Via Katalin

Di

Editore: Einaudi (Super ET)

4.1
(525)

Lingua: Italiano | Numero di pagine: 198 | Formato: Paperback | In altre lingue: (altre lingue) Inglese , Francese , Spagnolo , Ungherese

Isbn-10: 880619965X | Isbn-13: 9788806199654 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Traduttore: Bruno Ventavoli

Disponibile anche come: Copertina rigida

Genere: Narrativa & Letteratura , Storia

Ti piace Via Katalin?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis

ACQUISTA LIBRO
Acquisto non disponibile
per questo libro
Descrizione del libro
Sono l'una adiacente all'altra le case degli Elekes, degli Held e dei Bíró in via Katalin, a Budapest, i giardini divisi solo da permeabili staccionate. I bambini - Irén, Blanka, Henriett e Bàlint - giocano e crescono insieme in questo piccolo paradiso che neanche la guerra sembra intaccare. Con maggiore o minore consapevolezza e con modalità diverse, crescendo, le tre ragazze si innamorano tutte di Bàlint. Non è un mistero per nessuno, però, che lui sposerà Irén, figlia maggiore dell'insegnante Abel Elekes. Il loro fidanzamento, nella primavera del 1944, segnerà per tutti la contraddittoria e dolorosa uscita dall'infanzia e dall'adolescenza. Quel giorno, Irén, in attesa del pranzo, dalla finestra fa ancora in tempo a scorgere i signori Held, mentre escono per sbrigare una pratica. Poco dopo verranno intercettati durante una retata: vittime delle persecuzioni antisemitiche del governo Horthy, non faranno mai più ritorno. Solo la piccola, fragile Henriett si salva, immediatamente nascosta dal padre di Bàlint, un maggiore dell'esercito ungherese. Sarà un breve rinvio. Spinta dal desiderio di risentire un'ultima volta gli odori della sua casa, che, posta sotto sequestro, sta per essere sgomberata, una notte Henriett scende di nascosto in giardino: impaurito, il soldato di guardia le spara "due colpi al chiaro di luna". Nessuno pensa piú al fidanzamento o al matrimonio, in via Katalin tutto si sfalda, niente nella vita dei protagonisti sarà piú come prima. La guerra finisce, l'Ungheria cambia, conosce altri drammi, e mentre Irén, Blanka e Bàlint devono fare i conti con l'irrefrenabile naufragio delle loro esistenze, il fantasma di Henriett osserva l'evolversi dei rapporti fra le persone che ha amato. Con un arco temporale che si estende da 1934 alla fine degli anni Sessanta, "Via Katalin" (che in Ungheria venne pubblicato nel 1969) è forse l'opera piú corale di Magda Szabo: un romanzo di grande suggestione, che coinvolge il lettore nella dolente nostalgia del ricordo e dei sogni non realizzati.
Ordina per
  • 4

    La storia di via Katalin si costruisce a tasselli, dal racconto diretto di un personaggio e del narratore che dei personaggi da una visione soggettiva. E' vero, è un libro corale e non può che esser ...continua

    La storia di via Katalin si costruisce a tasselli, dal racconto diretto di un personaggio e del narratore che dei personaggi da una visione soggettiva. E' vero, è un libro corale e non può che essere così perché esplora la vicenda della vita nel suo essere un insieme di relazioni. È un libro molto visivo, potrebbe essere un film, le scene si stagliano nitide sulla pagina quasi fossero una sceneggiature con entrate e uscite dalla scena, zoom e spot. E c'è' ancora un volta la storia con la S maiuscola, che plasma e sfrangia vite e vicende.

    ha scritto il 

  • 4

    TENERAMENTE MALINCONICO!!!! DOLCEMENTE TRISTE!!!!!

