Hooray! You have added the first book to your bookshelf. Check it out now!
Create your own shelf sign up
[−]
  • Search Digit-count Valid ISBN Invalid ISBN Valid Barcode Invalid Barcode

Venti di morte

La caduta di Malazan - vol. 7.2

By Steven Erikson

(114)

| Hardcover | 9788834426951

Like Venti di morte ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free

Book Description

Le vicende narrate in questo libro seguono direttamente quelle di MAREE DI MEZZANOTTE e I CACCIATORI DI OSSA. Un brutale e atroce racconto di guerra, di tradimenti e di oscura e incontrollabile magia; una storia avvincente, palpitante, ai limiti dell Continue

Le vicende narrate in questo libro seguono direttamente quelle di MAREE DI MEZZANOTTE e I CACCIATORI DI OSSA. Un brutale e atroce racconto di guerra, di tradimenti e di oscura e incontrollabile magia; una storia avvincente, palpitante, ai limiti dell’immaginazione. La grande flotta Edur avanza incontrastata, i suoi guerrieri sono selezionati fra un numero sterminato di aspiranti. Le loro file annoverano, tra gli altri, Karsa Orlong e Icarium, destinati a incrociare le rispettive lame con l’imperatore in persona. Ma nell’attraversare mezzo mondo, i Tiste Edur si sono lasciati alle spalle una poderosa scia di sangue, e la loro brutalità non può restare impunita. Per qualcuno si avvicina la resa dei conti, per altri è ancora lontana.

6 Reviews

Login or Sign Up to write a review
  • 1 person finds this helpful

    Tra molte luci e qualche ombra...

    ... finalmente i pezzi dell'immenso mosaico rappresentato dalla saga di Erikson iniziano ad andare al loro posto.

    Le luci sono rappresentate come sempre dal respiro epico e dallo stile inconfondibile dell'autore che tratteggia da far suo un altro bu ...(continue)

    ... finalmente i pezzi dell'immenso mosaico rappresentato dalla saga di Erikson iniziano ad andare al loro posto.

    Le luci sono rappresentate come sempre dal respiro epico e dallo stile inconfondibile dell'autore che tratteggia da far suo un altro buon capitolo della saga...

    Le ombre invece si allungano lì dove (dopo 7 volumi) si inizia a percepire almeno a tratti la sensazione del già letto, indubbiamente l'autore si sforza di creare situazioni sempre nuove ma è proprio lo schema che struttura la trama (più che le situazioni) ad iniziare ad essere un'pò ripetitivo.

    Comunque, a questo punto si può perdonare questa pecca ad un maestro che ha rinnovato come nessuno un genere letterario.

    Is this helpful?

    Guntram said on Jan 17, 2012 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    In questa seconda parte entrano in azione i Cacciatori d'ossa e lo spettacolo decolla, i soldati di marina Malazan sono veramente fuori di testa(w il sergente Hellian). Come al solito i personaggi compiono azioni senza che ci sia la minima spiegazion ...(continue)

    In questa seconda parte entrano in azione i Cacciatori d'ossa e lo spettacolo decolla, i soldati di marina Malazan sono veramente fuori di testa(w il sergente Hellian). Come al solito i personaggi compiono azioni senza che ci sia la minima spiegazione sul perchè lo facciano ma alla fine i nodi vengono al pettine, quasi tutti

    Is this helpful?

    Bartimeus(ex Assassino) said on Sep 9, 2011 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Ovviamente nonostante la buona abitudine di dividere in due i libri, mi riferisco all'intero romanzo. Ad esclusione di una parte centrale che ho trovato un po' noiosa, il libro, in perfetto stile dell'autore, introduce nuovi epici personaggi, cominci ...(continue)

    Ovviamente nonostante la buona abitudine di dividere in due i libri, mi riferisco all'intero romanzo. Ad esclusione di una parte centrale che ho trovato un po' noiosa, il libro, in perfetto stile dell'autore, introduce nuovi epici personaggi, cominciando a chiudere il cerchio di alcune trame, solo per farle a loro volta essere l'inizio di altre. Crudele e spietato Steven quando, in linea con la dimensione tragica che governa il mondo da lui creato, salva in corner alcuni personaggi illudendoci di avere in serbo per loro grandi gesta, quando invece andranno incontro ad una misera morte, la quale, come nella vita reale, giunge senza badare che i nostri progetti si siano o meno realizzati... Epico, emozionante, terribilmente triste, commovente, metafisico e anche divertente.

