Create your own shelf sign up

Together we find better books

[−]
  • Search Conteggio caratteri ISBN valido ISBN non valido Codice a barre valido Codice a barre non valido loading search

W pierscieniu ognia

By

4.2
(11562)

Language:Polski | Number of Pages: 360 | Format: idBinding_ | In other languages: (other languages) English , Spanish , Chi traditional , Catalan , Swedish , Italian , Portuguese , Chi simplified , French , Dutch , Korean , German , Finnish , Czech , Russian , Danish

Isbn-10: 8372783950 | Isbn-13: 9788372783950 | Publish date: 

Category: Fiction & Literature , Science Fiction & Fantasy , Teens

Do you like W pierscieniu ognia ?
Join aNobii to see if your friends read it, and discover similar books!

Sign up for free
Book Description
Sorting by
  • 3

    lettura scorrevole, ma niente di chè

    rispetto al volume precedente, questo ha un grosso difetto a mio parere: è chiaramente un 'ponte', nel senso che la storia non si conclude, lasciando platealmente il lettore in sospeso in attesa di un ...continue

    rispetto al volume precedente, questo ha un grosso difetto a mio parere: è chiaramente un 'ponte', nel senso che la storia non si conclude, lasciando platealmente il lettore in sospeso in attesa di un altro romanzo. ed io detesto questo tipo di storie.

    il fatto che la storia sia narrata in prima persona, se aggiunge qualcosa, limita i possibili sviluppi (se muore il narratore, chi porta avanti la storia?).

    il romanzo sembra seguire precisamente i dettami di a.e. van vogt, che sosteneva che l'eroe deve trovarsi in una situazione pericolosa ogni 10 pagine, ed ogni volta la situazione deve essere peggiore, più difficile e più estrema della precedente, in un crescendo di suspence. come dicevo sopra, la prima persona narrante limita un po' questo effetto.

    lettura scorrevole, ma sicuramente non un libro che rileggerei.

    said on 

  • *** This comment contains spoilers! ***

    5

    Da brividi! Sono una di quelle persone che per le saghe ha dei pregiudizi grosse come case e il primo pregiudizio è: il secondo è sempre peggio del primo. Almeno nella maggior parte di saghe che ho le ...continue

    Da brividi! Sono una di quelle persone che per le saghe ha dei pregiudizi grosse come case e il primo pregiudizio è: il secondo è sempre peggio del primo. Almeno nella maggior parte di saghe che ho letto. la cosa funzionava così, un secondo un po' moscio che lascia spazio ad un terzo niente male (e così via). Per quel che mi riguarda, invece, La ragazza di fuoco è anche meglio di Hunger Games. Porca paletta. Incuriosisce su Haymitch, sul Distretto 13, sui piani del presidente Snow, sulla rivoluzione dei distretti, su Plutarch. Peeta è il vero protagonista, con la sua bontà, con la sua dolcezza e Katniss... beh, andiamo, bimba, sei un po' lenta di comprendonio amor mio!! Alcune cose erano talmente lampanti che mi chiedo come tu abbia fatto ad arrivarci a 4 pagine dalla fine (ti hanno travestita da ghiandaia imitatrice Cristo Santo! Non puoi non fare due più due!). Gale diventa un esserino insignificante che in tanti anni poteva anche essersi svegliato prima ma va beh, gli si vuole bene uguale dai.
    In questo libro si esplorano a fondo tutti i personaggi (o quasi!), scaviamo oltre la superficie, ci affezioniamo a loro. Anche a Finnik il finto mandrillone innamorato (piccolo cucciolo di mamma). Vengono gettate le basi per una rivoluzione con i fiocchi e si passa quel tanto che basta a ragionare su complotti di un mondo sempre più Orwelliano. L'Arena è da brividi, tra pioggia di sangue, nebbia acida, scimmie ibridi, le Ghiandaie Chiacchierone sono la ciliegina sulla torta di un incubo. Più profondo del precedente questo libro non si limita ad una storiella, su come due ragazzi hanno vinto la settantaquattresima edizione degli Hunger Games perché (falsamente) innamorati, qui si parla di riuniure tutti i distretti per una guerra contro Capitol, mica chiacchiere! Per poi terminare sul più bello come è ovvio.
    Bene, ho delirato abbastanza, mi immergo nel terzo, in modo da perdere definitivamente la mia lucidità mentale

    said on 

  • 5

    Molto bello

    libro molto bello...l'autrice mi ha fatto stare attaccato al libro come al solito ogni pagina che leggevo rimanevo sempre più coinvolta.
    i pensieri della protagonista sono sempre fantastici e in più a ...continue

    libro molto bello...l'autrice mi ha fatto stare attaccato al libro come al solito ogni pagina che leggevo rimanevo sempre più coinvolta.
    i pensieri della protagonista sono sempre fantastici e in più anche se ancora non lo ha capito mi piace come descrive ciò che prova per l'altro protagonista, mettendo in discussione tutto ciò che prova le persone

    said on 

  • 4

    "Ricorda chi è il vero nemico"...

