduzione in generale buona talvolta zoppica sulle parti piu' tecniche.
Ha scritto il 19/11/12
Divaga un po troppo su ipotesi al limite dell'assurdo, ma per il resto lettura piacevole. Interessante l'idea, per quanto appartenente alla categoria di cui dicevo prima, che le forme di vita organiche siano il trampolino di lancio per le forme di vi ...Continua
Ha scritto il 29/10/12
Un libro che parla di scienza, fantascienza e futurologia, cioè delle frontiere dell'esobiologia. A partire dalla formula di Drake, Davies discute gli scenari che si potrebbero realizzare se SETI venisse in contatto con ET. Le società, la politica, l ...Continua
Ha scritto il 17/08/12
Paul Davies è un ottimo divulgatore e, se mi dovesse ricapitare tra le mani un suo libro, lo leggerei volentieri.
Tuttavia, nel dare un giudizio al presente saggio, sono un po' indeciso.
La prima parte è entusiasmante: la storia della ricerc
...Continua
  • 2 mi piace
  • 2 commenti

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una citazione!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una nota!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi