Vincere la paura

La mia vita contro il terrorismo islamico e l'incoscienza dell'Occidente

di | Editore: Mondadori
Voto medio di 103
| 8 contributi totali di cui 6 recensioni , 2 citazioni , 0 immagini , 0 note , 0 video
Per la prima volta Magdi Allam racconta se stesso, musulmano laico nato ecresciuto nell'Egitto di Nasser ed emigrato in Italia nel 1972: "Partendo dalmio vissuto posso testimoniare che soltanto quarant'anni fa la situazione inMedio Oriente era r ...Continua
Thalita
Ha scritto il 28/01/15

nsl

Erika Muscarella
Ha scritto il 05/01/13
Magdi Allam è indubbiamente un ottimo giornalista, ma non mi convince per sincerità. In questo libro dice di non essere cristiano ma musulmano, e si scaglia contro chi lo accusa di parlare dell'Islam dal punto di vista di un cattolico. Ma il suo sec...Continua
marnieblu
Ha scritto il 31/01/11
Alcune associazioni islamiche accusano Magdi Allam di non essere un vero mussulmano e lui si difende dicendo di esserlo al 100%... poi forse si è lasciato convincere dalle ragioni dell'avversario perché si è convertito e dato un nuovo nome... sono co...Continua
  • 1 mi piace
Monnic
Ha scritto il 07/08/09

caro Magdi ti ho regalato una stellina appena finito di leggere,nutrendo un paio di dubbi su alcune tue riflessioni.Ora con la tua conversione ti tolgo pure quella.............perchè quel che è troppo stroppia!!!

  • 2 mi piace
  • 1 commento
rori65
Ha scritto il 18/12/08
Bella la prima parte del libro, in cui l'autore ricorda la sua infanzia. Poi una lunga filippica per spiegare che lui no, non è cristiano, ma come osano dubitarne i musulmani? Per la cronaca, oggi Magdi si chiama "Cristiano" Allam: si è convertito. ...Continua
  • 1 mi piace

Layura
Ha scritto il Apr 21, 2008, 15:41
Il terrorismo non distingue tra vittime lecite e vittime illecite, che il terrorismo massacra indiscriminatamente tutti coloro che non si sottomeno alla sua mercè (..)
Pag. 13
Layura
Ha scritto il Apr 21, 2008, 15:39
Per me conta la persona, con le sue idee, i suoi sentimenti, il suo comportamento.
Considero la religione come uno spazio di spiritualità, un diritto individuale, che non deve costituire una barriera nel rapporto tra le persone.
Pag. 10

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una immagine!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo una nota!

- TIPS -
Nessun elemento trovato
Aggiungi per primo un video!

Lorem Ipsum Color sit Amet
di Nome Autore
Lorem ipsum dolor sit amet, consectetur Suspendisse varius consequat feugiat.
Scheda libro
Aggiungi