Originariamente scritto in latino nel 1516, questo libro rappresenta a buon titolo il prototipo moderno della letteratura utopistica e visionaria. Suddiviso in due parti, il libro è incentrato sul dialogo di More con Raffaele Itlodeo ("il chiacchiero ...Continua
Maurizio Colleoni
Ha scritto il 10/04/17
willer86
Ha scritto il 25/02/17

ottima "guida" su come organizzare e gestire uno stato/città ideale

Bruno_84
Ha scritto il 18/12/16
Scherzando, si potrebbe dire, che ogni cittadino prima di diventare elettore dovrebbe sostenere un esame su questo libro. Tornando seri, questi giorni lo leggevo, mi chiedevo chiedevo proprio se, Karl Marx mentre esponeva le sue tesi sulla proprietà...Continua
Diceros
Ha scritto il 12/05/16
Letto, in occasione del 500° anniversario, nell’edizione casalinga del 1982 offre ancora spunti notevoli di riflessione sulla politica, la libertà religiosa, l’organizzazione dello stato ed i diritti dei cittadini. Nella prima parte Moro discetta sul...Continua
Ajeje Brazov
Ha scritto il 19/04/16
L'idea di fondo, di questo racconto, è molto buona e "nobile" (come si dice) e cioè l'eliminazione della povertà e della ricchezza, dove tutti hanno da mangiare, tutti stanno bene ecc... Nella prima parte (le prime 30-35 pagine) si parla di come la s...Continua

Alesya
Ha scritto il Mar 03, 2018, 11:26
Qualunque sia la fabula in cui ti trovi, recita la tua parte fino in fondo, cercando di farla fruttare il più possibile. Non rovinare il tutto solo perché ti viene in mente un'altra trama più bella e felice. In una repubblica è la stessa cosa, e anch...Continua
Pag. 56
Mariguiraud
Ha scritto il Apr 16, 2016, 17:28
Cercare il proprio vantaggio, senza violar queste leggi, è saggezza, cercar poi quello di tutti è religione. Ma andare a spezzare il piacere altrui pur di conseguire il proprio è ingiustizia veramente.
Mariguiraud
Ha scritto il Apr 16, 2016, 17:26
Disguazzare, soli, fra i piaceri e le delizie, quando tutti gli altri d'intorno gemono lamentandosi, vuol dire, non c'è dubbio, essere custode di un carcere, non di un regno.
Mariguiraud
Ha scritto il Apr 16, 2016, 17:25
[La pena di morte] per punire il furto è troppo crudele, ma è insufficiente a porvi freno. Né poi un semplice furto è sì gran delitto, che si debba colpir nel corpo, né esiste pena tanto grande che impedisca di rubare chi non ha altro mezzo per cerca...Continua
Mariguiraud
Ha scritto il Apr 16, 2016, 17:22
Il barbaro respinge con durezza tutto ciò che non è barbaro, chi ha un po' di gusto disprezza come volgare tutto ciò che non brulica di parole in disuso, a taluni piace solamente l'antico, alla maggior parte soltanto il suo.

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una nota!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi