Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Veronika decide di morire

Di

Editore: Bompiani

3.8
(8296)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 186 | Formato: Copertina rigida | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Francese , Chi tradizionale , Spagnolo , Portoghese , Catalano , Svedese , Olandese , Giapponese , Galego , Finlandese , Ceco , Norvegese , Greco

Isbn-10: 8845241599 | Isbn-13: 9788845241598 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: Rita Desti ; Illustrazione di copertina: Carla Moroni

Disponibile anche come: Tascabile economico , Altri , Paperback

Genere: Fiction & Literature , Health, Mind & Body , Philosophy

Ti piace Veronika decide di morire?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Veronika, pur avendo una vita normale, non è felice. Ecco perché decide di morire, ingerendo una dose eccessiva di sonniferi. Ma il tentativo fallisce, e Veronika viene internata in una clinica psichiatrica dove il suo cuore ammalato conosce una realtà di cui non sospettava l’esistenza.
Il romanzo si ispira a un drammatico episodio della vita dell’autore, quando, nel 1965, a 18 anni venne ricoverato in una clinica psichiatrica. Paulo Coelho scrive una meravigliosa riflessione sul tema della normalità e della diversità, trasformando il dramma dell’infelicità nella pienezza dell’accettazione della vita e della sua bellezza.
Ordina per
  • 4

    Sicuro di non essere folle anche tu?

    Non smetterò mai di dire che si apprezza una cosa solo quando la si sta perdendo, e Veronika comincia ad aver voglia di vivere solo quando sa che presto la morte verrà a prendersela. Ma quanta forza ci vuole per decidere di morire? Quando sento di storie suicide, penso sempre se l’attimo dopo il ...continua

    Non smetterò mai di dire che si apprezza una cosa solo quando la si sta perdendo, e Veronika comincia ad aver voglia di vivere solo quando sa che presto la morte verrà a prendersela. Ma quanta forza ci vuole per decidere di morire? Quando sento di storie suicide, penso sempre se l’attimo dopo il gesto suicida l’individuo si pente, se vorrebbe tornare indietro, e mi chiedo cosa si provi quando arrivi a un punto di non ritorno. Affronti la morte o diventi codardo e ti penti del gesto che hai fatto?
    Veronika è una privilegiata. Primo perché non è morta e secondo perché – grazie alla menzogna del dottor Igor- ha vissuto più in una settimana che in ventiquattro anni, e in quella settimana ha avuto il coraggio di fare tutto quello che nella sua vita ha temuto. Ricomincia a suonare, ad amare, ad osare.
    Mi piace moltissimo il personaggio di Eduard e come Coelho racconta le storie di ognuno di loro. A volte mi sento un po’ Eduard.
    Non so come ma Coelho in ogni suo libro ci fa entrare di mezzo Dio.
    Per me Coelho, è una frase fatta umana, nel senso più logico che possa esistere. Lo leggo volentieri, faccio tesoro delle storie che incontro nei suoi libri ma so che se dovessi trovarmi in una situazione dove dovrei fare una scelta importante, non sceglierei mai di agire nel modo in cui agirebbe uno dei personaggi dei suoi libri, non perché sia sbagliato, ma perché viviamo su due linee rette parallele; ci guardiamo, ci scrutiamo, ci rispettiamo, facciamo lo stesso percorso ma non ci incrociamo mai. Se Veronika ha deciso di morire, tu Paulo Coelho, perché la lasci vivere? E soprattutto perché la lasci vivere con la consapevolezza che molto presto morirà?
    E’ una storia folle, che parla di persone folli, che di folle hanno ben poco. E’ una storia folle che ci fa capire che per essere noi stessi dobbiamo essere di conseguenza folli, e che se per un motivo che non conosco decidiamo di non essere noi stessi, siamo folli lo stesso.

    ha scritto il 

  • 3

    Veronika decide di morire è un romanzo di Paulo Coelho del 1998. Veronika, ragazza slovena di 24 anni, non è felice della sua vita: anche se non ha problemi finanziari e non soffre d’amore, vuole semplicemente lasciare questa vita a causa della monotonia di tutti i giorni. Così, mandato giù un pu ...continua