    Dal prologo
    “La fine della giovinezza è terribile non tanto perchè sottrae qualcosa, quanto piuttosto perchè lo apporta. E quel qualcosa non è saggezza, nè serenità, nè lucidità, nè pace. E’ la consap ...continua

    Dal prologo
    “La fine della giovinezza è terribile non tanto perchè sottrae qualcosa, quanto piuttosto perchè lo apporta. E quel qualcosa non è saggezza, nè serenità, nè lucidità, nè pace. E’ la consapevolezza che il Tutto si è dissolto”
    chiude il Prologo
    “Ormai sapevano che la differenza tra i morti e i vivi è solo qualitativa, non conta granchè, e sapevano anche che a ciascuno tocca un solo essere umano da invocare nell’istante della morte”
    Nella via Katalin ci sono, un accanto all’altra, tre case con giardino: quelle dei Bíró, degli Held e degli Elekes. Le tre famiglie che vi abitano sono molto amiche, i bambini (tre femmine: Irén, Blanka ed Henriett e un maschio, Bálint) trascorrono insieme le loro giornate e sono inseparabili., verranno travolte dalla violenza della Storia.
    La musica dell’amicizia infantile continua a risuonare come una canzone triste anche dopo meschinità e lutti, e quando il dramma si è consumato. E’ un’opera che nonostante tutto esalta l’inalterabilità dei sentimenti quando sono profondi e veri, e quelli dei quattro ragazzi lo sono
    Categorie e giudizi storici vengono rimescolati. Chi nasconde in casa sua e cerca di salvare l’ebrea Henriett è il Maggiore Biró, un ufficiale di Horthy, perfettamente consapevole che, facendo questo, rischia la vita. Non tutti quelli della nuova democrazia popolare risultano invece indenni da meschinità, ambizione, spietatezza.
    Ha scritto Bruno Ventavoli, il suo traduttore italiano, il 19 giugno su La Stampa “…chissà se Magda Szabó, dall’altro mondo, si compiace che Via Katalin, il suo «figlio più amato», esca ora in Italia. Il romanzo parla infatti di aldilà, di anime che vanno e vengono come se fossero vive. Perché lei, nonostante l’esistenza trascorsa nel socialismo reale, dove la fede era disprezzata come l’oppio, continuò a credere in Dio e nella vita eterna.”.

    ha scritto il 

  • 4

    "Si capisce sempre troppo tardi che bisognerebbe dilatare il tempo finché possibile, finché si riesce"

    Affascinata da "La porta" ho deciso di leggere anche quest'opera della Szabo', ma dopo le prime pagine sono rimasta bloccata ed indecisa se lasciarla o proseguire. Ho fatto parecchia fatica ad entrare ...continua

    Affascinata da "La porta" ho deciso di leggere anche quest'opera della Szabo', ma dopo le prime pagine sono rimasta bloccata ed indecisa se lasciarla o proseguire. Ho fatto parecchia fatica ad entrare nella storia, a capire i personaggi e i tempi della narrazione: gli sbalzi tra presente e passato e le diverse voci narranti fanno di questo romanzo una lettura impegnativa, ma sono anche gli elementi che la rendono affascinante ed enigmatica. Via Katalin è la strada in cui vivevano spensierati quattro bambini con le loro famiglie fino agli anni della seconda guerra mondiale, fino al giorno in cui, proprio al fidanzamento di due dei protagonisti, Iren e Balint, Henriett viene uccisa da un soldato e Blanka, sorella di Iren, seppur inconsapevolmente, verrà in parte considerata responsabile di questa morte. I personaggi, ben delineati nei loro rapporti e nella loro evoluzione, hanno in sé qualcosa di insolito e misterioso, attraggono e respingono il lettore suscitando sentimenti ed emozioni contrastanti nel corso della vicenda. Iren e Balint si cercano e si allontanano, in un rapporto d'amore ambiguo mai pienamente e contemporaneamente corrisposto che, tuttavia, li tiene inspiegabilmente legati nel corso delle loro esistenze e li porterà, alla fine del romanzo, a stare insieme nel vano tentativo di recuperare la felicità della giovinezza ormai perduta. Blanka è una figura controversa, un personaggio che agisce d'impulso pensando di fare il bene, diviene invece suo malgrado capro espiatorio dell'infelicita' e degli errori altrui. Henriett, la giovane timida ed insicura uccisa dal soldato a sedici anni, mi ha colpita in modo particolare perché, con la sua fragilità e la sua ingenuità, determina e condiziona le vite degli altri personaggi. Henriett è presente nella storia sia prima, sia dopo la sua morte: si palesa infatti tra le pagine come un fantasma, per continuare a "vivere" insieme ai suoi amici senza essere da loro riconosciuta; questo espediente dà alla storia un tocco di struggente malinconia, fa costantemente riflettere su ciò che è stato e su ciò che avrebbe potuto essere. Via Katalin è un libro che non mi ha lasciata indifferente, ha risvegliato in me emozioni e ricordi; mi ha fatto pensare al tempo dell'infanzia, alla vita che fugge, ai rapporti tra amici, tra sorelle, al destino, a ciò che avremmo voluto essere e a ciò che invece siamo diventati. In conclusione, sono felice di aver superato lo scoglio iniziale e di averne proseguito la lettura perché Via Katalin è un bel libro che consiglio di assaporare e meditare con calma.

