Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Search Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Vigilar y castigar

Nacimiento de la prisión

By

Publisher: Siglo XXI

4.4
(825)

Language:Español | Number of Pages: 314 | Format: Paperback | In other languages: (other languages) French , English , Chi traditional , Chi simplified , Italian

Isbn-10: 9682301173 | Isbn-13: 9789682301179 | Publish date:  | Edition 34

Also available as: Others

Category: History , Philosophy , Social Science

Do you like Vigilar y castigar ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
Sorting by
  • 0

    giovanotto! [documenti]

    il santo padre e il presidente della repubblica
    si sono scambiati gli auguri per il nuovo anno

    l'ho sentito al tg.

    http://www.youtube.com/watch?v=nnxExz0Yj9w

    said on 

  • 0

    in libro che capita sotto l'occhio nel cazzeggio obliquo tra il giro ancora un po' e il ecco la fila della cassa.

    seguo piste tracciate a caso dall'Universo.
    e lui mi asseconda nelle mie fissazioni.

    per ora va bene così, siamo in fase esplorativa. io e le strutture totali fisi ...continue

    in libro che capita sotto l'occhio nel cazzeggio obliquo tra il giro ancora un po' e il ecco la fila della cassa.

    seguo piste tracciate a caso dall'Universo.
    e lui mi asseconda nelle mie fissazioni.

    per ora va bene così, siamo in fase esplorativa. io e le strutture totali fisiche e mentali ci indaghiamo a vicenda da anni.

    domani magari mi arrestano ed ecco svelato il senso del mio accanimento preventivo.

    said on 

  • 5

    Questo non è un semplice libro sulla prigione; Focault riesce attraverso di esso a tracciare una storia non solo dello sviluppo storico della giustizia penale, ma in generale dei rapporti di potere generatisi progressivamente con la nascita della società industriale.
    Partendo da un'analisi ...continue

    Questo non è un semplice libro sulla prigione; Focault riesce attraverso di esso a tracciare una storia non solo dello sviluppo storico della giustizia penale, ma in generale dei rapporti di potere generatisi progressivamente con la nascita della società industriale.
    Partendo da un'analisi della concezione medioevale dalla pena, l'autore permette di osservare come l'attenzione del legislatore si sia via via spostata dal corpo all'anima del reo. Se fino al XVII secolo si continua a punire il crimine in sè e si sopperisce all'incapacità di amministrare efficacemente e capillarmente la giustizia attraverso il morboso spettacolo del supplizio pubblico, con l'Illuminismo si va verso una progressiva "umanizzazione delle pene". Tuttavia, Focault mette in guardia dal leggere questo cambiamento come un semplice e positivo avanzamento della società: se la violenza sul corpo del condannato viene notevolmente ridotta non è per spirito filantropico, ma perchè ad una raggiunta capacità di garantire una giustizia penale che eroghi sempre i suoi castighi si associa l'idea che sia possibile, attraverso il controllo ossessivo di ogni suo comportamento, rieducare il reo e renderlo un membro ordinato e docile della società. Il corpo del condannato diviene quindi semplice mezzo collaterale di punizione: attraverso la carcerazione, la restrizione fisica, si vuole infatti colpire e modificare l'animo del colpevole.
    Tali meccanismi vanno però letti alla luce di una precisa attribuzione classista del potere; a essere puniti con la carcerazione sono in particolar modo i crimini contro la persona e contro il patrimonio compiuti in gran parte dalle classi più disagiate, mentre le frodi fiscali, i fallimenti e le truffe operati dai ricchi passano di fatto per altre fattispecie punitive che non comportano alcun tentativo di rieducazione.
    Focault appare ancora oggi terribilmente attuale, motivo per cui credo che la sua opera di denuncia andrebbe largamente riletta, soprattutto dagli operatori del settore penitenziario, dai giuristi e dagli educatori che dovrebbero finalmente occuparsi di individuare un sistema funzionale che sia quantomeno integrativo della prigione. Credo che l'intento portato avanti dall'autore col suo saggio non fosse quello di incitare al materiale e completo rovesciamento degli ordini sociali costituiti, ma piuttosto di porre un punto di partenza per una graduale rivoluzione di un sistema che due secoli di funzionamento hanno provato essere fallimentare.

    said on 

  • 0

    Fuori scala

    Le carte originali che hanno dato vita a questo "studio" dovrebbero essere messe in una teca sotto vuoto e protette dall'assedio del tempo. Se mi chiedessero di scegliere, tra quelli letti finora, un solo libro da portare con me nel Nuovo Mondo sceglierei questo: un'analisi spettacolare delle ist ...continue

    Le carte originali che hanno dato vita a questo "studio" dovrebbero essere messe in una teca sotto vuoto e protette dall'assedio del tempo. Se mi chiedessero di scegliere, tra quelli letti finora, un solo libro da portare con me nel Nuovo Mondo sceglierei questo: un'analisi spettacolare delle istituzioni e delle regole che reggono il rapporto fra concesso e punito, libertà e costrizione, potere/sapere e impotenza/ignoranza.
    Quest'opera è un'immenso inno indiretto alla libertà: analizzando le dinamiche e l'evoluzione storica del potere di sorvegliare e punire, ci fornisce i mezzi intellettuali per avviare un percorso di emancipazione di massa dall'assoggettamento ai "poteri forti" della società e di approssimazione a una condizione di giustizia e democrazia reale.
    Questo testo rappresenta la bellezza della razionalità quando abbandona le astrazioni fini a se stesse, scende in Terra e si mette al lavoro sporcandosi le mani, mischiandosi tra cose di uomini.
    Manifesto imperituro dell'intelligenza umana applicata allo studio della società umana, questo testo è lo sforzo esemplare di rispondere a una domanda che tutti dovremmo farci: "come si è fatto perché gli uomini accettino il potere di punire, o semplicemente, essendo puniti, tollerino di esserlo."

    said on 

  • 4

    Interessantissimo viaggio nella storia della punizione, che parte dal supplizio come forma di forza da parte del sovrano nei confronti di chi, infrangendo la legge, non fa un crimine contro lo stato e l'ordine pubblico, ma contro la sua autorità.
    Il miglioramento delle condizioni di vita è ...continue

    Interessantissimo viaggio nella storia della punizione, che parte dal supplizio come forma di forza da parte del sovrano nei confronti di chi, infrangendo la legge, non fa un crimine contro lo stato e l'ordine pubblico, ma contro la sua autorità.
    Il miglioramento delle condizioni di vita è accompagnato dalla diminuzione di criminalità (in modo che le pene possano essere indirizzate anche a reati considerati allora minori).
    Sono restato molto affascinato dalla prima parte.
    Molto interessante anche il concetto di panoptismo (oggi attuale come mai).
    Capito l'andamento del percorso proposto da Foucault ho perso interesse per il tema e ho abbandonato.
    Magari lo riprendo in mano un domani, eh, solo che trovarsi 4 mesi sempre con lo stesso libro sul comodino mi ha fatto capire che non è il libro giusto per me in questo periodo.

    said on 

  • 4

    從學校、醫院、軍隊、監獄的設計,發現權力階級為維繫權力地位,不受平民政治削弱手中權力,對平民的權力操作,由過去的單一的、個體的、威嚇的、有形的肉刑,轉變為精緻的、神秘的、隔離的、抽象的規訓,訓練平民們自動的順服。

    said on 

Sorting by