    Is this helpful?

    bassapianura said on Sep 5, 2011 | Add your feedback

  • 1 person finds this helpful

    Con la seconda parte di Venti di morte vediamo concludersi quelle che erano le vicende rimaste in sospeso nell’impero Letherii, che avevano avuto inizio con il quinto volume della saga, Maree di mezzanotte.
    Abbiamo l’aprirsi del racconto con lo sbarc ...(continue)

    Con la seconda parte di Venti di morte vediamo concludersi quelle che erano le vicende rimaste in sospeso nell’impero Letherii, che avevano avuto inizio con il quinto volume della saga, Maree di mezzanotte.
    Abbiamo l’aprirsi del racconto con lo sbarco dei soldati Malazan, in procinto di mettere in atto la loro spedizione punitiva contro il popolo Edur.
    Fin dalle prime battute ci accorgiamo che i toni eroici che potevano esserci nei volumi precedenti sono del tutto scremati e ci troviamo dinnanzi ad un esercito di combattenti che non sono altro che i fantasmi di loro stessi, ma che vanno avanti senza un obbiettivo che si palesi loro, confusi ma pur sempre dannatamente combattivi.
    Con descrizioni dense di contenuti, poetiche e visionarie Erickson ci porta anche questa volta per mano tra le avventure e le disavventure dei vari personaggi, alcuni affascinati, altri meschini, alcuni conoscenti di vecchia data, altri nuovi ma non per questo meno indagati e caratterizzati.
    La nota dolente avviene verso la metà del racconto, la tendenza dello scrittore a creare dialoghi e personaggi molto spesso confusionari nei precedenti volumi era tesa a creare ilarità e simpatia, ma questa volta il tutto appare molto forzato, rendendo le conversazioni astruse e di difficile comprensione. Lo stesso effetto è ripetuto in diversi passaggi, espressi secondo me molto male, che rendono oscuri molti tratti della storia.
    Pregevoli invece sono alcuni dialoghi che non fanno altro che riportarmi con il pensiero ai giorni nostri, e qui vorrei citare l’esposizione del brillante Tehol:

    “…quando parlavo del potere che distrugge se stesso, non parlavo in termini di metafora. Lo intendevo realmente. Allora, quante generazioni di indebitati devono ancora soffrire, proprio mentre i simboli di ricchezza esteriore si moltiplicano e abbondano ovunque, con una proporzione sempre crescente di quelle stravaganze materiali al di fuori della loro portata economica? Quante, prima che tutti quanti ci fermiamo e diciamo: “Alt! Adesso basta! Basta sofferenza, basta per favore! Basta con la fame, la guerra, le ingiustizie!”. Be’ per quanto mi è dato di capire, non ci saranno mai generazioni a sufficienza. Non facciamo che grattare e raspare, divorando tutto quello che troviamo a portata di mano, inclusi quelli come noi, come se tutto ciò non fosse niente più che un’innegabile espressione di una qualche legge naturale, e come tale non fosse soggetta né a un contesto morale né a una restrizione etica”

    Ecco, credo che questo passo sia il più significativo per comprendere l’intero libro che, del tutto attuale, ci mostra in mondo fantastico semplicemente quello che avviene nella realtà, Erikson non ha dovuto cercare o giocare di fantasia più di tanto per trovare un antagonista di tutto rispetto bastava solo guardarsi intorno.
    Anime corrotte, votate all’accumulo sono i servitori del dio denaro e anche coloro che pensano di essere i burattinai si ritroveranno ad essere strangolati dai loro stessi fili, dal loro stesso egocentrismo.
    Ed ecco che lentamente giungiamo alla fine, il ritmo si fa serrato e con grande amore per l’introspettiva lo scrittore passa in rassegna tutti i suoi soldati, tutti i suoi eroi, sporchi, malconci, sono diventate bestie la cui pazzia è innegabile, ma che, come sempre, continuano ad avanzare verso la vittoria e verso la gloria.

    Is this helpful?

    Hisoka said on Aug 7, 2011 | Add your feedback

Book Details

  • Rating:
    (114)
    • 5 stars
    • 4 stars
    • 3 stars
    • 2 stars
  • Hardcover 512 Pages
  • ISBN-10: 8834426959
  • ISBN-13: 9788834426951
  • Publisher: Armenia Pan Geo
  • Publish date: 2011-06-01
Improve_data of this book