Vent'anni dopo

Di

Editore: Mondadori

4.1
(1128)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 584 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Francese , Inglese

Isbn-10: A000029883 | Data di pubblicazione: 

Disponibile anche come: Altri , Copertina rigida , Tascabile economico , Rilegato in pelle

Genere: Narrativa & Letteratura , Storia , Viaggi

Ti piace Vent'anni dopo?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Oscar Mondadori. I grandi romanzi, 4
Ordina per
  • 2

    "I tre moschettieri" l'ho letto 8 anni fa, e ne ho un ricordo confuso ma piacevole.

    "Vent'anni dopo" non mi ha mai attirato, e forse era meglio evitarlo. In effetti, arrivato al 35%, mi trovo costrett ...continua

    "I tre moschettieri" l'ho letto 8 anni fa, e ne ho un ricordo confuso ma piacevole.

    "Vent'anni dopo" non mi ha mai attirato, e forse era meglio evitarlo. In effetti, arrivato al 35%, mi trovo costretto a interrompere la lettura.
    Il ritmo non è male, la trama sembra promettere qualcosa di intrigante, ma i rapporti tra i personaggi sono illeggibili. Innaturali, cerimoniosi fino allo sfinimento, ed è assurdo che i vecchi nemici siano diventati amici senza nessun motivo reale. L'ossessività con cui viene ribadito i sentimenti di tizio nei confronti di caio, rende la lettura pesante e fastidiosa. Ad esempio, tra Athos e suo figlio c'è grande affetto. Benissimo, peccato che questo venga ripetuto (in maniera sempre prolissa e ampollosa) un'infinita di volte, manco il lettore fosse un idiota. Capisco che fosse pubblicato a puntate, ma all'interno dello stesso capitolo che bisogno c'è di essere così ripetitivi? Ho interrotto la lettura proprio quando, per la milionesima volta, Dumas fa i pipponi sull'affetto di Raoul per suo padre.
    Un'altra cosa che viene ripetuta alla nausea, è quanto fosse grande Richelieu. Nel frattempo, si ribadisce alla nausea come invece Mazarino, il nuovo cardinale cattivone, sia solo un tizio avido privo di qualità. Ora, che senso ha sminuire così tanto l'avversario? Se il nemico di turno è uno sfigato, non attrae un granchè la lettura. E' una regola banale dei romanzi d'avventura, dare grandi avversari ai protagonisti.
    Ma tutti i rapporti tra i personaggi sono irritanti, anche l'amicizia tra i moschettieri, viene ripristinata in maniera così poco convincente, così "pigra", così recitata, che ho provato davvero tantissima difficoltà a provare la stessa commozione dei protagonisti.

    Può darsi che il resto del romanzo sia bellissimo. Ma quando Dumas si è rimesso a parlare di Raoul, di cui non me ne può fregare di meno (poteva provare a sforzarsi un minimo a renderlo meno scialbo, se proprio doveva narrarcene le vicende), mi sono rotto le scatole.

    ha scritto il 

  • 4

    Ecco la seconda puntata della saga dei Tre moschettieri. Confesso di essere stata un po’ prevenuta prima della lettura perché pensavo che Dumas non potesse assolutamente eguagliare o superare il libro ...continua

    Ecco la seconda puntata della saga dei Tre moschettieri. Confesso di essere stata un po’ prevenuta prima della lettura perché pensavo che Dumas non potesse assolutamente eguagliare o superare il libro precedente. E in parte mi sono ricreduta. In effetti ne I tre moschettieri c’era la freschezza, il divertimento, la spacconeria, le “guasconate” dei nostri eroi che affrontano le avventure e le trappole con l’incoscienza della giovinezza. In questo secondo romanzo i nostri eroi sono più maturi, ragionano di più e sanno operare delle scelte di comportamento più oculate ed attente. Le avventure comunque non mancano e soprattutto nella seconda parte del romanzo si susseguono i colpi di scena inaspettati e avvincenti. Poi Dumas si concede una critica più pungente contro il desiderio del potere fine a se stesso, che condizione e degrada la vita sociale ed affettiva. I personaggi storici qui ne escono piuttosto malconci, come Anna d?Austria o il Cardinale Mazzarino!!. Lo stile è perfetto, incalzante, spesso avvincente!!

    ha scritto il 

  • 3

    Un feuilleton di successo questo romanzo di Dumas (padre) che segue il primo capitolo "I tre moschettieri" Il ritmo narrativo è simile tra i due volumi anche se nel secondo l'Autore perde brillantezz ...continua

    Un feuilleton di successo questo romanzo di Dumas (padre) che segue il primo capitolo "I tre moschettieri" Il ritmo narrativo è simile tra i due volumi anche se nel secondo l'Autore perde brillantezza e freschezza a vantaggio di un maggior intreccio. I richiami alla storia "vera" servono per dare consistenza ai personaggi, anche se il tentativo in alcuni casi non sembra riuscire pienamente. Troviamo i nostri protagonisti separati all'inizio per lasciarli nuovamente separati alla fine, in attesa del capitolo conclusivo "Il visconte di Bragellone". Nonostante l'eccessiva lunghezza di alcuni passi e i toni da commedia dell'arte assunti per mettere in ridicolo l'italiano Mazzarino, il romanzo merita nel complesso un giudizio buono.

    ha scritto il 

  • 3

    Laddove si dimostra che invecchiare toglie entusiasmo, brillantezza, audacia anche ai personaggi letterari. E diventano un po' noiosi (per me). Non affronterò "Il Visconte di Bragelonne". 3 stelle per ...continua

    Laddove si dimostra che invecchiare toglie entusiasmo, brillantezza, audacia anche ai personaggi letterari. E diventano un po' noiosi (per me). Non affronterò "Il Visconte di Bragelonne". 3 stelle per affezione al grande Dumas.

    ha scritto il 

  • 5

    capolavoro sull'amicizia

    che scrittore eccezionale! riesce a tenere attaccato il lettore come un parassita all'ospite.. un'altra grande opera sull'amicizia e sulla sua forza di scavalcare le differenze di posizione anche poli ...continua

    che scrittore eccezionale! riesce a tenere attaccato il lettore come un parassita all'ospite.. un'altra grande opera sull'amicizia e sulla sua forza di scavalcare le differenze di posizione anche politica, di interesse e di ruolo. Magistrale con qualche sbavatura di pochissimo conto.

    ha scritto il 

  • 3

    Assolutamente sottotono, rispetto ai Tre moschettieri. Una storia a tratti confusa e, visti i risultati, inutile per i 4 amici. Basti notare che la risoluzione del libro è legata ad un episodio che ac ...continua

    Assolutamente sottotono, rispetto ai Tre moschettieri. Una storia a tratti confusa e, visti i risultati, inutile per i 4 amici. Basti notare che la risoluzione del libro è legata ad un episodio che accade nel terzultimo capitolo. Il resto del libro è un insieme infinito di nomi, faccende ed intrighi.
    Si percepisce, forte, la nostalgia per i tempi andati e dà sollievo pensare che l'affetto e la stima tra i 4 compagni non siano stati intaccati dai vent'anni trascorsi.
    Un buon libro, da leggere ma non da consigliare.

    ha scritto il 

Ordina per