Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Uomini e no

By Elio Vittorini

(27)

| Paperback

Like Uomini e no ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

158 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Questo è il punto in cui sbagliamo. Noi presumiamo che sia nell’uomo soltanto quello che è sofferto, e che in noi è scontato. Aver fame. Questo diciamo che è nell’uomo. Aver freddo. E uscire dalla fame, lasciare indietro il freddo, respirare l’aria d ...(continue)

    Questo è il punto in cui sbagliamo. Noi presumiamo che sia nell’uomo soltanto quello che è sofferto, e che in noi è scontato. Aver fame. Questo diciamo che è nell’uomo. Aver freddo. E uscire dalla fame, lasciare indietro il freddo, respirare l’aria della terra, e averla, avere la terra, gli alberi, i fiumi, il grano, le città, vincere il lupo e guardare in faccia il mondo. Questo diciamo che è nell’uomo.
    Avere Iddio disperato dentro, in noi uno spettro, e un vestito appeso dietro la porta. Anche avere dentro Iddio felice. Essere uomo e donna. Essere madre e figli. Tutto questo lo sappiamo e possiamo dire che è in noi. Ogni cosa che è piangere la sappiamo: diciamo che è in noi. Lo stesso ogni cosa che è ridere: diciamo che è in noi. E ogni cosa che è il furore, dopo il capo chino e il piangere. Diciamo che è il gigante in noi. Ma l’uomo può anche fare senza che vi sia nulla in lui, né patito, né scontato, né fame, né freddo, e noi diciamo che non è l’uomo.
    Noi lo vediamo. È lo stesso del lupo. Egli attacca e offende. E noi diciamo: questo non è l’uomo. Egli fa con freddezza come fa il lupo. Ma toglie questo che sia l’uomo? Noi non pensiamo che agli offesi. O uomini! O uomo! Appena vi sia l’offesa, subito noi siamo con chi è offeso, e diciamo che è l’uomo. Sangue? Ecco l’uomo. Lacrime? Ecco l’uomo. E chi ha offeso che cos’è? Mai pensiamo che anche lui sia l’uomo. Che cosa può essere d’altro? Davvero il lupo? Diciamo oggi: è il fascismo. Anzi: il nazifascismo. Ma che cosa significa che sia il fascismo? Vorrei vederlo fuori dell’uomo, il fascismo. Che cosa sarebbe? Che cosa farebbe? Potrebbe fare quello che fa se non fosse nell’uomo di poterlo fare? Vorrei vedere Hitler e i tedeschi suoi se quello che fanno non fosse nell’uomo di poterlo fare. Vorrei vederli a cercar di farlo. Togliere loro l’umana possibilità di farlo e poi dire loro: Avanti fate. Che cosa farebbero?
    Un corno, dice mia nonna.
    Può darsi che Hitler scriverebbe lo stesso quello che ha scritto, e Rosenberg lui pure; o che scriverebbero cretinerie dieci volte peggio. Ma io vorrei vedere, se gli uomini non avessero la possibilità di fare quello che fa Clemm, prendere e spogliare un uomo, darlo in pasto ai cani, io vorrei vedere che cosa accadrebbe nel mondo con le cretinerie loro.

    Is this helpful?

    Paolo Nova said on Oct 22, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Pura poesia, anche se si parla di eventi trucissimi.

    Is this helpful?

    Jeremy said on Sep 26, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    "Splendeva il sole sulle macerie del '43"

    Perché combattere, per chi? ha senso uccidere, e uccidere quanto? uccidere come?
    Ci sono tante delle domande di Calvino nel Sentiero dei nidi di ragno. Molte conclusioni comuni (il dolore di riconoscere come fratelli anche i nemici, il travaglio dell ...(continue)

    Perché combattere, per chi? ha senso uccidere, e uccidere quanto? uccidere come?
    Ci sono tante delle domande di Calvino nel Sentiero dei nidi di ragno. Molte conclusioni comuni (il dolore di riconoscere come fratelli anche i nemici, il travaglio dell'uomo comune che diventa combattente). Tanta autoanalisi - sarà per quello che i dialoghi si fanno reiterati in modo ossessivo, quasi noioso? Ci si guardava dentro, c'era bisogno di domande chiare, prima ancora che di risposte certe.

