Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Venti poesie d'amore e una canzone disperata

Di

Editore: Passigli

4.4
(1436)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 91 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Spagnolo

Isbn-10: 8836805965 | Isbn-13: 9788836805969 | Data di pubblicazione:  | Edizione 9

Curatore: Giuseppe Bellini

Disponibile anche come: Altri , Copertina rigida

Genere: Fiction & Literature

Ti piace Venti poesie d'amore e una canzone disperata?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
"A lato della prodigiosa voce del maestro Rubén Darío e della stravagante,adorabile, affascinantemente goffa e fosforescente voce di Herrera y Reissig e del gemito dell'uruguaiano e mai francese Conte di Lautréamont, il cui canto riempie di orrore l'alba dell'adolescente, la poesia di Pablo Neruda si le vacon un tono mai uguagliato in America, di passione, di tenerezza e di sincerità". (Dalla presentazione di Federico García Lorca)
Ordina per
  • 2

    Un libro de poesías de “amor” corto o muy corto que se lee en 30 minutos… no soy aficionado a la poesía y el libro no me ha llenado. De todos me quedo con el poema 20 por ser para mí el más sincero al hablar al principio de que ya no la ama hasta confesar al final con su “Ya no la quiero, es cier ...continua

    Un libro de poesías de “amor” corto o muy corto que se lee en 30 minutos… no soy aficionado a la poesía y el libro no me ha llenado. De todos me quedo con el poema 20 por ser para mí el más sincero al hablar al principio de que ya no la ama hasta confesar al final con su “Ya no la quiero, es cierto, pero tal vez la quiero” (real como las verdaderas historias de amor que se acaban sólo para 1 de las dos partes…)

    ha scritto il 

  • 5

    Le poesie di questa raccolta sono ispirate a due amori perduti da Neruda in gioventù. Alcune sono tristi e malinconiche, altre (la minoranza) sono più positive. Come dice il titolo, sono tutte poesie d'amore. E' la prima raccolta di Neruda ad essere pubblicata nel 1924 (dopo una primissima che lu ...continua

    Le poesie di questa raccolta sono ispirate a due amori perduti da Neruda in gioventù. Alcune sono tristi e malinconiche, altre (la minoranza) sono più positive. Come dice il titolo, sono tutte poesie d'amore. E' la prima raccolta di Neruda ad essere pubblicata nel 1924 (dopo una primissima che lui ripudiò sempre), ed è quella sua più letta. Le poesie sono veramente belle, e meritano più di una lettura.

    ha scritto il 

  • 4

    Una obra de una gran fuerza lírica y una gran originalidad expresiva.
    Un espléndido libro de amor juvenil, que destaca por su concepción poética; y en el que las imágenes, los símbolos y los recursos estilísticos, desentrañan la figura de la mujer como la de la verdadera musa de la pasión i ...continua

    Una obra de una gran fuerza lírica y una gran originalidad expresiva.
    Un espléndido libro de amor juvenil, que destaca por su concepción poética; y en el que las imágenes, los símbolos y los recursos estilísticos, desentrañan la figura de la mujer como la de la verdadera musa de la pasión idealizada.
    Muchos de ellos se han hecho tan populares, que han pasado a la fase de lo imperecedero y lo eterno. Hallando cobijo o refugio en nuestras presurosas y latentes vidas.

    ha scritto il 

  • 4

    Posso scrivere i versi più tristi questa notte.

    Scrivere, ad esempio : La notte è stellata,
    e tremolano, azzurri, gli astri in lontananza.

    Il vento della notte gira nel cielo e canta.

    Posso scrivere i versi più tristi questa notte.
    Io l'amai , e a volte anche lei ...continua

    Posso scrivere i versi più tristi questa notte.

    Scrivere, ad esempio : La notte è stellata,
    e tremolano, azzurri, gli astri in lontananza.

    Il vento della notte gira nel cielo e canta.

    Posso scrivere i versi più tristi questa notte.
    Io l'amai , e a volte anche lei mi amò .

    Nelle notti come questa la tenni tra le mie braccia.
    La baciai tante volte sotto il cielo infinito.

    Lei mi amò, a volte anch'io l'amavo.
    Come non amare i suoi grandi occhi fissi.

