Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Vacanze inglesi

Di

Editore: Il Saggiatore

3.3
(24)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: | Formato: Altri

Isbn-10: 884281511X | Isbn-13: 9788842815112 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: M. Pensante

Ti piace Vacanze inglesi?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 3

    Sì, è bello. Sì, è frizzante. Sì, Connolly sa scrivere e far ridere.
    Ma dopo un po' il giocattolo si rompe. Bisogna anche saper gestire la mole di un testo. E questo libro è sicuramente troppo lungo. All'inizio l'ho trovato davvero brillante e divertente, ma già a metà ero un po' "stomacato" e ne ...continua

    Sì, è bello. Sì, è frizzante. Sì, Connolly sa scrivere e far ridere. Ma dopo un po' il giocattolo si rompe. Bisogna anche saper gestire la mole di un testo. E questo libro è sicuramente troppo lungo. All'inizio l'ho trovato davvero brillante e divertente, ma già a metà ero un po' "stomacato" e ne avevo abbastanza dello stile eccessivamente cinico e disinvolto dell'autore. Arrivare in fondo è stato arduo.

    Avete presente quei sidri di mele frizzantini e all'apparenza freschissimi e zuccherini al punto giusto, ma che nascondono una dolcezza eccessiva e dopo poche sorsate già ti nauseano un po'? Ecco, qualcosa del genere.

    ha scritto il 

  • 3

    Si, divertente, ma cavolo è anche cinico e cattivo. Ora mi è venuta voglia di leggere una storia piena di retorica e buoni sentimenti per compensare.

    ha scritto il 

  • 5

    Ma dai. Davvero questo libro mi ha fatto ridere come un matto nel mezzo della notte? Davvero l'umorismo inglese at its very best può essere di tale qualità e una scrittura allegra e briosa farti sorridere gli occhi?
    Inutile riassumere la trama, un semplice pretesto per seguire le fila di 8-1 ...continua

    Ma dai. Davvero questo libro mi ha fatto ridere come un matto nel mezzo della notte? Davvero l'umorismo inglese at its very best può essere di tale qualità e una scrittura allegra e briosa farti sorridere gli occhi?
    Inutile riassumere la trama, un semplice pretesto per seguire le fila di 8-10 personaggi in vacanza alle prese con amanti, tradimenti, micidiali doppi sensi, sesso selvaggio.
    Forse più utile ribadire di essere alle prese con un capolavoro, leggero e aereo come un soufflé, che si legge in poco tempo malgrado il consistente numero di pagine, e di ridere, e tanto.
    Splendida copertina, traduzione problematica per i giochi di parole (la storia del "sordo" in italiano non ha senso, "dead" e "deaf" si assomigliano, "morto" e "sordo" per niente) ma in fondo riuscita, uno dei libri più belli di quest'anno

    ha scritto il 

  • 5

    STREPITOSO!

    Erano anni che un libro non mi faceva ridere così tanto. Forse da "Agnes Browne ragazza" o addirittura "Tre uomini in barca" di Jerome k. Jerome.


    Una medicina per l'umore da utilizzare quando la giornata è stata stremante o siete semplicemente giù di corda: un capitolo di questo libro vi ...continua

    Erano anni che un libro non mi faceva ridere così tanto. Forse da "Agnes Browne ragazza" o addirittura "Tre uomini in barca" di Jerome k. Jerome.

    Una medicina per l'umore da utilizzare quando la giornata è stata stremante o siete semplicemente giù di corda: un capitolo di questo libro vi riconcilierà con la vita.

    I personaggi (tanti) ruotano attorno ad una vacanza al mare in Inghiletrra. Amore, scoperte, equivoci, doppi sensi, tutto reso in maniera intelligente e scorrevole. Un must da avere per la stagione invernale. Fatevi un favore e correte a comprarlo: costa meno degli antidepressivi!!

    ha scritto il 

  • 2

    Perfetta descrizione della middle class inglese, esattamente come ce la immagineremmo...ma a mio avviso, nonostante una narrazione molto divertente, alla fine il libro risulta inconcludente e ahimè deludente.
    Mi aspettavo senza dubbio di più.

    ha scritto il