    Ritornano gli Hunger Games, con una Edizione della Memoria, il Quarter Quell, e ritroviamo Katniss e Peeta di nuovo intenti a lottare per la loro vita all'interno di un'arena infernale. Questa volta a ...continue

    Ritornano gli Hunger Games, con una Edizione della Memoria, il Quarter Quell, e ritroviamo Katniss e Peeta di nuovo intenti a lottare per la loro vita all'interno di un'arena infernale. Questa volta avranno come avversari dei concorrenti molto più temibili rispetto a quelli dell'edizione che li ha visti vincitori perché per questi giochi i Tributi sono stati sorteggiati tra i vincitori ancora in vita di ciascun Distretto. La Collins torna col secondo capitolo della saga dove ritroviamo Katniss e Peeta alle prese con un'edizione speciale dei giochi, ancor più sanguinosa ove questo fosse possibile, e con una storia ricca di twist e di adrenalina (soprattutto quando si scende nell'arena). Il libro mi è piaciuto molto: lo stile della Collins, che tanto avevo apprezzato nel primo libro, viene confermato anche in questo secondo volume della trilogia tuttavia in questo secondo libro ho ravvisato un lieve calo narrativo soprattutto nel finale.
    Per la recensione completa vi rimando alla mia pagina facebook https://www.facebook.com/pages/Il-Giardino-Segreto-di-Titti/391181627744321?sk=timeline

    said on 

  • *** This comment contains spoilers! ***

    3

    No logró atraparme

    A diferencia de la primer entrega dónde sus páginas se te escurrían de las manos, llenas de emoción y tensión, esta vez nos encontramos nuevamente en un escenario similar, muy similar. Básicamente el ...continue

    A diferencia de la primer entrega dónde sus páginas se te escurrían de las manos, llenas de emoción y tensión, esta vez nos encontramos nuevamente en un escenario similar, muy similar. Básicamente el mismo, con otros personajes por razones obvias y justificando su participación en los conocidos y mortíferos juegos de una manera bastante inverosímil. También las situaciones en la arena, a diferencia del primer tomo, en algunos casos dejan de pertenecer a la ciencia ficción para encuadrarse en la fantasía, siendo esto válido pero no muy bien logrado. Constantemente se respira un aire de conspiración que no se materializa hasta literalmente las últimas tres páginas. Durante la lectura me pregunté varias veces si realmente continuaría leyendo la trilogía, pero dado los acontecimientos culmines de esta entrega, realmente lo haré, ya que la autora consiguió captar a sus lectores para la compra del último libro de esta trilogía.

    said on 

  • 4

    Di nuovo dentro l'arena!

    Dopo tutto ciò che è successo nel primo libro, il sistema è stato incrinato, non era mai successo che uscissero due vincitori dagli Hunger Games, così il crudele presidente Snow deve inventarsi qualco ...continue

    Dopo tutto ciò che è successo nel primo libro, il sistema è stato incrinato, non era mai successo che uscissero due vincitori dagli Hunger Games, così il crudele presidente Snow deve inventarsi qualcosa per sistemare la situazione e riportare uno stato di totale controllo nei distretti. Il libro crea ancora quel senso di assuefazione come il primo, da paragonare soltanto ai libri di Harry Potter.

    "Ad un certo punto, devi smettere di correre, girarti e affrontare chi ti vuole morto. La cosa più difficile è trovare il coraggio per farlo."

    said on 

  • 4

    http://libreriadinelly.blogspot.it/2015/05/recensione-hunger-games-la-ragazza-di.html

    Abbiamo lasciato Katniss e Peeta ad una vita più agiata, adesso hanno sempre cibo, e vivono nel quartiere di Haymitch con case quindi decenti. I due fanno il tour della vittoria ma non i tutti i distr ...continue

    Abbiamo lasciato Katniss e Peeta ad una vita più agiata, adesso hanno sempre cibo, e vivono nel quartiere di Haymitch con case quindi decenti. I due fanno il tour della vittoria ma non i tutti i distretti sono visti di buon occhio, e proprio in quello di Rue accadrà un incidente diplomatico. Le cose stanno cambiando, Katniss non può più andare a caccia perché il filo spinato è tornato ad avere corrente tutto il giorno, e le guardie non sono più quelle bonarie di prima, anzi adesso per un non nulla ti puniscono in piazza sotto gli occhi di tutti... (CONTINUA SUL MIO BLOG)

    said on 

Sorting by