    Posso scrivere i versi più tristi questa notte.
    Pensare che non l'ho. Sentire che l'ho perduta.

    Udire la notte immensa, più immensa senza lei.
    E il verso cade sull'anima come sull'erba in rugiada.

    Che importa che il mio amore non potesse conservarla.
    La notte è stellata e lei non è con me.

    E' tutto. In lontananza qualcuno canta. In lontananza.
    La mia anima non si rassegna ad averla perduta.

    Come per avvicinarla il mio sguardo la cerca. Il mio cuore la cerca, e lei non è con me.

    La stessa notte che fa biancheggiare gli stessi alberi.
    Noi quelli di allora, più non siamo gli stessi.

    Più non l'amo, è certo, ma quanto l'amai.
    La mia voce cercava il vento per toccare il suo udito.

    D'altro. Sarà d'altro. Come prima dei suoi baci.
    La sua voce, il suo corpo chiaro . I suoi occhi infiniti.

    Più non l'amo, è certo, ma forse l'amo .
    E' così breve l'amore, ed è sì lungo l'oblio.

    Perché in notti come questa la tenni tra le mie braccia,
    la mia anima non si rassegna ad averla perduta.

    Benché questo sia l'ultimo dolore che lei mi causa
    e questi siano gli ultimi versi che io le scrivo.

    ha scritto il 

  • 3

    La poesia che vorrei ascoltare

    Approdare a questa importante raccolta di poesie di Neruda, dopo averne lette alcune tradotte da Salvatore Quasimodo, è stata un’esperienza non particolarmente appagante. La versione italiana di Veinte poemas de amor, edita da Passigli, presenta una traduzione letterale e pedissequa, nella ...continua

    Approdare a questa importante raccolta di poesie di Neruda, dopo averne lette alcune tradotte da Salvatore Quasimodo, è stata un’esperienza non particolarmente appagante. La versione italiana di Veinte poemas de amor, edita da Passigli, presenta una traduzione letterale e pedissequa, nella sua mancanza di versatilità linguistica, della limpida voce di Pablo Neruda. E io, che non conosco affatto lo spagnolo, mi sono ritrovato a guardare di continuo il testo originale a fronte, per stupirmi e indignarmi delle scelte bizzarre del curatore. Così, nella poesia Corpo di donna, che apre la raccolta, “Fui solo como un túnel”, diventa “Sono stato solo come una galleria”. Sì, proprio così. Che senso di spaesamento e solitudine nell’ascoltare la peculiare musicalità di Sono stato solo come una galleria! E alla suadente malinconia che pervade i versi del poeta cileno si aggiunge l’incomparabile tristezza di una lingua non restituita al suo fulgore originario

    ha scritto il 

  • 3

    Di Neruda preferisco le poesie a tema più politico, o quelle che in generale parlano della vita che quelle d'amore, per il semplice fatto che le donne a cui parla non sembrano, a me che leggo e recensisco, tanto donne ma piuttosto idee femminili che l'autore reputa ideali ma che a mio modesto avv ...continua

    Di Neruda preferisco le poesie a tema più politico, o quelle che in generale parlano della vita che quelle d'amore, per il semplice fatto che le donne a cui parla non sembrano, a me che leggo e recensisco, tanto donne ma piuttosto idee femminili che l'autore reputa ideali ma che a mio modesto avviso, di donna moderna ed emancipata, sono tutt'altro.

    La donna delle poesie di Neruda non vive se non attraverso le parole del suo autore: è un poetico nulla a cui viene chiesto di tacere e di seguire l'autore nei suoi viaggi e nella vita. Tutto ciò che c'è di bello in lei sono le parole che il poeta le dedica: parole di inarrivabile bellezza ma per l'appunto solo parole rivolte a un oggetto d'amore, che nella loro perfezione mi risultano anche un po' freddine.
    Poteva essere una donna, come un cane, come un sigaro cubano, l'impressione in me sarebbe stata identica.

    Il che va benissimo perché sarebbe quello lo scopo della poesia: parlare della vita e dell'amore attraverso gli occhi del poeta, dove l'oggetto di questi sentimenti è solo una scusa per parlare di sè. Ma a me questa figura femminile evanescente soddisfa proprio pochino.

    ha scritto il 

Ordina per