    "Ma l'uomo può anche fare senza che vi sia nulla in lui, né patito, né scontato, né fame, né freddo e noi diciamo che non è l'uomo.
    Noi lo vediamo. E' lo stesso del lupo. Egli attacca e offende. E noi diciamo: questo non è l'uomo. (...) Che cosa può essere d'altro? Davvero il lupo?
    Diciamo oggi: è il fascismo. Anzi: il nazifascismo. Ma che cosa significa che sia il fascismo? Vorrei vederlo fuori dell'uomo, il fascismo. (...) Vorrei vedere Hitler e i tedeschi suoi se quello che fanno non fosse nell'uomo di poterlo fare."

    Is this helpful?

    Alibi said on Aug 17, 2014 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Vi è assonanza, presumibilmente, con Uomini e topi di Steinbeck e resta il frutto letterario dell'impegno civile e politico di Vittorini. E' la storia del gappista Enne 2, un intellettuale in lotta contro il male impersonato dalla ferocia del capitan ...(continue)

    Vi è assonanza, presumibilmente, con Uomini e topi di Steinbeck e resta il frutto letterario dell'impegno civile e politico di Vittorini. E' la storia del gappista Enne 2, un intellettuale in lotta contro il male impersonato dalla ferocia del capitano Clemm e del capo fascista Cane Nero. Penso proprio che con questo romanzo si aprì la strada a una letteratura resistenziale meno ancorata alla pur fertile ma già esausta produzione di tipo documentaristico. Le soluzioni linguistiche sperimentate e la struttura del romanzo attenuarono una narrazione di tipo storico-realistico e perseguirono il raggiungimento di un piano allegorico universale.

    Is this helpful?

    Daria49 said on Jun 17, 2014 | Add your feedback

  • 2 people find this helpful

    Non voglio parlare di questo libro parlando della sua trama, non gli si renderebbe giustizia! Per quanto bella essa non è centrale tantomeno importante. Essa è funzione dei bellissimi ragionamenti fatti da Vittorini ed è funzionale della rabbia e del ...(continue)

    Non voglio parlare di questo libro parlando della sua trama, non gli si renderebbe giustizia! Per quanto bella essa non è centrale tantomeno importante. Essa è funzione dei bellissimi ragionamenti fatti da Vittorini ed è funzionale della rabbia e dello squallido sentimento di vendetta che fa nascere nel lettore, tanto a spingerlo ad odiare per poi vergognarsi di avere odiato.
    Ma la domanda principale è: "(Hitler) Che cosa farebbe? Potrebbe fare quello che fa se non fosse nell'uomo di poterlo fare? Vorrei vedere Hitler e i tedeschi suoi se quello che fanno non fosse nell'uomo di poterlo fare. Vorrei vederli a cercar di farlo. Togliere loro l'umana possibilità farlo e poi dire loro: Avanti, fate. Che cosa farebbero? Un corno, dice mia nonna."
    Un corno. Se tutto quel male e tutta quella perfidia non fosse in qualche modo intrinseca nell'animo umano, non fosse parte di noi, parte che, alcuni, han più sviluppata di altri ma, comunque, parte di noi, tutto quello che è stato l'orrore della seconda guerra mondiale non sarebbe potuto accadere. Noi siamo anche quel male. Purtroppo.
    L'uomo però non credo sia da biasimare ma da capire. Capire per non ripetere. Vittorini ci insegna a capirci più che ha raccontarci dei fatti, ed è la cosa più importante.
    Gran bel libro.

    Is this helpful?

    Paranoid Android (Meno male che Anobii c'è!) said on Apr 16, 2014 | Add your feedback

Book Details

Improve_data of this book