Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Vade retro!

Manuale di autodifesa dalle religioni (quasi tutte)

Di

Editore: Aliberti

3.6
(56)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 171 | Formato: Paperback

Isbn-10: 8874248091 | Isbn-13: 9788874248094 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Curatore: Stefano Andreoli , Alessandro Bonino ; Illustratore o Matitista: Vauro Senesi

Genere: Humor , Religion & Spirituality

Ti piace Vade retro!?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Frutto del collettivo satirico più noto della rete italiana, questo libro illustra in chiave umoristica le principali religioni, da quelle classiche a quelle più recenti, nelle quali potremmo imbatterci nei nostri giorni. Dal Cristianesimo all'Islam, passando per Buddismo e Scientology, fino ai nuovi paganesimi: dal culto dell'Ikea a quello della Apple, dall'omeopatia alla new age, fino al calcio e alle lotterie. Una esilarante guida alternativa ai pericoli della fede, al grido di "Dubitare è facile, se sai come farlo".
Ordina per
  • 3

    Esercizi di sarcasmo e di scetticismo, svelamento delle assurdità rese occulte dalla fede. Per difendersi da religioni, idolatrie, credenze, fanatismi, superstizioni e mode ossessive, può servire un manuale che descriva i sintomi della malattia e suggerisca le possibili precauzioni. La satira è d ...continua

    Esercizi di sarcasmo e di scetticismo, svelamento delle assurdità rese occulte dalla fede. Per difendersi da religioni, idolatrie, credenze, fanatismi, superstizioni e mode ossessive, può servire un manuale che descriva i sintomi della malattia e suggerisca le possibili precauzioni. La satira è di per sé una cura: non può fermarsi davanti a niente, dissacrante in quanto tale.

    Il collettivo che produce Spinoza.it – il blog creato da Stefano Andreoli e Alessandro Bonino nel 2006 – ha qui raccolto 31 autori (solo 3 donne, chissà perché), esibendo doti non comuni: la lettura è divertente, non mancano sprazzi esilaranti, di solito costruiti su bruschi cambiamenti di tono, passando dal serio al faceto. Esempio: “Siamo tuttavia in un periodo in cui le religioni ufficiali stanno vivendo un momento di declino, da un lato a causa dell’alfabetizzazione delle scoperte scientifiche, dall’altro grazie al supporto di Giuliano Ferrara”… Quanto a Vauro, è nota la sua propensione all’irriverenza, innanzitutto verso le gerarchie vaticane.

    Alla continua ricerca di battute fulminanti, il libro è ovviamente discontinuo, le diversità di stile resistono all’armonizzazione dei coordinatori, e alcune parti appariranno meno incisive di altre. Vengono presi in rassegna il Cristianesimo e il Buddismo, Ebraismo e Confucianesimo, ma anche il Berlusconismo e l’Ikeismo, si passa dall’Islam all’Omeopatia, dal Luteranesimo all’Animismo, dall’Oroscopismo al Padanesimo (Dio Po), dal culto della Mela (Apple) a quello del Calcio, da Scientology ai Testimoni di Geova, e si scopre che tutti i culti – compreso un certo tipo di Ateismo – hanno qualcosa in comune: riti, intolleranze, intransigenze, il disperato (a volte ridicolo) bisogno di rispondere a domande di senso. Due capitoletti brillano per cattiveria, dedicandosi agli “svuotatasche” legalizzati, i giochi d’azzardo, altrimenti detti Lotterismo e Sfregantismo (gratta e vinci). Non può mancare il Dio Denaro, venerato a tutte le latitudini, probabilmente il culto che ha edificato il maggior numero di templi: le banche. Viene “additato come la principale causa di tutte le più grandi sciagure della storia umana (guerre, violenze, abusi di potere, matrimoni, passaggio di Eto’o all’Anzhi)”...

    ha scritto il 

  • 3

    Premesso che non sono ateo, mi chiedo dove sia andata a finire la comicità che ha caratterizzato il resto del libro quando, nell'ultimo capitolo gli atei vengono additati come "poveri pezzi di merda" che negano "che Dio esiste e governa in ogni luogo e potrebbe schiacciarvi in qualunque momento c ...continua

