Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Uno zoo lungo la strada

Di

Editore: Baldini Castoldi Dalai

4.1
(167)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 375 | Formato: Altri | In altre lingue: (altre lingue) Inglese

Isbn-10: 8880892088 | Isbn-13: 9788880892083 | Data di pubblicazione: 

Genere: Fiction & Literature , Humor , Religion & Spirituality

Ti piace Uno zoo lungo la strada?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Amanda, bella e giovane chiaroveggente dagli insoliti costumi morali (emateriali) è circondata da amici altrettanto bizzarri. Ben presto la troviamosposata a John Paul Ziller, artista e mago le cui origini si perdono inqualche modo nella giungla e il cui autentico interesse nella vita è la luce.Salma è poi la vera protagonista: parliamo proprio della Salma di Gesù Cristo.Il suo ritrovamento apre interrogativi sul secondo Avvento e mette arepentaglio il futuro della civiltà occidentale. Alle prese con questo misteroè anche Marx Marvellous, lo scienziato dal quale fa capolino lo stessoRobbins. Tutto si svolge in uno strano locale in cui gli automobilisti dipassaggio possono ammirare gli ospiti del piccolo zoo.
Ordina per
  • 2

    recensione stizzita!!

    Posso sbracarmi? posso cedere all'ira? ma sì, semel in anno licet.. Robbins si rivela per quello che è: una lamborghini fucsia.


    A Tom, ma facci un po' il piacere! Mi aspettavo tanto dallo zoo lungo la strada, un po' per l'entusiasmo (eccessivo?) di natura mrta con picchio, un po' per le re ...continua

    Posso sbracarmi? posso cedere all'ira? ma sì, semel in anno licet.. Robbins si rivela per quello che è: una lamborghini fucsia.

    A Tom, ma facci un po' il piacere! Mi aspettavo tanto dallo zoo lungo la strada, un po' per l'entusiasmo (eccessivo?) di natura mrta con picchio, un po' per le recensioni positive; come dicevano (lo dicono ancora?) una volta le maestre, il ragazzo è bravo ma non si applica. 400 e passa pagine di nulla o poco più; un'enorme vaccata su.. spoiler, occhio allo spoiler.. faccio un po' di invio, ok??

    su

    su

    su

    su.. sul ritrovamento niente di meno che della salma dell'ipso facto mai resuscitato Messia, Gesù, il Cristo, il Figlio dell'Uomo, etc etc.. da parte di 3 pazzoidi più un cronista. La narrazione vorrebbe essere brillante ma mette tristezza; le metafore vorrebbero stupire e divertire e fanno saltare con gli occhi alla riga successiva; il fatto che si tratti di una farsa non giustifica tanto spreco di carta.
    Un supplizio.
    Il romanzo ha la profondità di una pozzanghera, due stelle di rabbia. Einstein una volta ha scritto che ogni volta che passiamo un minuto arrabbiati perdiamo 60 secondi di felicità. Due stelle arrabbiate e poi mi rimetto a sorridere. :D.. :)))

    ha scritto il 

  • 5

    innamorata

    di Jhon Paul, di Purcy, di Amanda, di Marx Marvellouse, dello stile, (come si fa a scrivere così bene?) delle farfalle, dei tamburi, dei colori e degli occhi del piccolo Thor, dell'originalità, dell'individualità, della libertà che profuma ogni pagina, mi chiedo com'è che Uno zoo lungo la strada ...continua

    di Jhon Paul, di Purcy, di Amanda, di Marx Marvellouse, dello stile, (come si fa a scrivere così bene?) delle farfalle, dei tamburi, dei colori e degli occhi del piccolo Thor, dell'originalità, dell'individualità, della libertà che profuma ogni pagina, mi chiedo com'è che Uno zoo lungo la strada è in così poche librerie..Amanda avrebbe di certo una risposta illuminante!

    ha scritto il 

  • 3

    il primo impatto non è dei più semplici: è come un pasto con troppe portate servite tutte assieme, che solo a guardarlo passa la fame. e difatti la tentazione di mollarlo dopo poche pagine è fortissima. robbins è al suo primo romanzo, e in seguito imparerà a dosare gli ingredienti, ma se si ha la ...continua

    il primo impatto non è dei più semplici: è come un pasto con troppe portate servite tutte assieme, che solo a guardarlo passa la fame. e difatti la tentazione di mollarlo dopo poche pagine è fortissima. robbins è al suo primo romanzo, e in seguito imparerà a dosare gli ingredienti, ma se si ha la forza di volontà di proseguire nella lettura ci si imbatte in momenti meravigliosi, su tutti un incredibile dialogo da gesù e tarzan che vale l'acquisto del libro.
    non è il primo libro da consigliare a chi vuole scoprire questo geniale eccentrico della letteratura americana, ma chi è un fan arriverà alla fine soddisfatto.

    ha scritto il 

  • 4

    L'ho letto in un fine settimana a casa di amiche,me lo ricordo bello nell'insieme ma non ne ho una visione particolareggiata..forse per le troppe chiacchiere e risate che inframezzarono la sua lettura.

    ha scritto il 

Ordina per