Unravel Me

Shatter Me, Book 2

By

Publisher: HarperCollins

4.4
(82)

Language: English | Number of Pages: 480 | Format: Hardcover

Isbn-10: 0062085530 | Isbn-13: 9780062085535 | Publish date: 

Also available as: Paperback , Others

Category: Romance , Science Fiction & Fantasy , Teens

Do you like Unravel Me ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
Sorting by
  • 5

    ho avuto orgasmi multipli

    questo secondo volume mi è piaciuto molto più del primo sebbene non abbia dato un parere negativo ma ho detto che mi era piaciuto ma c'era qualcosa di ni.
    I punti di forza di questo volume?
    IL TRIANGO ...continue

    questo secondo volume mi è piaciuto molto più del primo sebbene non abbia dato un parere negativo ma ho detto che mi era piaciuto ma c'era qualcosa di ni.
    I punti di forza di questo volume?
    IL TRIANGOLO AMOROSO ..RAGAZZI FACCIAMOLO RITORNARE almeno mette un po di pepe alla storia e vi dirò che in questo caso la scelta non è scontata ; CADUTI IN DISUSO credo che se tornassero molte storie seppur banali potrebbero risultare interessanti ; la crescita dei personaggi , il fatto che sappia o qualcosa del loro passato , di questo colpo di scena assurdo .. (Warner provoca orgasmi involontari sappiatelo)..ASSURDO e poi la protagonista che secondo me è da capire sotto molti aspetti , ho apprezzato che qualcuno le faccia notare il fatto che si deve dare una svegliata e che alla fine fa un esame di coscienza e capisce il suo vero valore e la sua vera forza.
    L'unica nota negativa?
    il fatto che devo aspettare per il prossimo volume.
    CHE VOGLIO ORAAAAAAA

    said on 

  • 5

    Finalmente dopo più di quattro anni, è uscito anche qui in Italia e finalmente sono riuscita a leggerlo. Adesso spero non ci mettano anni per fare uscire anche il terzo.
    Comunque, come libro mi è piac ...continue

    Finalmente dopo più di quattro anni, è uscito anche qui in Italia e finalmente sono riuscita a leggerlo. Adesso spero non ci mettano anni per fare uscire anche il terzo.
    Comunque, come libro mi è piaciuto molto, si scopre come funziona il punto omega e quante persone ci sono con doni. Come Kenji praticamente si occupa praticamente quasi di tutto lui, dopo Castle. Mi piace molto come personaggio Kenji. Adam mi piace sempre e si scopre che in effetti ha un dono e sta facendo di tutto per allenarsi nel saperlo usare. James, oh quanto mi piace anche lui. Poi il suo rapporto con Adam e il rapporto con Kenji.
    Juliette come personaggio è migliorata, non è più la ragazza spaventata del primo libro, il suo potere è più grande di quello che si pensa. Come persona, non mi è piaciuto il comportamento che ha avuto dalla seconda metà del libro. Mente ad Adam e di continuo, lei dice per proteggerlo, ma secondo me è solo per proteggere se stessa. Non capisco il suo difendere Warner con tutto quello che lui ha fatto a lei, a Adam e tutti gli altri. Per adesso sono molto delusa, da molti suoi comportamenti. Speriamo che in "Ignite Me", si riprenda e si faccia perdonare.

    said on 

  • 5

    Wow

    Questo libro mi ha stupita, mi ha trascinata in un vortice di emozioni e ha scaraventato qua e là il mio piccolo cuoricino, l'ho letto trattenendo il fiato ad ogni voltare di pagina, a volte ho pianto ...continue

    Questo libro mi ha stupita, mi ha trascinata in un vortice di emozioni e ha scaraventato qua e là il mio piccolo cuoricino, l'ho letto trattenendo il fiato ad ogni voltare di pagina, a volte ho pianto, altre ho sorriso e spesso sentivo il cuore battermi a mille mentre leggevo. Questo è l'effetto che mi ha fatto questo libro, una cascata di emozioni che, grazie allo stile incredibile della Mafi, mi ha travolta.
    Qui la recensione completa: http://abookislife.blogspot.it/2016/04/recensione-37-unravel-me-di-tahereh-mafi.html

    said on 

  • 0

    "La verità è un doloroso promemoria del perché preferisco vivere tra le bugie"

    recensione su ...il piacere della lettura
    http://leggiamo.altervista.org/ragazzi_unravelme.htm

    said on 

  • 4

    Vi ricordate che poco tempo fa avevo letto e amato Schegge di me? Bene, se ero rimasta colpita dal primo volume di questa saga, il secondo mi ha decisamente conquistata.
    Come alcuni di voi sapranno, l ...continue

