Uomini e topi

Di

Editore: Bompiani

4.2
(5373)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 128 | Formato: Altri | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Spagnolo , Chi tradizionale , Tedesco , Francese , Svedese , Olandese , Portoghese , Turco , Catalano , Danese

Isbn-10: 8845219763 | Isbn-13: 9788845219764 | Data di pubblicazione:  | Edizione 13

Traduttore: Cesare Pavese

Disponibile anche come: Paperback , Tascabile economico , Copertina morbida e spillati , Copertina rigida , eBook

Genere: Narrativa & Letteratura , Storia , Scienze Sociali

Ti piace Uomini e topi?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    4

    "...E noi vivremo del grasso della terra"

    E' il racconto di un sogno, o meglio è il racconto di come ci si possa aggrappare ad un sogno per andare avanti. Siamo negli anni bui della Grande Depressione americana (oppure potremmo essere nei gio ...continua

    E' il racconto di un sogno, o meglio è il racconto di come ci si possa aggrappare ad un sogno per andare avanti. Siamo negli anni bui della Grande Depressione americana (oppure potremmo essere nei giorni nostri, chissà!). E' il racconto di un'amicizia (Lennie e George) portata fino agli estremi; è anche il racconto di come spesso la vita sia dura ed ingiusta verso gli indifesi e i deboli.
    "Come talvolta avviene, un attimo discese e si librò e durò molto più che un attimo. E il suono tacque e il movimento tacque, per molto molto più che un attimo.
    Poi gradualmente il tempo si ridestò e riprese a trascorrere lento."

    ha scritto il 

  • 0

    Rude, tough dialogues. Poignant statement of human loliness. Isolated and rootless existence of the itinerants. Very incisive novella.
    Reading the Introduction is recommended.

    ha scritto il 

  • 3

    contrasti ...

    Il morbido del pelo di topi/e* vs il ruvido delle mani degli uomini.

    p. 85
    "I libri non servono a niente. A un uomo occorre qualcuno ... che gli stia accanto"

    * (/i) Lennie erculeo gigante ritardato, ...continua

    Il morbido del pelo di topi/e* vs il ruvido delle mani degli uomini.

    p. 85
    "I libri non servono a niente. A un uomo occorre qualcuno ... che gli stia accanto"

    * (/i) Lennie erculeo gigante ritardato, appassionato di superfici vellutate, come il pelo di conigli o in mancaza d'altro di un topolino.
    (/e) Curley, figlio del padrone, ex-pugile galletto attaccabrighe, gira con un guanto riempito di vasellina per tenere la mano morbida per diletto dell'allegra mogliettina.

    ha scritto il 

  • 5

    Io sogno è ciò che ha sempre spinto gli uomini ad "andare avanti", proprio come i protagonisti che pur di raggiungere un traguardo o un "sogno" sono disposti a tutto... In poche pagine è racchiuso un ...continua

    Io sogno è ciò che ha sempre spinto gli uomini ad "andare avanti", proprio come i protagonisti che pur di raggiungere un traguardo o un "sogno" sono disposti a tutto... In poche pagine è racchiuso un desiderio che coinvolge ogni individuo che racchiude dentro un cassetto l'immagine di un futuro che spera di raggiungere e forse un giorno, di vivere.

    ha scritto il 

  • 5

    Purtroppo breve

    Il mio secondo Steinbeck. Il mio secondo viaggio in quella terra lontana nello spazio e nel tempo in cui il benessere consiste nel possedere (o anche solo sognare) un pezzo di terra; il lusso nel pote ...continua

    Il mio secondo Steinbeck. Il mio secondo viaggio in quella terra lontana nello spazio e nel tempo in cui il benessere consiste nel possedere (o anche solo sognare) un pezzo di terra; il lusso nel poterla coltivare e vivere del suo "grasso".
    Uomini e topi è la storia semplice e struggente dell'amicizia tra due uomini: uno sano, forte e povero. L'altro forte, troppo forte, sano, ma non di mente, e povero. Entrambi al limite dell'indigenza come chiunque li circondi ma ricchi di quell'amicizia per lo più sconosciuta a quei tempi, che li porta a viaggiare insieme. A cercare lavoro insieme. A proteggersi - ognuno a proprio modo - a vicenda.
    Un uomo e un bambino della stessa età, girano tra i ranch della California per lavorare e poter sopravvivere. Vivendo nelle baracche insieme ad altri braccianti. Nutrendosi miseramente. E' una realtà così lontana dalla mia che quasi fatico a immaginarla, ma che trovo estremamente affascinante. Perché quando manca tutto non abbiamo che noi stessi. Ci si prende cura di chi ci sta vicino, anche se non fa che combinare guai. E non per cattiveria, ma perché il mondo è un luogo crudele con i bambini. Spietato con quelli troppo cresciuti.
    Uomini e topi è un romanzo commovente, delicato pur nella sua crudezza; sicuramente da leggere.

    ha scritto il 

  • 4

    Sogni, amicizia e vita vista attraverso gli occhi di chi soffre ecco gli ingredienti per questo romanzo. Che Steinbeck sappia scrivere questo è assodato ma che lo facesse cosi bene non lo sapevo. Prim ...continua

    Sogni, amicizia e vita vista attraverso gli occhi di chi soffre ecco gli ingredienti per questo romanzo. Che Steinbeck sappia scrivere questo è assodato ma che lo facesse cosi bene non lo sapevo. Primo romanzo che leggo di questo autore, acquistato da me perché breve e tanto per farmi un’idea dello stile, in poche pagine ha saputo concentrare un mix di emozioni, i personaggi sono descritti in maniera tridimensionale e chi legge non solo vede George e Lennie e tutti gli altri ma sei proprio li con loro durante il loro lavoro il loro sognare ad occhi aperti una vita migliore… ma non è oro tutto quello che luccica…

    ha scritto il 

  • 4

    Un romanzo magistrale, forse non un capolavoro, ma comunque queste 118 pagine meritano davvero di essere lette. Uno spaccato della società americana del 900 con la crisi economica . L'ho letto nella ...continua

    Un romanzo magistrale, forse non un capolavoro, ma comunque queste 118 pagine meritano davvero di essere lette. Uno spaccato della società americana del 900 con la crisi economica . L'ho letto nella traduzione di Cesare Pavese, che è veramente troppo datata.

    ha scritto il 

Ordina per
Ordina per
Ordina per