Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Uscita di sicurezza

Di

Editore: Longanesi

3.9
(120)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 248 | Formato: Paperback

Isbn-10: A000119719 | Data di pubblicazione: 

Disponibile anche come: Altri , Copertina rigida , Tascabile economico

Genere: Biography , History , Non-fiction

Ti piace Uscita di sicurezza?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Gli scritti qui raccolti dopo una lunga revisione costituiscono un'ideale autobiografia di Silone e si leggono quindi come il libro forse fondamentale dello scrittore, l'immagine prima di quella amara e leale esperienza di vita da cui egli trarrà la sua stessa vocazione letteraria. Dalle più antiche raffigurazioni di una adolescenza vissuta nel fondo della provincia italiana, tra i "cafoni" resi immortali nei suoi romanzi, al maturarsi di una radicale ribellione all'ingiustizia sociale e alla miseria; al periodo di milizia politica nel Partito comunista; al distacco da quel partito per un rifiuto assoluto di ogni totalitarismo, distacco che è il nodo centrale, drammatico, della sua intera esistenza, sino alla riflessione dei motivi contraddittori e reali che rendono ambiguo l'evolversi della società contemporanea, questo libro ci offre il ritratto di un uomo coerente, di appassionata tempra morale sotto l'apparente disincantato distacco dalle passioni, e lucidamente vigile di fronte alle più pesanti intimidazioni della storia. "Uscita di sicurezza" che nel 1965 ha vinto il premio Marzotto per la letteratura, è quindi il libro che meglio rappresenta la personalità di Silone: la sua scarna efficacia di narratore si applica ad una testimonianza di libertà che ha un rilievo senza uguali nella storia della sua generazione, e si colora di un alto ammonimento morale.
Ordina per
  • 3

    Adoro silone, ma alcuni capitoli in questo libro mi sono sembrati privi di filo logico o comunque non interessanti per un lettore contemporaneo. Eccellente la parte biografica iniziale, come i capitoli sulla disillusione sovietica, pero' poi il tutto scade per alcuni capitoli, fino a ritornare a ...continua

    Adoro silone, ma alcuni capitoli in questo libro mi sono sembrati privi di filo logico o comunque non interessanti per un lettore contemporaneo. Eccellente la parte biografica iniziale, come i capitoli sulla disillusione sovietica, pero' poi il tutto scade per alcuni capitoli, fino a ritornare a buoni livelli con l'analisi della civilta di massa e del potere dei media.

    Come simil saggio, meglio la scuola dei dittatori

    ha scritto il 

  • 4

    Un libro di non facile lettura, ma molto interessante e illuminante, sia nella parte più personale di questa sorta di autobiografia (bellissima la vicenda legata a Don Orione)che in quella più legata alle vicende politiche..


    "Bisogna essere sempre pronti a mutare di parte come la giusti ...continua

    Un libro di non facile lettura, ma molto interessante e illuminante, sia nella parte più personale di questa sorta di autobiografia (bellissima la vicenda legata a Don Orione)che in quella più legata alle vicende politiche..

    "Bisogna essere sempre pronti a mutare di parte come la giustizia, questa fuggiasca dal campo dei vincitori."

    ha scritto il 

  • 0

    Libro complesso. Famoso per il capitolo che dà il titolo all’opera come lucida denuncia dello stalinismo e delle distorsioni del comunismo – memorabile la descrizione delle riunioni dell’Internazionale – a me pare parecchio efficace nelle parti dove rievoca la miseria della sua terra ed il suo le ...continua

    Libro complesso. Famoso per il capitolo che dà il titolo all’opera come lucida denuncia dello stalinismo e delle distorsioni del comunismo – memorabile la descrizione delle riunioni dell’Internazionale – a me pare parecchio efficace nelle parti dove rievoca la miseria della sua terra ed il suo legame ad essa.

    ha scritto il 

  • 5

    Un libro che può benissimo esser diviso in due parti: una fortemente autobiografica e l'altra invece un interessantissimo saggio politico.
    La parte autobiografica tratta delle esperienze di gioventù che han portato Silone a scrivere i suoi romanzi o, per lo meno, ad ambientarli nella sua te ...continua

