Crea la tua biblioteca Iscriviti

Insieme troveremo i libri migliori

[−]
  • Cerca Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Volto Nascosto n. 6

Gli eroi di Macallé

Di ,

Editore: Sergio Bonelli Editore

4.0
(80)

Lingua:Italiano | Numero di pagine: 98 | Formato: Paperback

Isbn-10: A000092434 | Data di pubblicazione:  | Edizione 1

Illustrazione di copertina: Massimo Rotundo

Genere: Comics & Graphic Novels , Fiction & Literature , History

Ti piace Volto Nascosto n. 6?
Iscriviti ad aNobii per vedere chi dei tuoi amici lo ha letto, e scopri libri simili!

Registrati gratis
Descrizione del libro
Volto Nascosto n. 6, mensile
Gli eroi di Macallé

Soggetto e sceneggiatura: Gianfranco Manfredi
Disegni: Roberto Diso
Copertina: Massimo Rotundo

Mentre continua la strenua resistenza dei militari italiani assediati a Macallé, Vittorio e il suo squadrone indigeno vengono inviati a chiedere rinforzi al Quartier Generale, ma incontrano sulla loro strada i predoni di Volto Nascosto. Tra Vittorio e il mitico guerriero dalla maschera d’argento inizia un duello all’ultimo sangue…
Ordina per
  • 4

    Un eroismo antiretorico

    L'eroismo rappresentato da Gianfranco Manfredi in queste pagine non è quello retorico e acritico che esalta l'individualismo del soldato, ma quello di chi sa sacrificarsi per la propria comunità, anche se sta dalla parte sbagliata, e di cui il personaggio del tenente Vittorio De Cesari è un perfe ...continua

    L'eroismo rappresentato da Gianfranco Manfredi in queste pagine non è quello retorico e acritico che esalta l'individualismo del soldato, ma quello di chi sa sacrificarsi per la propria comunità, anche se sta dalla parte sbagliata, e di cui il personaggio del tenente Vittorio De Cesari è un perfetto rappresentante. E la sconfitta, sembra suggerirci l'autore, si annida sempre nell'obbedienza cieca, nell'impossibilità di ragionare, nell'obbligo di eseguire gli ordini.
    Siamo oramai nel gennaio del 1895, e mentre le truppe che presidiano la fortezza di Macallé resistono all'assedio abbandonate da chi ha promesso loro rinforzi, a Roma si chiede con insistenza la fine della guerra. Ma Ugo Pastore è troppo coinvolto dalle fobie e dall'isteria di Matilde per occuparsi di politica. Le conseguenze si manifesteranno nel volume successivo.
    Un grande romanzo a fumetti nel quale l'autore, qui coadiuvato da un ottimo Roberto Diso, compone un affresco efficace e indimenticabile di un periodo buio della nostra Storia.

    ha scritto il 

  • 4

    numeri cinque e sei

    Parlo insieme di questi due numeri perché entrambi si svolgono quasi totalmente in territorio africano lasciando le problematiche amorose di Ugo e Matilde molto lontane dalla tragedia che incombe sulle nostre truppe a Macallè.
    L’atmosfera dell’assedio è resa molto bene,dove eroismo , stupidi ...continua

    Parlo insieme di questi due numeri perché entrambi si svolgono quasi totalmente in territorio africano lasciando le problematiche amorose di Ugo e Matilde molto lontane dalla tragedia che incombe sulle nostre truppe a Macallè.
    L’atmosfera dell’assedio è resa molto bene,dove eroismo , stupidità militare e inutilità sono sempre alla ribalta.
    Il personaggio di Vittorio acquista ancor più spessore soprattutto nei confronti bellici con volto nascosto,dal quale pur uscendo vittorioso in un duello non riuscirà a smascherarlo e verrà catturato da questi.
    Spero per voi che non vi stiate perdendo questa miniserie perchè davvero ne vale la pena

    ha scritto il