Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Voci

Di

Editore: Adelphi

4.2
(21)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 399 | Formato: Altri

Isbn-10: 8845906094 | Isbn-13: 9788845906091 | Data di pubblicazione:  | Edizione 2

Traduttore: G. Forti

Disponibile anche come: Paperback

Ti piace Voci?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Ordina per
  • 5

    Ricordi autobiografici d'uno scrittore americano di famiglia tedesca, scritti a grande distanza dai fatti raccontati, che possiamo dunque immaginare anche un po' dilatati ed abbelliti: ma che importa? Le rievocazioni del tennista Bill Tilden, della mitica Pavlova, di Ezra Pound o di Gertrude Stei ...continua

    Ricordi autobiografici d'uno scrittore americano di famiglia tedesca, scritti a grande distanza dai fatti raccontati, che possiamo dunque immaginare anche un po' dilatati ed abbelliti: ma che importa? Le rievocazioni del tennista Bill Tilden, della mitica Pavlova, di Ezra Pound o di Gertrude Stein sono vivacissime, e si leggono con estremo godimento.

    ha scritto il 

  • 5

    l'adorabile Frederic

    Libro adorabile. Lo sto rileggendo. Considerato che Frederic Prokosch lo ha scritto negli anni 80 e descrive incontri di 50 anni prima, è probabile che siano tutti "ricordi inventati" (benchè FP millanti l'esistenza di quaderni con appunti schizzati in presa diretta durante o dopo i rendez vous c ...continua

    Libro adorabile. Lo sto rileggendo. Considerato che Frederic Prokosch lo ha scritto negli anni 80 e descrive incontri di 50 anni prima, è probabile che siano tutti "ricordi inventati" (benchè FP millanti l'esistenza di quaderni con appunti schizzati in presa diretta durante o dopo i rendez vous con queste leggende della letteratura). Ma incontri/ritratti del tutto plausibili. Le cose che ci piace sentir raccontare di Auden, de La Mare, Stein, Joyce etc etc... E in ogni caso ritratti perfetti, con quel tono lievemente perfido (e mai, mai snob)

    ha scritto il 

  • 0

    Libro prezioso, vista anche la sua attuale difficile reperibilità, per cui consiglio a chi lo incrociasse di non farselo scappare, nuovo, usato o comunque rimediato. F. Prokosch è uno scrittore americano, di non chiarissima fama (se si eccettua un iniziale discreto successo del suo libro - Gli As ...continua

    Libro prezioso, vista anche la sua attuale difficile reperibilità, per cui consiglio a chi lo incrociasse di non farselo scappare, nuovo, usato o comunque rimediato. F. Prokosch è uno scrittore americano, di non chiarissima fama (se si eccettua un iniziale discreto successo del suo libro - Gli Asiatici - in Italia sempre edito da Adelphi e anch'esso quasi introvabile), ma che ha coltivato in tutti gli anni della sua vita, trascorsa tra l'America e l'Europa, oltre all'amore per le farfalle che quì ritroveremo, la capacità o la pervicacia di stanare scrittori e artisti famosi e annotare per ognuno di questi incontri delle piccole folgorazioni su un episodio o un aspetto di questi personaggi o, se vogliamo, di registrare per l'appunto le loro voci. Ne esce fuori una galleria di godibilissimi piccoli ritratti - Auden, Joyce, Forster, Brecht,V. Woolf, Gide, Eliot, D. Thomas. G. Stein, Hemingway, Pound, Blixen ed altri - che ci illuminano per un attimo il volto di un qualcuno che abbiamo comunque già incontrato o amato nella nostra vita di lettori.

    ha scritto il 

Ordina per