Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Vele e cannoni

Di

Editore: Il Mulino (Intersezioni)

4.0
(120)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 184 | Formato: Paperback

Isbn-10: 8815072985 | Isbn-13: 9788815072986 | Data di pubblicazione: 

Disponibile anche come: Altri

Genere: Business & Economics , History , Science & Nature

Ti piace Vele e cannoni?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Il saggio riesamina l'espansione dell'Europa rinascimentale a partire dalla tecnologia. La costruzione di un nuovo tipo di navi e, a seguito dell'invenzione della polvere da sparo, di nuove armi determinò infatti quella supremazia che rese possibili le grandi scoperte geografiche e l'espansione coloniale dei paesi europei oltreoceano.
Ordina per
  • 3

    Costretta a studiarlo per l'esame di Storia Moderna, devo dire che alla fine è risultato interessante e scritto bene. Questo nonostante l'argomento (sì, avete capito bene, parla esattamente di VELE ...continua

    Costretta a studiarlo per l'esame di Storia Moderna, devo dire che alla fine è risultato interessante e scritto bene. Questo nonostante l'argomento (sì, avete capito bene, parla esattamente di VELE e CANNONI....capiamoci.)

    ha scritto il 

  • 4

    breve ma intenso. Non si tratta solo di descrivere gli sviluppi della tecnologia navale e militare ma di capire perchè questi sviluppi si siano verificati in europa e non in altri continenti. stile ...continua

    breve ma intenso. Non si tratta solo di descrivere gli sviluppi della tecnologia navale e militare ma di capire perchè questi sviluppi si siano verificati in europa e non in altri continenti. stile narrativo molto fluido.

    ha scritto il 

  • 4

    Benedetta guerra, dannata guerra.

    --- Le vie del progresso hanno attraversato così spesso i campi di battaglia, nella storia dell'uomo, che sembra difficile immaginare il presente prescindendo dalla forza generatrice di innovazione ...continua

    --- Le vie del progresso hanno attraversato così spesso i campi di battaglia, nella storia dell'uomo, che sembra difficile immaginare il presente prescindendo dalla forza generatrice di innovazione che il conflitto e gli istinti belligeranti dell'umanità hanno liberato. Dalla tecnologia alla medicina, l'uomo ha trovato ragione necessaria e sufficiente alle proprie ricerche ed alle scoperte che ne sono conseguite proprio dalla sete di conquista e dalle esigenze del commercio.

    Vele e cannoni è uno dei racconti di questa paradossale evoluzione (paradossale in quanto mediata da strumenti di morte e distruzione), l'affascinante e convincente descrizione di un'epoca e un'epopea che ha segnato la storia universale consegnando all'occidente il predominio economico e scientifico sulle terre emerse.

    Il testo è suddiviso in due parti principali:

    - un primo capitolo in cui l'autore racconta l'evoluzione della produzione e del commercio dell'artiglieria navale in Europa, tre secoli di sviluppo tecnologico (dall'inizio del XIV alla metà del XVII secolo, dalle bocche da fuoco in bronzo ai tonnellaggi in fusione di ferro) che hanno garantito ai regni del Vecchio Continente di ottenere e difendere l'egemonia commerciale negli oceani. - una seconda parte, nella quale si parla di navi e cannoni nel mondo extra europeo, delle imbarcazioni (indigene) e dell'artiglieria (importata), ma soprattutto delle ragioni per cui anche grandi potentati non hanno saputo o voluto acquisire quelle stesse tecnologie che hanno reso l'occidente una forza militare e commerciale insuperabile.

    Cipolla è un autore straordinario: lucido, essenziale, sostenuto nelle sue tesi da un complesso di fonti e ragionamenti solidi e di ampio respiro. Il testo descrive con efficacia e solide argomentazioni uno dei fattori che hanno determinato gli equilibri di potere della storia universale.

    ha scritto il 

  • 5

    l'età di Vasco de Gama

    "Perché l’Europa del Rinascimento riuscì là dove gli europei dei secoli tredicesimo e quattordicesimo fallirono? Perché dopo la fine del quindicesimo secolo agli europei riuscirono non solo ad ...continua

    "Perché l’Europa del Rinascimento riuscì là dove gli europei dei secoli tredicesimo e quattordicesimo fallirono? Perché dopo la fine del quindicesimo secolo agli europei riuscirono non solo ad aprirsi a forza la strada verso le lontane isole delle spezie, ma anche ad ottenere il controllo di tutte le più importanti rotte marittime a fondare imperi nei territori d’oltremare? Cosa permise agli europei di compiere l’improvvisa e drammatica transizione da una situazione di difesa incerta ad una situazione di espansione audace ed aggressiva? Perché ebbe inizio l'«era di Vasco da Gama?" Perchè fu l'Occidente a conquistare il mondo tra il 1500 e il 1800? Linguaggio piacevole, ricco di citazioni, corredato da note ampie, rimane un esempio di come si possano coniugare le competenze dello storico con quella del divulgatore. Una lettura affascinante.

    ha scritto il 

  • 4

    La lettura di un volume di Carlo M. Cipolla costituisce sempre un'ottima lezione di metodo storiografico ed una piacevolissima esperienza. In questo caso, la domanda da cui parte il grande storico ...continua

    La lettura di un volume di Carlo M. Cipolla costituisce sempre un'ottima lezione di metodo storiografico ed una piacevolissima esperienza. In questo caso, la domanda da cui parte il grande storico dell'economia è la seguente: perché ebbe inizio l'era di Vasco de Gama? Cioè: perché dopo il XV secolo gli europei si garantirono il controllo delle rotte marittime, grazie al quale poi costituirono gli imperi d'Oltremare? La risposta è nel minuzioso, chiaro, gustoso, illuminante racconto dell'evoluzione dell'artiglieria e dei velieri, delle navi e dei cannoni. Alla fine del libro ne saprete di più su caracche e caravelle, galere e galeoni e, al momento opportuno, saprete scegliere tra un cannone in ferro o uno in bronzo.

    ha scritto il 

  • 4

    Bisogna amare la storia e la tecnologia per apprezzare questo pur breve libro. Ma se siete appassionati e curiosi di storia ... bhe ... allora vi piaceranno molto il testo e le sue 300 note, alcune ...continua

    Bisogna amare la storia e la tecnologia per apprezzare questo pur breve libro. Ma se siete appassionati e curiosi di storia ... bhe ... allora vi piaceranno molto il testo e le sue 300 note, alcune delle quali lunghe come capitoli.
    Perchè il mondo di oggi è come oggi? Perchè gli europei del nord impararono prima degli altri a costruire efficienti navi a vela e cannoni in ferro. Impararono a sostituire la forza umana (dei remi o dei soldati negli arrembaggi) con l'energia del vento e l'energia chimica della polvere da sparo. Da lì nasce il colonialismo, l'economia e la società dei paesi del nord: il pragmatismo olandese contro l'intolleranza religiosa spagnola ed italiana. Un libro veramente affascinante anche se non facilissimo da leggere.

    ha scritto il 

  • 5

    Questi librini sono l'esempio di come si possa fare storia in maniera rigorosa, divertente, appassionante ecc...
    Si leggono in un sorso anche perchè, su 174 pagine, circa metà sono di note. E qui mi ...continua

    Questi librini sono l'esempio di come si possa fare storia in maniera rigorosa, divertente, appassionante ecc...
    Si leggono in un sorso anche perchè, su 174 pagine, circa metà sono di note. E qui mi rivolgo al Mulino: non vi sembra che 4 euri su 10 di note siano una roba un pò truffaldina?

    ha scritto il 

Ordina per