    ha scritto il 

  • *** Attenzione: di seguito anticipazioni sulla trama (SPOILER) ***

    5

    Lo spazio era diviso in luoghi, il tempo in momenti, gli eventi in episodi, e gli abitanti di Via Katalin avevano infine capito che nelle loro intere vite soltanto un paio di luoghi, un paio di momenti e alcuni episodi contavano davvero.

    Via Katalin è il primo libro che leggo di Magda Szabò, una tra le autrice ungheresi più famose al mondo. Il romanzo, ambientato tra il 1934 e la fine degli anni '60, racconta la storia di tre famiglie ...continua

    Via Katalin è il primo libro che leggo di Magda Szabò, una tra le autrice ungheresi più famose al mondo. Il romanzo, ambientato tra il 1934 e la fine degli anni '60, racconta la storia di tre famiglie: gli Elekes, gli Held e i Bìrò. L'esistenza di queste tre famiglia andrà a intrecciarsi con la storia, mentre la guerra e la persecuzione degli ebrei distruggeranno tutto quello in cui hanno sempre creduto e cambieranno per sempre la vita di via Katalin.
    La Szabò è un'autrice che mi ha sempre incuriosita molto, ho deciso di approcciarmi alla sua produzione letteraria con questo romanzo la cui trama mi ispirava moltissimo e mi sembrava particolarmente nelle mie corde.
    La storia ruota tutta attorno a tre famiglie e appunto a Via Katalin, il luogo in cui hanno sempre vissuto, il posto che contiene tutti i loro ricordi e che, esattamente come loro, subirà un drastico cambiamento. La storia ha un tono piuttosto corale, i personaggi principali sono i giovani della tre famiglie: Bàlint, Irén, Blanka e Henriett. Saranno loro a vivere gli anni turbolenti della guerra e a pagarne le spese, perdendo tutta la gioia e la spensieratezza che sperimentavano a Via Katalin.
    Quello che più mi è piaciuto di questo romanzo, oltre alla storia in sè, è lo stile della Szabò. La narrazione è lenta, dolce, lo stile è molto elegante e poetico. Credo che una narrazione del genere abbia solo migliorato una storia che partiva già con un ottimo potenziale e l'abbia resa davvero speciale.
    Il romanzo è diviso in varie parti che scandiscono i vari anni prima, durante e dopo la guerra. Quello che più colpisce è l'evoluzione psicologica dei personaggi, l'evolversi delle varie storie che vanno a concatenarsi creando un quadro di immensa bellezza che cattura il lettore e lo fa sentire parte della vita che si svolge a via Katalin.
    Si tratta di un romanzo corale, la storia contiene numerosi filoni narrativi che seguono le vicende di vari personaggi. Quello che resta sempre uguale, come intrappolato immobile nel tempo, è proprio Via Katalin. Quel luogo è la costante del romanzo, è il posto dei ricordi più belli ma allo stesso tempo anche dei più brutti, è il luogo in cui tutto inizia e tutto finisce, è il posto a cui tutti vogliono tornare.
    Questo romanzo ha un tono profondamente malinconico e dal sapore dolce amaro, è un romanzo sulla guerra, sull'amore, sull'amicizia, sui sentimenti più profondi che coinvolgono l'animo umano. Una storia suggestiva che trasporta il lettore in un tempo fatto di ricordi, speranze, illusioni e sogni infranti.

    ha scritto il 

  • 5

    "Fu il primo istante della mia vita in cui percepii che i morti non muoiono e che chi ha vissuto per qualche tempo e sotto qualche forma su questa terra è immortale."

