Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Vita da freelance

I lavoratori della conoscenza e il loro futuro

Di ,

Editore: Giangiacomo Feltrinelli Editore

3.9
(18)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 288 | Formato: Paperback

Isbn-10: 8807172011 | Isbn-13: 9788807172014 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Genere: Political , Professional & Technical , Social Science

Ti piace Vita da freelance?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
La rappresentazione del lavoro autonomo (o indipendente) finora offerta confonde ancora quello "di prima generazione" (coltivatori diretti, commercianti, artigiani, professioni liberali protette da ordini) con il lavoro scaturito dalla trasformazione postfordista. Si confonde un modo di lavorare antichissimo con quello che è apparso solo negli ultimi trent'anni, creando così pasticci di tipo statistico, mediatico e, cosa assai più grave, normativo.
In questo libro gli autori, di due generazioni differenti, ci aiutano a scoprire che le cose stanno cambiando in profondità anche nell'universo del lavoro indipendente postfordista. Il tipico individualismo del lavoratore indipendente, chiuso nella sua casa-ufficio e collegato al mondo solo per via remota, subisce un profondo cambiamento in virtù di una nuova spinta all'associazionismo, alla coalizione, alla community. Passando da New York a Londra, da Parigi a Milano, gli autori seguono le tracce di un movimento associativo di segno nuovo, che si confronta direttamente con lo stato e il mercato su questioni fiscali, previdenziali, normative. I lavoratori indipendenti vogliono un riconoscimento del loro ruolo nell'economia della conoscenza. Il nuovo mondo delle professioni è fatto di freelance, milioni di lavoratori in perenne tensione tra libertà e vincoli, tra creatività e conformismo, tra sapere tacito e saperi standardizzati. Settori importanti del mondo del business prevedono che questi lavoratori della conoscenza saranno fondamentali nel prossimo futuro. Per questo è utile sin da ora conoscerli meglio.
Ordina per
  • 4

    Per capire il mercato del lavoro

    Una bella indagine sul mercato del lavoro e su tutto quello che si nasconde dietro la parola freelance.
    Un confronto anche con altri paesi per capire come la politica (a livello mondiale) non abbia ancora compreso questo fenomeno post fordista e soprattutto come in Italia siamo particolarme ...continua

    Una bella indagine sul mercato del lavoro e su tutto quello che si nasconde dietro la parola freelance.
    Un confronto anche con altri paesi per capire come la politica (a livello mondiale) non abbia ancora compreso questo fenomeno post fordista e soprattutto come in Italia siamo particolarmente retrogradi.
    Non sempre leggero, ma da leggere.

    ha scritto il 

  • 4

    Banfi e Bologna analizzano la condizione dei freelance e delle partite IVA, stretti fra il mascheramento di un rapporto subordinato e la ghettizzazione rispetto agli ordini professionali. Un libro lucido, pragmatico, molto anglosassone. Che disvela la furbizia di un capitalismo poco etico e un si ...continua

    Banfi e Bologna analizzano la condizione dei freelance e delle partite IVA, stretti fra il mascheramento di un rapporto subordinato e la ghettizzazione rispetto agli ordini professionali. Un libro lucido, pragmatico, molto anglosassone. Che disvela la furbizia di un capitalismo poco etico e un sindacalismo ideologico e simmetricamente punitivo

    ha scritto il 

  • 5

    Il libro offre uno sguardo nuovo su una componente ormai fondamentale del lavoro e dei lavoratori in Italia: supera la consolidata ed inutile dicotomia tra dipendenti e precari e parla in maniera chiara dei lavoratori indipendenti della conoscenza. Rompe uno schematismo facile ed utile a chi non ...continua

    Il libro offre uno sguardo nuovo su una componente ormai fondamentale del lavoro e dei lavoratori in Italia: supera la consolidata ed inutile dicotomia tra dipendenti e precari e parla in maniera chiara dei lavoratori indipendenti della conoscenza. Rompe uno schematismo facile ed utile a chi non voglia cambiare le cose. Un libro non piagnone, ma che fotografa bene la situazione attuale e propone, cosa rara, alcune soluzioni.

    ha scritto il 

  • 5

    C'è un universo intero in queste pagine, vissuto quotidianamente in solitaria. Rompere questa solitudine è il primo passo. Perché il mondo del lavoro ormai è radicalmente cambiato e la sensazione è che siano in pochi a essersene accorti. Quelli che lo vivono tutti i giorni, di certo non la politi ...continua

    C'è un universo intero in queste pagine, vissuto quotidianamente in solitaria. Rompere questa solitudine è il primo passo. Perché il mondo del lavoro ormai è radicalmente cambiato e la sensazione è che siano in pochi a essersene accorti. Quelli che lo vivono tutti i giorni, di certo non la politica. La consapevolezza che solo unendo le forze si possa migliorare la situazione può essere l'inizio di un cambiamento.

    ha scritto il