Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Rechercher Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

Voyages de Gulliver

By

Editeur: Gallimard

3.9
(4012)

Language:Français | Number of pages: 443 | Format: Paperback | En langues différentes: (langues différentes) English , Spanish , German , Japanese , Italian , Chi traditional , Greek , Portuguese , Latvian , Catalan , Dutch , Polish , Czech , Croatian , Romanian

Isbn-10: 2070365972 | Isbn-13: 9782070365975 | Publish date: 

Aussi disponible comme: Others

Category: Fiction & Literature , Science Fiction & Fantasy , Travel

Aimez-vous Voyages de Gulliver ?
Devenez membre de aNobii, voyez si vos amis l'ont lu et découvrez des livres du mème genre!

Inscrivez-vous gratuitement
Description du livre
Sorting by
  • 2

    Non un libro per bambini

    "Avrei forse potuto meravigliarti con racconti strani e incredibili, ma ho preferito raccontarti i fatti cosi come sono accaduti in uno stile semplicissimo, perchè il mio intento principale è sempre s ...continuer

    "Avrei forse potuto meravigliarti con racconti strani e incredibili, ma ho preferito raccontarti i fatti cosi come sono accaduti in uno stile semplicissimo, perchè il mio intento principale è sempre stato quello di istruirti, non di divertirti".
    L'autore mette in chiaro lo stile con cui accompagnerà il lettore lungo questo suo "diario" ma lo fa soltanto alla fine del libro.
    Sicuramente tutti ricordano la prima parte di questo racconto ma le altre tre mettono in risalto il vero messaggio che l'autore ha voluto racchiudere in questo libro. Mi è stato utile sapere che il libro era, oltre che fantastico, nato con l'intento satirico. Mettendo cosi in risalto tanti aspetti che sicuramente i più piccoli troverebbero anche fuoriluogo.

    dit le 

  • 4

    Dreamlike. Wide imagination in the author's mind. Desire to explore and learn about the alternatives that nature and society could offer. Boring at first, greatly enhances later. - Onirico. Grande imm ...continuer

    Dreamlike. Wide imagination in the author's mind. Desire to explore and learn about the alternatives that nature and society could offer. Boring at first, greatly enhances later. - Onirico. Grande immaginazione nella mente dell'autore. Tanta voglia di esplorare e conoscere le alternative che la natura e la societa' potrebbero offrire. Noioso all'inizio, migliora molto nel seguito.

    dit le 

  • 4

    All'inizio sembra un libro per ragazzi, ma, andando avanti nella lettura (nelle parti successive meno note), si vede che l'esperienza del protagonista nelle terre immaginarie, è tutto un escamotage pe ...continuer

    All'inizio sembra un libro per ragazzi, ma, andando avanti nella lettura (nelle parti successive meno note), si vede che l'esperienza del protagonista nelle terre immaginarie, è tutto un escamotage per criticare la società inglese, ed umana in generale, dell'epoca di Swift, con il suo materialismo, egoismo, le sue falsità e tutti i comportamenti ben lontani da quelle virtù che dovrebbero ispirare una società civile.

    dit le 

  • 3

    due parti

    Noioso nella prima parte, anche perché l’argomento dei lillipuziani è trito e ri-trito, diventa geniale nella seconda, specialmente per quanto riguarda le considerazioni politiche e quando mette in ev ...continuer

    Noioso nella prima parte, anche perché l’argomento dei lillipuziani è trito e ri-trito, diventa geniale nella seconda, specialmente per quanto riguarda le considerazioni politiche e quando mette in evidenza quanto l’uomo sia diventato un pessimo animale, in contrasto con la natura e con la logica.

    dit le 

  • 5

    Gulliver e i lillipuziani

    Gulliver è un medico inglese a cui piace viaggiare.
    Tutto ha inizio quando il mercantile sul quale era a borgo naufraga a causa di una forte tempesta.
    Gulliver si salva per miracolo e giunge a riva a ...continuer

    Gulliver è un medico inglese a cui piace viaggiare.
    Tutto ha inizio quando il mercantile sul quale era a borgo naufraga a causa di una forte tempesta.
    Gulliver si salva per miracolo e giunge a riva a nuoto sull’isola dei lillipuziani, dove si ritroverà ad essere un gigante rispetto agli abitanti del posto.
    In un primo momento verrà tenuto prigioniero da questi esserini, ma fortunatamente con il passare dei giorni riuscirà a conquistare la loro fiducia.
    In questa isola aiuterà i suoi ospitanti, ma le loro richieste con il passare del tempo diventeranno man mano troppo crudeli e questo medico farà di tutto per cercare di scappare.
    Le sue disavventure però non finiranno qui, a Gulliver capiteranno moltissime altre peripezie.

