Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Vite degli uomini illustri

Di

Editore: Rizzoli (BUR, 304)

3.9
(192)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 170 | Formato: Paperback

Isbn-10: A000097813 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Disponibile anche come: Altri

Genere: Fiction & Literature , Humor

Ti piace Vite degli uomini illustri?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 0

    Di Campanile avevo letto spizzichi e muorzi, prima di ingurgitare, leccandomi i baffi, un intero suo libricino, In campagna è un’altra cosa.
    E, da compulsiva ossessiva, - senza sosta digestione – sono passata alle “Vite degli uomini illustri”.
    Orbene.
    L’idea è magnifique, i ...continua

    Di Campanile avevo letto spizzichi e muorzi, prima di ingurgitare, leccandomi i baffi, un intero suo libricino, In campagna è un’altra cosa.
    E, da compulsiva ossessiva, - senza sosta digestione – sono passata alle “Vite degli uomini illustri”.
    Orbene.
    L’idea è magnifique, irriverente e dissacrante.
    Campanile parte da aneddoti, da frasi famose, da vezzi o caratteristiche di personaggi illustri, da Cornelia madre dei Gracchi a Beethoven (alcuni uomini sono poco lustri, ma vabbuò), per dipingere scenari paradossali o per giocare con i significati e con i suoni delle parole, ottenendo effetti talvolta umoristici.
    Talvolta, stavolta, che non tutti i ritrattini mi sembrano riusciti.
    (meno della metà, in verità)

    Alcuni sono però carini assai, come il racconto dell’esame di Socrate, bocciato dagli esaminatori perché affermava testardamente “di nulla sapere”, o il resoconto dell’infelicità di Talleyrand che per la sua massima “La parola serve non a rivelare ma a mascherare il pensiero” è destinato ad essere incompreso anche dai suoi familiari, o gli aneddoti su Alessandro Volta, di cui riporto la parte finale:
    “La passione per la scienza era ereditaria nella famiglia di Alessandro. Era stata trasmessa di Volta in Volta.
    Un giorno la moglie fece affrescare i soffitti dello studio e dell’attigua stanza da letto e Alessandro, quando li vide, ne fu così contento che restò a lungo a contemplare prima quello dello studio, poi l’altro e infine la moglie ideatrice dei freschi.
    Da allora restò memorabile la volta in cui il volto di Volta, fu volto a volta a volta alla volta della prima volta, alla volta della seconda volta e alla volta della Volta (volta).
    IL PORTINAIO (riordinando le chiavi che gli sono state affidate dagli inquilini assenti dello stabile in cui abita anche il grande fisico) Accidenti, non riesco a trovare la chiave di Volta. “

    Facendo conto che il numero dei possessori di un certo libro su anobii abbia un valore statistico, “In campagna è un’altra cosa” risulta essere meno noto rispetto a “Vite di uomini illustri”.

    Io l’ho trovato di gran lunga più interessante e divertente.

    ha scritto il 

  • 4

    Se cercate la semplice freddura, la battuta, è meglio leggere le barzellette di Totti.

    Divertenti giochi surreali sui luoghi comuni che circondano certi personaggi fin dai tempi delle elementari (le elementari ante riforma; dopo neanche i luoghi comuni). L’asino di Buridano, l’uovo di Colombo, il sasso di Dante, l’enunciato So di non sapere di Socrate, i gioielli di Cornelia e via ...continua

    Divertenti giochi surreali sui luoghi comuni che circondano certi personaggi fin dai tempi delle elementari (le elementari ante riforma; dopo neanche i luoghi comuni). L’asino di Buridano, l’uovo di Colombo, il sasso di Dante, l’enunciato So di non sapere di Socrate, i gioielli di Cornelia e via dicendo.
    Gioca sulle parole e sui doppi sensi, inserisce fatti quotidiani nelle vite di tali personaggi, ne distorce i significati o li ingigantisce. Li guarda con gli occhi dell’oggi e ne trova la vena comica o grottesca. Qualcuno ha detto che letto dopo Baudolino è inconsistente. A parte non capire il nesso tra i due testi, fu proprio Eco, quarant’anni fa, a riproporre Campanile, analizzandone lo stile e la modernità.

    Uno proprio non gli piace: Voltaire.
    “Trovo in un’enciclopedia: E’ nota la sua risposta a Franklin, che gli presentava il suo figlioletto da benedire .. E la risposta di Voltaire: Dio e la libertà. Si può essere più gigioni?""

    ha scritto il 

  • 4

    Tutti gli aneddoti sui personaggi della storia che ci affliggono durante la carriera scolastica dissacrati dal sottile umorismo e dall'ironia di Campanile. Tanti testi comici ancora si ispirano alla sua vena, e non pochi mettono in scena suoi lavori.. www.youtube.com/watch?v=l6XhHoq5jkc

    ha scritto il 

  • 2

    Ancora una volta vado in controtendenza... ma non mi ha fatto particolari effetti a parte un pò di noia. Tante ministorie su alcuni personaggi famosi del tempo passato, anzi, su alcune loro particolarità storiche.

    ha scritto il 

Ordina per