    Un libro che può benissimo esser diviso in due parti: una fortemente autobiografica e l'altra invece un interessantissimo saggio politico.
    La parte autobiografica tratta delle esperienze di gioventù che han portato Silone a scrivere i suoi romanzi o, per lo meno, ad ambientarli nella sua terra natia e a creare i personaggi che ha creato. Questi brevi saggi difatti ritraggono la sua terra durante e dopo il terremoto, il suo incontro con Don Orione, incontro che segnerà per sempre la sua vita, la sua vita in esilio, l'amarezza per la prigionia del fratello ecc...
    Nella seconda parte, nello specifico il saggio intitolato "uscita di sicurezza", narra la sua esperienza al fianco di Togliatti nell'internazionale comunista ed i suoi viaggi in Urss ed in giro per l'europa. Esso è una incredibile testimonianza di quello che accadde nel parito comunista russo durante l'espulsione di Trozky, della mentalità della dittatura comunista e dei retroscena che diedero vita ad una delle più sanguinarie dittature di tutti i tempi. Silone analizza questi avvenimenti con distacco e con l'umiltà di colui che ammette di aver sbagliato ad appoggiare, anche se per un breve periodo, questo mostro. Parla della sua fuga dal partito e da quanto ha dovuto subire per fuggirne!! Parla della censura, degli errori dei partiti comunisti e dei loro equilibrismi di pensiero nell'accettare e giustificare la dittatura russa.
    In un altro saggio analizza a 360 gradi la moderna società del benessere. Anch'esso è molto interessante nonche molto attuale.
    Insomma, Silone si conferma, a amio avviso, uno dei più grandi analisti politici e sociali a cavallo delle due guerre e del primo dopoguerra. Quella che ci ha lasciato è una testimonianza importantissima di umiltà, di valori e di coraggio. Un autore che andrebbe letto. Letto e riletto.

    ha scritto il 

  • 5

    "Uno dei giovani tedeschi da me conosciuti nell'altro dopoguerra negli incontri internazionali della gioventù comunista, un pover'uomo che seguii e osservai per molti anni, e che vidi passare per dure esperienze e soffrire ogni sorta di guai, fame, carcere, emigrazione per opera dei nazisti e, qu ...continua

    "Uno dei giovani tedeschi da me conosciuti nell'altro dopoguerra negli incontri internazionali della gioventù comunista, un pover'uomo che seguii e osservai per molti anni, e che vidi passare per dure esperienze e soffrire ogni sorta di guai, fame, carcere, emigrazione per opera dei nazisti e, quel che è peggio, sospetti, calunnie, persecuzioni per colpa dei compagni, l'anno scorso è stato da me e alla fine del racconto delle sue tribolazioni, mi ha confidato con la voce di chi comunica una grande scoperta:"Bisognerebbe fare agli altri quello che noi stessi vorremmo che gli altri facciano a noi.""
    "Bisogna essere sempre pronti a mutare di parte come la giustizia, questa fuggiasca dal campo dei vincitori."

    ha scritto il 

  • 5

    In queste pagine Silone si racconta,ci parla degli eventi che hanno fatto parte della sua vita,dall'infanzia colpita anche dalla devastazione del terremoto,del suo incontro con Don Orione,della sua travagliata militanza politica nel PCI. Questi racconti sono una testimonianza storica e politica d ...continua

    In queste pagine Silone si racconta,ci parla degli eventi che hanno fatto parte della sua vita,dall'infanzia colpita anche dalla devastazione del terremoto,del suo incontro con Don Orione,della sua travagliata militanza politica nel PCI. Questi racconti sono una testimonianza storica e politica dell'Italia di quegli anni.
    Il suo grande senso di autonomia del pensiero lo esprime ad esempio con le parole "forti" usate per spiegare il suo concetto di libertà ad una persona in Russia provocandone sconcerto e incredulità che lo portano a dedurre che "non vi è peggior schiavitù di quella che s'ignora".

    ha scritto il 

  • 4

    Raccolta di scritti di Ignazio Silone che ripercorrono i temi per cui lo scrittore è diventato noto nel mondo: La miseria dei "cafoni" abruzzesi durante il periodo del fascismo, la storia del socialismo e del comunismo in Italia, l'analisi della nuova società consumista e ostentatrice sorta dal m ...continua

    Raccolta di scritti di Ignazio Silone che ripercorrono i temi per cui lo scrittore è diventato noto nel mondo: La miseria dei "cafoni" abruzzesi durante il periodo del fascismo, la storia del socialismo e del comunismo in Italia, l'analisi della nuova società consumista e ostentatrice sorta dal miracolo economico. Testimonianza importante di uno dei periodi più delicati della nostra Storia, scritta con tono lucido e partecipativo.

    ha scritto il