Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Vietato

Di

Editore: Voland

3.5
(14)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 135 | Formato: Altri

Isbn-10: 8888700676 | Isbn-13: 9788888700670 | Data di pubblicazione: 

Traduttore: Paola Carbonara

Ti piace Vietato?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Saul Weissmann, settantenne, ebreo, sopravvissuto ad Auschwitz, decide disposarsi per non trascorrere in solitudine la vecchiaia. L'unica "candidata" èuna nubile, da anni in cerca di marito, che pone una condizione: lo sposo deveessere un fervente ebreo come lei. Il rabbino non riscontra le provenecessarie e vieta il matrimonio, gettando l'uomo in una crisi profonda. Comemai era così evidente ai tedeschi la sua identità ebraica, mentre il rabbinosi ostina a non crederci? O forse Weissmann era ebreo per abitudine, soloperché nessuno aveva mai indagato in profondità?
Ordina per
  • 4

    La storia ruota attorno ad una particolare crisi di identità: quella innescata da un rabbino intransigente, che pretende da Saul, il protagonista, la dimostrazione “cartacea” dell’essere ebreo, come se essa da sola fosse determinante, come se non fossero sufficienti i molteplici segni di ciò che ...continua

    La storia ruota attorno ad una particolare crisi di identità: quella innescata da un rabbino intransigente, che pretende da Saul, il protagonista, la dimostrazione “cartacea” dell’essere ebreo, come se essa da sola fosse determinante, come se non fossero sufficienti i molteplici segni di ciò che Saul porta sul proprio corpo (la circoncisione e il tatuaggio del numero che lo identificava come prigioniero ad Auschwitz) e nel proprio spirito (i ricordi della famiglia sterminata nel campo di prigionia e dei soprusi discriminatori subiti prima dell’olocausto, oltre agli spiriti delle migliaia di vittime dei campi di concentramento che turbano i suoi sogni). Ma quello che potrebbe apparire come un racconto drammatico di una vicenda molto intima e personale assume invece connotati più generali perché investe, per astrazione, sia la storia di un popolo intero, nel passato e nel presente, sia la particolare condizione di contrasto che può crearsi tra le proprie convinzioni e quanto invece altri pensano, tra ciò che è per sè e ciò che appare agli altri (un tema che mi è sempre molto caro per la viscerale ammirazione che nutro nei confronti di Pirandello e che mi porta spesso a ritrovare traccia del grande Luigi anche in scritti di altri autori). Situazione di contrasto che sebbene sorga da uno degli aspetti che costituiscono la persona (in questo caso, la dimensione spirituale e religiosa) finisce inevitabilmente per investire la totalità della persona, perché induce a mettere in dubbio o in discussione anche altri aspetti determinanti (significativa a questo proposito è la citazione di Franz Kafka con cui si apre il libro: “Cos’ho in comune con gli ebrei ? Ho a mala pena qualcosa in comune con me stesso”).
    La particolarità di questo romanzo, inaspettata forse se ci si limita a leggere la trama, ma non troppo se già si è letto altro di Karine Tuil (mi è piaciuto molto anche “Di sesso femminile”), è quella di sviluppare la storia con un tono che solo a tratti è dolente mentre nella maggior parte dei casi si dimostra amaramente ironico, tipico della burbera personalità che gli anziani ben rappresentati (e mi viene in mente a questo proposito il protagonista di “Che cosa ti aspetti da me ?” di Licalzi: Mister Vaffanculo !) riescono ad incarnare davanti agli occhi del lettore.

    ha scritto il 

  • 4

    un tizio di religione ebraica vorrebbe sposarsi (alla tenera età di 50 errotti anni) con una cattolica. Si scontrerà con la 'legge' e la rigidità delirante dei correligionari. Buffissimo e verissimo. Breve al punto giusto. Caustico. Una sonatina di beethoven.

    ha scritto il 

  • 3

    Il migliore dei tre (bei) libri di Karine Tuil che ho letto. La storia della crisi di identità innescata da un rabbino in un ebreo settantenne che ha vissuto l'esperienza dei campi di concentramento (e lo testimoniano il tatuaggio che ha sul braccio e i seimila morti che, ogni notte, gli fanno vi ...continua

    Il migliore dei tre (bei) libri di Karine Tuil che ho letto. La storia della crisi di identità innescata da un rabbino in un ebreo settantenne che ha vissuto l'esperienza dei campi di concentramento (e lo testimoniano il tatuaggio che ha sul braccio e i seimila morti che, ogni notte, gli fanno visita popolando i suoi incubi) è feroce e comica.

    ha scritto il