    Premesso che non sono ateo, mi chiedo dove sia andata a finire la comicità che ha caratterizzato il resto del libro quando, nell'ultimo capitolo gli atei vengono additati come "poveri pezzi di merda" che negano "che Dio esiste e governa in ogni luogo e potrebbe schiacciarvi in qualunque momento come formiche". Un'invettiva che sfiora il fanatismo. Mi riferisco a frasi del tipo "E quindi? direte voi. E quindi dobbiamo fermarli." oppure ad affermazioni insensate e senza alcuna spiegazione come "la religione più pericolosa inventata dall'uomo"... perché mai?!? Tuttavia, se si riesce a resistere alla delusione suscitata da quest'ultimo capitolo, o meglio a saltarlo del tutto durante la lettura, consiglio vivamente il Manuale di autodifesa dalle religioni. Quelle vere.

    ha scritto il 

  • 4

    Incompleto

    Simpatico e divertente, anche se soffre molto il fatto d'essere scritto da parecchi autori diversi (manca d'omogeneità stilistica nei vari capitoli). Peccato sia così breve, e che tantissime religioni manchino; speriamo in un secondo volume.

    ha scritto il 

  • 4

    Non c'è miglior libro di questo da leggere prima di addormentarsi: capitoli brevi e divertenti, che fanno fare delle sane e rumorose risate prima di cadere fra le braccia di Orfeo (medicina buona per ogni male).
    Estremamente istruttivi, oltre che esilaranti, i capitoli "Il Denaro", "L'Oroscopismo ...continua

    Non c'è miglior libro di questo da leggere prima di addormentarsi: capitoli brevi e divertenti, che fanno fare delle sane e rumorose risate prima di cadere fra le braccia di Orfeo (medicina buona per ogni male). Estremamente istruttivi, oltre che esilaranti, i capitoli "Il Denaro", "L'Oroscopismo", "Il Lotterismo" e "Lo Sfregantismo".

    Unica avvertenza, se credete di essere Cristiani, per non rischiare "piccarvi" e abbandonare la lettura, saltate il primo capitolo e leggete prima un po' di quelli seguenti.

    ha scritto il 

  • 2

    Considerando l'eccellente qualità del blog, questo libro non può che essere una delusione. Poche cose buone ci sono, ma fanno solo un po' ridere e non gettano uno sguardo critico e soprattutto nuovo sull'oggetto della battuta, e quindi non mi hanno permesso di formulare un pensiero nuovo. Lettura ...continua

    Considerando l'eccellente qualità del blog, questo libro non può che essere una delusione. Poche cose buone ci sono, ma fanno solo un po' ridere e non gettano uno sguardo critico e soprattutto nuovo sull'oggetto della battuta, e quindi non mi hanno permesso di formulare un pensiero nuovo. Lettura, senza nessuna offesa, adattissima al gabinetto.

    ha scritto il 

  • 3

    "Il Berlusconismo è una religione monoteista diffusa principalmente in Italia e ad Antigua. Differisce dagli altri monoteismi come Ebraismo, Islam e Cristianesimo perché non pone la divinità in una dimensione trascendente, ma nel nostro mondo di tutti i giorni, proprio in mezzo ai coglioni" ...continua

    "Il Berlusconismo è una religione monoteista diffusa principalmente in Italia e ad Antigua. Differisce dagli altri monoteismi come Ebraismo, Islam e Cristianesimo perché non pone la divinità in una dimensione trascendente, ma nel nostro mondo di tutti i giorni, proprio in mezzo ai coglioni"

    E' il risultato di un vasto collettivo di scrittori satirici, quindi la qualità è etereogenea. Comunque la media è alta.

    ha scritto il 

  • 0

    Una dissacrante disamina di culti, religioni e miti moderni elevati a filosofia di vita o teismo, affrontata con ironia e sberleffo dal collettivo di Spinoza.it e arricchita dalle vignette di Vauro. Si passa dalle religioni ufficiali al Melanesimo (vedi Apple) o Gratta&Vinci, con tanto di consigl ...continua

    Una dissacrante disamina di culti, religioni e miti moderni elevati a filosofia di vita o teismo, affrontata con ironia e sberleffo dal collettivo di Spinoza.it e arricchita dalle vignette di Vauro. Si passa dalle religioni ufficiali al Melanesimo (vedi Apple) o Gratta&Vinci, con tanto di consigli sulle modalità di difesa. Un libro cattivo, nel senso buono, per prendersi in giro e da consigliare solo a chi è tollerante e irriverente.

    ha scritto il