    Vi ricordate che poco tempo fa avevo letto e amato Schegge di me? Bene, se ero rimasta colpita dal primo volume di questa saga, il secondo mi ha decisamente conquistata.
    Come alcuni di voi sapranno, la Rizzoli aveva intenzione di interrompere la serie dopo la pubblicazione del solo Schegge di me, ma alcuni lettori (tra cui io) si sono dati da fare su twitter per richiamare l'attenzione della grande Casa Editrice, ricevendo i complimenti anche della stessa autrice, e speriamo tutti di esserci fatti notare. Non ci rimane che incrociare le dita.
    Ma giusto poco prima di questa notizia, io avevo comprato Unravel me, e ora che l'ho letto spero ancora di più che pubblichino il resto della saga!

    Per chi non sapesse di cosa parlo, Schegge di me ci portava nel mondo di Juliette, un futuro distopico in cui è rimasto ben poco del mondo che conosciamo. Juliette ha un dono, o se vogliamo una maledizione: chiunque venga a contatto con la sua pelle può morire. Ma poi appare Adam, che riesce a toccarla e che è così dolce e comprensivo e... si innamorano, c'era anche bisogno di dirlo?
    Ma le cose non sono così semplici, perchè forse Adam non è proprio il solo a poter toccare Juliette, c'è anche Warner, il nostro cattivo.
    E più o meno così si conclude Schegge di me: Adam e Juliette scappano da Warner e trovano rifugio in un centro chiamato Omega Point in cui ci sono diverse persone con particolari abilità.
    All'inizio di Unravel Me siamo catapultati di nuovo nella vita della nostra protagonista, che, sì, è sempre più innamorata di Adam ma non riesce affatto ad ambientarsi dentro all'Omega Point. E se questo non fosse l'unico problema?

    Se non si fosse ancora capito, ho adorato questo secondo volume.
    Vediamo un'evoluzione di Juliette che non mi sarei aspettata. Dopo una serie di incitazioni, riesce a smettere di pensare a quanto sia "dispiaciuta" per ogni singola cosa che fa, e inizia a credere in se stessa.
    Adam è rimasto il dolce ragazzo di sempre, solo un po' più chiuso. Tutto quel che gli succede lo porta a soffrire molto, e ogni due per tre mi veniva voglia di entrare nel libro e abbracciarlo.
    E ora arriviamo al punto: Warner. Insomma, nel primo volume non ero rimasta molto soddisfatta da lui. Non perchè fosse cattivo o quant'altro. In realtà, mi sembrava solamente un ragazzo malato, con qualche serio problema alle rotelle del cervello e senza tutta questa grande attrattiva. Premettendo che non ho ancora letto la novella dal suo punto di vista, Destroy Me, non capivo davvero come potesse piacere a così tanta gente. Beh, un pochino l'ho capito leggendo Unravel me. Dice a Juliette delle cose che mi hanno lasciata senza parole, in senso positivo; d'altra parte però non riesco ancora a capire questa sua sorta di doppia faccia, un minuto lo vediamo giocare con la vita di centinaia di persone e quello dopo abbraccia un cagnolino randagio per strada e sorride come un cucciolo. Spiegatemelo, perchè io ancora non ne sono venuta a capo. Spero che Ignite me mi toglierà di torno ogni dubbio.

    Tahereh Mafi continua a deliziarci con uno stile caotico quanto i pensieri di Juliette, ma assolutamente magnetico. Non riuscivo a staccare gli occhi dalle pagine.
    In più, la storia ha questo crescendo di azione e tensione, sia nella società che tra i singoli personaggi, che davvero non riesce a farti mettere giù il libro.

    said on 

  • 4

    E finisce cosi?! NOOOOOOOOOO!!!