    Veronika decide di morire è un romanzo di Paulo Coelho del 1998. Veronika, ragazza slovena di 24 anni, non è felice della sua vita: anche se non ha problemi finanziari e non soffre d’amore, vuole semplicemente lasciare questa vita a causa della monotonia di tutti i giorni. Così, mandato giù un pugno intero di pillole per dormire, si abbandona al suo destino. Si risveglia nella clinica privata per malati di mente “Villete”, in Slovenia, dove viene a sapere dai medici che in seguito al suo tentativo di suicidio il suo cuore è stato gravemente danneggiato e resisterà ancora solo pochi giorni. Veronika inizialmente spera che tutto finisca velocemente, ma in quella clinica sembra che il tempo non passi mai. Lì conoscerà molte persone, Zedka, Mari, Eduard, persone che non hanno paura di dire ciò che pensano, perché in fin dei conti sanno di essere considerati “pazzi”. Con loro instaurerà un particolare rapporto di sincerità, provando sensazioni che non aveva mai conosciuto prima e scoprendo i lati più segreti e nascosti del suo Io.
    Bello, a tal proposito mi sembra interessante riportare le parole dette dall’autore: «Ho scritto “Veronika decide di morire” in terza persona, usando la mia parte femminile, perché sapevo che non era la mia esperienza di internamento ad interessare i miei lettori, ma il rischio di essere diverso e l’orrore di essere uguale agli altri».
    Non un capolavoro della letteratura, ma godevole.

    ha scritto il 

  • 3

    "Mantenetevi folli, e comportatevi come persone normali."

    Il messaggio del libro mi è arrivato, ma non così forte e chiaro come avrei sperato.
    Non mi ha preso, non mi ha incuriosito, non mi ha emozionato.
    Mi aspettavo quel qualcosa in più che non è arrivato.

    ha scritto il 

  • 3

    trovo Coelho abbastanza ripetitivo e noioso, solo a tratti delle scintille ma poi .... è pesante ... nu decisamente nu ... il tema è interessante ... nu, di nuovo, decisamente nu anche se mi ha toccato sul panico

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    3

    Veronika, pur avendo una vita normale, non è felice. Ecco perché decide di morire, ingerendo una dose eccessiva di sonniferi. Ma il tentativo fallisce, e Veronika viene internata in una clinica psichiatrica dove il suo cuore ammalato conosce una realtà di cui non sospettava l'esistenza. Il romanz ...continua

    Veronika, pur avendo una vita normale, non è felice. Ecco perché decide di morire, ingerendo una dose eccessiva di sonniferi. Ma il tentativo fallisce, e Veronika viene internata in una clinica psichiatrica dove il suo cuore ammalato conosce una realtà di cui non sospettava l'esistenza. Il romanzo si ispira a un drammatico episodio della vita dello scrittore quando, nel 1965, a diciotto anni, venne ricoverato in una clinica psichiatrica da leggere senza troppo impegno

    ha scritto il 

  • 2

    Tema ambizioso e risultato un pò deludente

    Mi accosto a Coelho senza preconcetti o particolari aspettative attraverso questo romanzo, che scelgo di leggere, intrigata dalla complessa tematica della malattia mentale e del tentato suicidio. A caldo posso dire che condivido il messaggio di fondo del libro, che si risolve in un inno alla vit ...continua

    Mi accosto a Coelho senza preconcetti o particolari aspettative attraverso questo romanzo, che scelgo di leggere, intrigata dalla complessa tematica della malattia mentale e del tentato suicidio. A caldo posso dire che condivido il messaggio di fondo del libro, che si risolve in un inno alla vita, ma non mi sembrano sufficientemente sviluppati né il carattere dei personaggi né le dinamiche di un ospedale psichiatrico. Rimane a mio avviso un alone di favola un po’ semplicistica che tende a fare dei ricoverati dei paladini di un qualche riscatto dalle disgrazie e dalle fatiche della vita o dalle congiure dei familiari. Nella prevedibile e nota distinzione tra malattia/diversità e normalità/conformismo c’è sicuramente molta verità, ma probabilmente si sarebbe potuta sviluppare in modo meno scontato. Parallelamente mi sembra un po’ inverosimile e superficiale la strada della risalita imboccata dalla protagonista. Che l’amore curi non c’è dubbio, ma anche “i miracoli” richiedono tempi e modi di incubazione lunghi e complessi. Ho notato che i lettori di Coelho non hanno di solito mezze misure, o grande apprezzamento o grande rifiuto, credo di essere una dei pochi che, almeno per questo romanzo, sceglie di collocarsi a metà.

    ha scritto il 

  • 3

    il mio rapporto con Coelho è difficile.
    non mi tolgo dalla testa l'idea che sia una specie di Fabio Volo, uno che se la crede troppo.

    questo libretto è abbastanza carino però è sempre un po' banalotto...per fortuna non è così pomposo da farti venire la nausea.

    ha scritto il 

Ordina per