Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Vade retro!

Manuale di autodifesa dalle religioni (quasi tutte)

By Spinoza.it

(99)

| Paperback | 9788874248094

Like Vade retro! ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

Frutto del collettivo satirico più noto della rete italiana, questo libro illustra in chiave umoristica le principali religioni, da quelle classiche a quelle più recenti, nelle quali potremmo imbatterci nei nostri giorni. Dal Cristianesimo all'Islam, Continue

Frutto del collettivo satirico più noto della rete italiana, questo libro illustra in chiave umoristica le principali religioni, da quelle classiche a quelle più recenti, nelle quali potremmo imbatterci nei nostri giorni. Dal Cristianesimo all'Islam, passando per Buddismo e Scientology, fino ai nuovi paganesimi: dal culto dell'Ikea a quello della Apple, dall'omeopatia alla new age, fino al calcio e alle lotterie. Una esilarante guida alternativa ai pericoli della fede, al grido di "Dubitare è facile, se sai come farlo".

15 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Esercizi di sarcasmo e di scetticismo, svelamento delle assurdità rese occulte dalla fede. Per difendersi da religioni, idolatrie, credenze, fanatismi, superstizioni e mode ossessive, può servire un manuale che descriva i sintomi della malattia e sug ...(continue)

    Esercizi di sarcasmo e di scetticismo, svelamento delle assurdità rese occulte dalla fede. Per difendersi da religioni, idolatrie, credenze, fanatismi, superstizioni e mode ossessive, può servire un manuale che descriva i sintomi della malattia e suggerisca le possibili precauzioni. La satira è di per sé una cura: non può fermarsi davanti a niente, dissacrante in quanto tale.

    Il collettivo che produce Spinoza.it – il blog creato da Stefano Andreoli e Alessandro Bonino nel 2006 – ha qui raccolto 31 autori (solo 3 donne, chissà perché), esibendo doti non comuni: la lettura è divertente, non mancano sprazzi esilaranti, di solito costruiti su bruschi cambiamenti di tono, passando dal serio al faceto. Esempio: “Siamo tuttavia in un periodo in cui le religioni ufficiali stanno vivendo un momento di declino, da un lato a causa dell’alfabetizzazione delle scoperte scientifiche, dall’altro grazie al supporto di Giuliano Ferrara”… Quanto a Vauro, è nota la sua propensione all’irriverenza, innanzitutto verso le gerarchie vaticane.

    Alla continua ricerca di battute fulminanti, il libro è ovviamente discontinuo, le diversità di stile resistono all’armonizzazione dei coordinatori, e alcune parti appariranno meno incisive di altre. Vengono presi in rassegna il Cristianesimo e il Buddismo, Ebraismo e Confucianesimo, ma anche il Berlusconismo e l’Ikeismo, si passa dall’Islam all’Omeopatia, dal Luteranesimo all’Animismo, dall’Oroscopismo al Padanesimo (Dio Po), dal culto della Mela (Apple) a quello del Calcio, da Scientology ai Testimoni di Geova, e si scopre che tutti i culti – compreso un certo tipo di Ateismo – hanno qualcosa in comune: riti, intolleranze, intransigenze, il disperato (a volte ridicolo) bisogno di rispondere a domande di senso. Due capitoletti brillano per cattiveria, dedicandosi agli “svuotatasche” legalizzati, i giochi d’azzardo, altrimenti detti Lotterismo e Sfregantismo (gratta e vinci). Non può mancare il Dio Denaro, venerato a tutte le latitudini, probabilmente il culto che ha edificato il maggior numero di templi: le banche. Viene “additato come la principale causa di tutte le più grandi sciagure della storia umana (guerre, violenze, abusi di potere, matrimoni, passaggio di Eto’o all’Anzhi)”...

    Is this helpful?

    Rudi said on Feb 22, 2013 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Premesso che non sono ateo, mi chiedo dove sia andata a finire la comicità che ha caratterizzato il resto del libro quando, nell'ultimo capitolo gli atei vengono additati come "poveri pezzi di merda" che negano "che Dio esiste e governa in ogni luogo ...(continue)

    Premesso che non sono ateo, mi chiedo dove sia andata a finire la comicità che ha caratterizzato il resto del libro quando, nell'ultimo capitolo gli atei vengono additati come "poveri pezzi di merda" che negano "che Dio esiste e governa in ogni luogo e potrebbe schiacciarvi in qualunque momento come formiche". Un'invettiva che sfiora il fanatismo. Mi riferisco a frasi del tipo "E quindi? direte voi. E quindi dobbiamo fermarli." oppure ad affermazioni insensate e senza alcuna spiegazione come "la religione più pericolosa inventata dall'uomo"... perché mai?!? Tuttavia, se si riesce a resistere alla delusione suscitata da quest'ultimo capitolo, o meglio a saltarlo del tutto durante la lettura, consiglio vivamente il Manuale di autodifesa dalle religioni. Quelle vere.

    Is this helpful?

    Great Scutu said on Oct 20, 2012 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Ottimo libro da leggere in vacanza, sotto l'ombrellone o in un momento di relax, ironico, sarcastico, dissacrante!

    Is this helpful?

    Fabioboss said on Jul 24, 2012 | 2 feedbacks

  • 1 person finds this helpful

    Sinusoidale

    Libro altalenante, con punte esilaranti alternate a passi decisamente sottotono. I ragazzi di Spinoza.it sanno fare di meglio.

    Is this helpful?

    Diego Rosato said on May 26, 2012 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Incompleto

    Simpatico e divertente, anche se soffre molto il fatto d'essere scritto da parecchi autori diversi (manca d'omogeneità stilistica nei vari capitoli).
    Peccato sia così breve, e che tantissime religioni manchino; speriamo in un secondo volume.

    Is this helpful?

    Leonardo Broseghini said on Apr 23, 2012 | Add your feedback

Book Details

  • Rating:
    (99)
    • 5 stars
    • 4 stars
    • 3 stars
    • 2 stars
    • 1 star
  • Paperback 171 Pages
  • ISBN-10: 8874248091
  • ISBN-13: 9788874248094
  • Publisher: Aliberti
  • Publish date: 2011-12-07
Improve_data of this book

Groups with this in collection