    No, ma dico Mafi è questo il modo di far finire un libro? Proprio sul più bello, proprio quando le cose avevano iniziato a carburare? Non ci posso credere! Ora brucio, letteralmente, dalla voglia di i ...continue

    No, ma dico Mafi è questo il modo di far finire un libro? Proprio sul più bello, proprio quando le cose avevano iniziato a carburare? Non ci posso credere! Ora brucio, letteralmente, dalla voglia di iniziare Ignite Me… noooo non ce la posso fare!!!
    Ok, lasciamo perdere lo sfogo iniziale (alquanto doveroso) e passiamo al sodo. Questo libro. Questo libro è tante cose, è un bel libro prima di tutto, scritto con passione e poesia. È un libro che ti prende dalla prima pagina e non ti lascia mai, una lettura dalla quale è difficile staccarsi, non tanto però per i fatti narrati, sono i personaggi che incatenano il lettore alla lettura.
    Partendo da Juliette, la protagonista. Decisamente un po’ noiosa nel suo modo di commiserarsi, soprattutto all’inizio. La ragazza è bloccata, non ha ancora accettato i suoi poteri, non è in pace con il suo corpo, con la sua mente, con la vita. E Juliette piange e si lamenta e sembra tornare un po’ bambina sia nei rapporti con i suoi nuovi compagni, che con il suo amore (seh, come no!) Adam. Leggere del rapporto tormentato tra i due è stato sfiancante, veramente. Troppe lacrime, troppi drammi. Adam non mi piace, non mi è mai piaciuto, ma durante la lettura tendo ad essere sempre abbastanza obiettiva e Adam ha del potenziale, devo riconoscerlo, è dolce e determinato (a differenza di Juliette che si arrende all’istante) a far funzionare il rapporto con lei ma… non brilla, è questa la verità. Non ha la personalità per spingere Juliette nella giusta direzione.
    Colui che possiede tale dono è LUI (LUI LUI LUI, Mafi GENIO!). WARNER.
    Sarà anche un mostro, uno psicopatico, uno da rinchiudere ed accusare, ma la sua presenza risolleva la storia. La sua presenza sveglia Juliette dal torpore in cui era caduta, la libera dalle catene che si era costruita da sola. Non dimentichiamoci che è stato lui a salvare Juliette da morte certa, è lui che se ne prende cura. E più Juliette e il lettore conoscono Warner, più sono colpiti dalla sua storia, dalla sua personalità, dalla sua dolcezza nascosta. È impossibile non sentirsi connessi con questo personaggio!
    Altro protagonista assolutamente spettacolare è Kenij, l’anima della festa! Con lui si ride e grazie al lui la pesantezza dell’umore nero di Juliette si sente di meno! Grazie Kenij, mi hai fatto ridere molto!
    Lettura consigliatissima!
    Un GRAZIE enorme, alle traduttrici di The Books We Want To Read per il lavoro straordinario che hanno fatto (la traduzione è veramente eccellente), perché grazie a loro, le fan italiane che non leggono in lingua, hanno avuto la possibilità di continuare questa magnifica serie.
    Alla faccia di quella bastardina della CE! Tièh!
    Aspetto (impaziente) Ignite Me!

    said on 

  • 4

    Questo secondo volume mi ha preso un po' di più. L'ho sentito più “vivo”.
    Prima o poi Adam e Juliette mi faranno venire il diabete, ne sono sicura. Appena si vedono gli occhi brillano, le mani sudano, ...continue

    Questo secondo volume mi ha preso un po' di più. L'ho sentito più “vivo”.
    Prima o poi Adam e Juliette mi faranno venire il diabete, ne sono sicura. Appena si vedono gli occhi brillano, le mani sudano, le ossa diventano liquide... Un febbrone da cavallo, insomma.
    Kenji, come al solito, è l'unico che riesce, o almeno prova, a smorzare la drammaticità e la tristezza portate dai due protagonisti. La sua brutale schiettezza mi piace, così come il modo in cui tiene a Juliette, il modo in cui la protegge da tutto, perfino da se stessa.
    Warner mi affascina. È un bravo ragazzo, in fondo, ma è costretto a nascondere questo suo lato per sopravvivere ad un padre duro e inflessibile, soprattutto nei confronti del figlio. È un personaggio dalle mille sfaccettature, uno di quelli che si impara a conoscere col tempo, ma che non si conoscerà mai davvero a fondo. È una persona rotta, segnata nel profondo e persa nella propria solitudine e nelle proprie sofferenze.
    Il colpo di scena a metà libro, Adam che riconosce in Anderson il proprio padre, ha alzato il mio interesse, tenendomi incollata al libro.
    Castle non mi è stato facile da capire. All'inizio mi stava antipatico, lo credevo duro e poco incline ai sentimenti, ma il modo in cui tratta Warner e la sua preoccupazione per Kenji, e, perché no, anche per Juliette, l'hanno fatto rivalutare ai miei occhi. È un uomo fondamentalmente buono, sicuro di ciò che fa e determinato a realizzare il proprio sogno.

    Questo secondo volume alza decisamente il livello della saga

    said on 

Sorting by