Uno zoo d'inverno

Di

Editore: Rizzoli - Lizard

4.0
(260)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 231 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Giapponese , Spagnolo , Olandese , Tedesco , Francese , Inglese

Isbn-10: 881703777X | Isbn-13: 9788817037778 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Vincenzo Filosa

Genere: Biografia , Fumetti & Graphic Novels , Narrativa & Letteratura

Ti piace Uno zoo d'inverno?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Kyôto, 1966. Hamaguchi, impiegato di un'azienda tessile, si sente diverso da tutti gli altri ragazzi: basti pensare che al circolo sportivo, meta prediletta dei suoi coetanei, il ragazzo preferisce lo zoo, dove passa buona parte del proprio tempo a ritrarre dal vivo gli animali. Ma la sua passione per il disegno è talmente forte da sopportare appena i ristretti confini della vita di provincia, e presto Hamaguchi deciderà di partire per Tokio, dove finirà per imbattersi in una comunità di professionisti un po' particolare: quella degli autori di fumetto, i mangaka.
Ordina per
  • 4

    Un racconto esplicitamente autobiografico.

    La storia di questo giovane designer che dopo varie vicissitudine si trova a lavorare come assistente di un mangaka di successo, in questa storia Taniguchi mette se stesso e cosa lo ha portato al succ ...continua

    La storia di questo giovane designer che dopo varie vicissitudine si trova a lavorare come assistente di un mangaka di successo, in questa storia Taniguchi mette se stesso e cosa lo ha portato al successo, dei suoi drammi interiori e delle esperienze fondamentali per il suo lavoro. Non so fino a che livello sia autobiografia e dove cominci la storia romanzata, ma tu senti che è presente più che in altre sue opere. Nella storia Hanaguchi trova il modo per superare le sue insicurezze grazie all'aiuto fondamentale di Fukiko che lo sprona a fare meglio e lui dal canto suo vuole far leggere la sua storia alla ragazza per a sua volta spronarla a vivere nonostante la malattia. Il tratto di Taniguchi è molto realistico che non lascia spazio a sbavature o altro. La scena che mi a fatto divertire è quando Hamaguchi e il suo amico si rincontrano dopo un corso di disegno e con l'amico c'è anche la modella che pochi secondi prima aveva ritratto nuda, Molto imbarazzante!!!
    Do un 7 alla storia e 8 ai disegni

    ha scritto il 

  • 4

    null

    Una storia piuttosto autobiografica che racconta di un giovane dall'aria malinconica che è bravo a disegnare e arriva da Tottori a Tokyo nello studio di un affermato fumettista a fare l'assistente. La ...continua

    Una storia piuttosto autobiografica che racconta di un giovane dall'aria malinconica che è bravo a disegnare e arriva da Tottori a Tokyo nello studio di un affermato fumettista a fare l'assistente. La sua crescita professionale e di vita e l'incontro con il primo amore sono raccontati in modo molto delicato, quasi con gentilezza. Ottimi i disegni, ricchi di dettaglio e dal tratto pulito e preciso. Solo 4 stelle perché non è una trama avvincente.

    ha scritto il 

  • 5

    Taniguchi non tradisce mai.
    Disegni superbi, come sempre, per dare vita ad una storia decisamente interessante e commovente.
    Degni di nota i molti messaggi che arrivano da questa graphic novel.
    Consig ...continua

    Taniguchi non tradisce mai.
    Disegni superbi, come sempre, per dare vita ad una storia decisamente interessante e commovente.
    Degni di nota i molti messaggi che arrivano da questa graphic novel.
    Consigliatissima!

    ha scritto il 

  • 4

    I sentimenti delicati/dimenticati?

    In questi giorni urlati, con oscenità onnipresenti ed insensatezze ad ogni livello, ma soprattutto in alto, leggere una storia così commuove nel suo ritorno meraviglioso alla normalità dei sentimenti ...continua

    In questi giorni urlati, con oscenità onnipresenti ed insensatezze ad ogni livello, ma soprattutto in alto, leggere una storia così commuove nel suo ritorno meraviglioso alla normalità dei sentimenti che abbiamo paura di provare e di liberare. Niente è "speciale" e tutto invece lo è, se sapessimo guardare/vivere la realtà come ci suggerisce l'autore. Con un occhio ad Ozu, mi è sembrato.

    ha scritto il 

  • 5

    un'autobiografia e uno spaccato del giappone fine anni '60 (con i tanti cambiamenti sociali di quel periodo), ecco cos'è questo "uno zoo d'inverno".
    e la descrizione del lavoro nello studio del fumett ...continua

    un'autobiografia e uno spaccato del giappone fine anni '60 (con i tanti cambiamenti sociali di quel periodo), ecco cos'è questo "uno zoo d'inverno".
    e la descrizione del lavoro nello studio del fumettista kondo non deve esser tanto diversa da quella che avrebbe potuto fare chi faceva un lavoro analogo da queste parti.
    potrebbe uscirne fuori un bellissimo film, chissà se qualcheduno ci ha già pensato...

    ha scritto il