    Questo libro è stato pubblicato per la prima volta nel 1726 e successivamente è stato riveduto nel 1735.
    È un romanzo fantastico pieno di satira che prende “un po’” in giro l’Inghilterra e la Francia di quel periodo.
    Si tratta di un libro molto descrittivo che ci metterà in contatto con gli usi ed i costumi dei popoli che il protagonista incontrerà nel suo cammino.
    La descrizione degli eventi è stata fatta in maniera logica e temporale quindi si può dire che la fabula e l’intreccio coincidono alla perfezione.
    Inoltre i vari eventi raccontati dal protagonista vengono narrati direttamente dai suoi flashback.

    Che altro dire?
    Mi sento di consigliare questo libro per poter viaggiare con la fantasia insieme a Gulliver.

    Buona lettura!

    dit le 

  • 5

    Capolavoro attuale oggi come ieri. E domani?

    Questo libro, capolavoro assoluto di Jonathan Swift, costituisce una lucida, impietosa e - purtroppo - del tutto veritiera analisi dell'essere umano, con i suoi innumerevoli vizi.
    Certe pagine potrebb ...continuer

    Questo libro, capolavoro assoluto di Jonathan Swift, costituisce una lucida, impietosa e - purtroppo - del tutto veritiera analisi dell'essere umano, con i suoi innumerevoli vizi.
    Certe pagine potrebbero essere scritte ieri.
    Come non dare ragione al cavallo sapiente (ultimo dei viaggi di Gulliver) che - come segnalato da un altro lettore - afferma: "Quando un essere che pretende di essere razionale si macchia di tutte le atrocità a cui avete accennato comincio allora a pensare che la ragione usata male sia peggio della naturale brutalità". Insomma, meglio gli scimmieschi "Yahoo" piuttosto che gli uomini che usano la razionalità per prevaricare, uccidere, distruggere, rovinare, se stessi e l'ambiente circostante.
    NON è assolutamente un libro da bambini: i primi 2 capitoli, con i lillipuziani e gli uomini giganti, sono in realtà quelli meno significativi del libro.
    Oltre ai già citati cavalli sapienti dell'ultimo capitolo, ricorderei la breve ma straordinaria parte dedicata agli "immortali" che nascono con un disco in fronte, nella quale Swift smonta totalmente uno dei più classici miti umani, quello dell'immortalità, appunto.

    dit le 

  • 5

    Ácida crítica con humor

    Obra cumbre del siglo XVIII, donde utilizando la sátira y la ironía, critica la sociedad, la política, la sociedad intelectual, la economía, la moral, la ciencia (donde ridiculiza a científicos y dive ...continuer

    Obra cumbre del siglo XVIII, donde utilizando la sátira y la ironía, critica la sociedad, la política, la sociedad intelectual, la economía, la moral, la ciencia (donde ridiculiza a científicos y diversas ramas de la ciencia muy duramente pero con gran sentido del humor), la religión, etc. de su tiempo. También incluye varios pasajes eróticos, de un tono subido para su época.
    Me gustaría saber quién fue el “lumbreras” que cogió la novela, la cortó, censuró, manipuló el estilo, el fondo y el espíritu de la obra, para convertirla en una cursi adaptación para la literatura infantil.
    Muy recomendable.

    Mi nota: 9.

    dit le 

  • 5

    «Quando un essere che pretende di essere razionale si macchia di tutte le atrocità a cui avete accennato comincio allora a pensare che la ragione usata male sia peggio della naturale brutalità»

    E' que ...continuer

    «Quando un essere che pretende di essere razionale si macchia di tutte le atrocità a cui avete accennato comincio allora a pensare che la ragione usata male sia peggio della naturale brutalità»

    E' questo lo stesso libro illustrato che da bambina leggevo e rileggevo, immaginando di viaggiare anch'io in mondi lontani popolati giganti, cavalli parlanti e creaturine minuscole?
    Un po sì. Ma in gran parte no.
    Quando ho deciso di leggere la versione integrale de I viaggi di Gulliver mi aspettavo grandi cose, e invece ho trovato immense cose.
    Attraverso i viaggi del protagonista, in un crescendo che dai piccoli lillipuziani arriva all'affascinante e quasi ultraterrena terra degli Houyhnhnms, i magnifici cavallli dotati di intelletto superiore ed esempio della societas perfecta, Swift muove un'impietosa critica alla società corrotta del suo tempo, giocando con il lettore grazie ad una prosa brillante ed un'ironia affilata come la lama di un rasoio. Estremamente profonde e significative le conversazioni tra Gulliver e il suo padrone Houyhnhmn, dove il romanzo raggiunge il suo apogeo. E orribilmente realistico il ritratto dell'umanità nei ributtanti yahoo, nei loro vizi, nel loro degrado.
    Un libro da leggere. Da leggere da bambini per sognare e fantasticare, da adulti per riflettere e meditare.

    dit le 

Sorting by