    Questo è uno di quei libri che leggo lentamente, senza fretta, per assaporarlo parola per parola, perché non ho nessuna fretta di lasciarlo andare...Via Katalin è il luogo dove i protagonisti sono sta ...continua

    Questo è uno di quei libri che leggo lentamente, senza fretta, per assaporarlo parola per parola, perché non ho nessuna fretta di lasciarlo andare...Via Katalin è il luogo dove i protagonisti sono stati felici, dove hanno vissuto enormi tragedie, e dove tornano ogni volta che la nostalgia assale i loro ricordi e la loro vita. Struggente, triste, meraviglioso capolavoro.

    ha scritto il 

  • 3

    Tolta la non necessaria stucchevolezza data da alcuni personaggi (Henriett su tutti), sarebbe stato un mezzo capolavoro.
    Comunque la Szabò ha la straordinaria capacità di farmi odiare alcuni suoi pers ...continua

    Tolta la non necessaria stucchevolezza data da alcuni personaggi (Henriett su tutti), sarebbe stato un mezzo capolavoro.
    Comunque la Szabò ha la straordinaria capacità di farmi odiare alcuni suoi personaggi (come fossero persone), forse quelli che lei considera i migliori, e parteggiare per altri. Come ne La porta ho detestato Emerenc e condiviso le emozioni di Magda, qui ho odiato Bàlint per il suo essere intrinsecamente una persona schifosa, Henriett e Blanka per essere due dementi totali, e ho sentito empatia per la meschina, insoddisfatta e intelligente Irén.

    ha scritto il 

  • 3

    Tematica bellissima e forte, scrittura valida, ma troppo faticoso. Un libro mosaico, in cui le informazioni ti vengono date in maniera sempre parziale. All' inizio si parlati Blanka, in modo abbasta ...continua

    Tematica bellissima e forte, scrittura valida, ma troppo faticoso. Un libro mosaico, in cui le informazioni ti vengono date in maniera sempre parziale. All' inizio si parlati Blanka, in modo abbastanza enigmatico: sono stata tuttonil libro ad aspettare che quella situazione venisse chiarita, cosa che non accade mai. Anche la morte degli Held Non E' Mai Raccontata??No No Mi PTacciono I Romanzi Con Narrazione Più Linearee Informazioni

    ha scritto il 

  • 3

    Se dicessi che queto è un brutto libro, direi un'eresia. Penso però di poter dire serenamente che a me questo romanzo ha detto e lasciato poco.

    Nonostante i toccanti temi trattati e Via Katalin come ...continua

    Se dicessi che queto è un brutto libro, direi un'eresia. Penso però di poter dire serenamente che a me questo romanzo ha detto e lasciato poco.

    Nonostante i toccanti temi trattati e Via Katalin come la rappresentazione di una vita spensierata, semplice ma felice ormai trascorsa, ho trovato i personaggi freddi al limite dell'antipatia (per dire, Balint non lo digerivo) e poco empatici.
    Paradossalmente, l'unica che è riuscita ad emozionarmi è stata Henriett, che si aggira per tutto il romanzo in veste di spettro, dopo essere stata uccisa appena adolescente dai soldati.
    La trama è abbastanza evanescente, forse volutamente scarna, ma l'ultimo capitolo mi è risultato inintelligibile.

    Era da un po' che volevo leggere Magda Szabo, ma forse Via Katalin non era il libro più indicato da cui iniziare.

    ha scritto il 

Ordina per
Ordina per